Breaking News
© Getty Images

Napoli, De Laurentiis: "Il secondo posto non mi basta. Questa città..."

Il presidente azzurro espone il suo progetto, che va oltre il calcio

NAPOLI DE LAURENTIIS / NAPOLI - Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha concesso una lunga intervista a 'Repubblica', nel corso della quale ha affrontato svariati argomenti, come ad esempio lo stato attuale del calcio: "Ho scoperto un movimento vecchio, fatto di conservatori con poca voglia di crescere e stare al passo.
Mi trattavano come un visionario inizialmente ma infine mi hanno dato ragione". 

NAPOLI - "Quando seppi del fallimenti, mi lanciai anima e copro in quest'avventura.
Era stata ferita e mortificata l'intera città.
Ho dovuto fare una full immersion, dalla serie C alla Champions.
Dodici anni fa eravamo circa cinquecentesimi nel ranking, oggi siamo nelle prime venti.
Per me è ancora tutto 'work in progress'.
Chi si ferma è perduto.
Questo è un concetto che vale per il calcio come per la vita".

NAPOLI - "La città è stata martoriata dalla spazzatura, dalla 'terra dei fuochi' e dai cantieri sorti un po' ovunque.
Sono stati anni difficili ma questo non ci autorizza a gettare la spugna.
Spesso penso a un Comitato per la città, al quale dovrebbe prendere parte il popolo, con industriali, intellettuali, la sovraintendenza e anche noi del Napoli.
Per un mese si litigherebbe ma poi il Comitato potrebbe tirar fuori sei o sette priorità di interesse comune, per fare il bene della città".

DE MAGISTRIS - "Mai avuto problemi con il sindaco.
Il mio rapporto con lui è stato franco e collaborativo.
I problemi nascono quando si spegne la luce del sindaco ed entrano in gioco altri fattori.
In 40 giorni avrei fatto i lavori più urgenti al San Paolo, lavorando anche di notte.
La burocrazia ha fermato tutto".

OBIETTIVI - "Non mi accontento del secondo posto.
Occorre sempre puntare in alto.
Guai a dare per scontato quanto fatto però.
Ricordiamoci da dove siamo partiti".

L.I.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Serie A   Napoli  
    Napoli, Mertens: "Vinciamo per Milik. Maradona? Ho tanto rispetto"
    Napoli, Mertens: "Vinciamo per Milik. Maradona? Ho tanto rispetto"
    Il folletto belga ha parlato del momento che sta vivendo e dei prossimi impegni che lo aspettano
    Serie A   Spal   Napoli
    Serie A, Spal-Napoli 2-3: decide Ghoulam, paura per Milik
    Serie A, Spal-Napoli 2-3: decide Ghoulam, paura per Milik
    Decide una rete dell'algerino a pochi minuti dal termine
    Serie A   Lazio   Napoli
    Lazio-Napoli, Inzaghi: "Aprire un ciclo? Non cedere i calciatori"
    Lazio-Napoli, Inzaghi: "Aprire un ciclo? Non cedere i calciatori"
    Le parole dell'allenatore biancoceleste prima del match infrasettimanale
    Serie A   Verona   Napoli
    Serie A, Verona-Napoli 1-3: azzurri brillanti, ma Sarri s'arrabbia!
    Serie A, Verona-Napoli 1-3: azzurri brillanti, ma Sarri s'arrabbia!
    Dieci minuti finali disattenti dei partenopei che non compromettono però il risultato
    Serie A   Napoli  
    Napoli, Mertens: "Mi identifico in Sarri, possiamo fare grandi cose!"
    Napoli, Mertens: "Mi identifico in Sarri, possiamo fare grandi cose!"
    La punta belga ha parlato della sua evoluzione che lo ha portato a diventare un bomber implacabile
    Serie A   Roma   Napoli
    Serie A, 38a giornata: Perotti nel Totti day! Roma 2a al 90'
    Serie A, 38a giornata: Perotti nel Totti day! Roma 2a al 90'
    Non basta il successo del Napoli. Azzurri terzi
    Serie A   Napoli  
    Napoli-Fiorentina, Sarri: "Partita rischiosa, Mertens fenomeno"
    Napoli-Fiorentina, Sarri: "Partita rischiosa, Mertens fenomeno"
    Il tecnico azzurro: "Non era facile, i ragazzi hanno risposto bene"