• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Juventus, sarà Pogba vs Kondogbia. Ranieri: "L'interista è il vero 'polpo'"

Inter-Juventus, sarà Pogba vs Kondogbia. Ranieri: "L'interista è il vero 'polpo'"

L'attuale manager del Leicester ha allenato l'interista nell'esperienza al Monaco


Geoffrey Kondogbia (Getty Images)
Jonathan Terreni

14/10/2015 10:35

INTER JUVENTUS RANIERI POGBA KONDOGBIA / MILANO - In Inter-Juventus di domenica sera a 'San Siro' ci sarà una sfida nella sfida: quella tra i compagni di Nazionale Goeffrey Kondogbia e Paul Pogba. I due talenti francesi rappresentano presente e futuro dei rispettivi club e soprattutto dei 'Bleus' che, in vista di Euro 2016 si pregustano una mediana invalicabile. In questo avvio di stagione i due stanno vivendo momenti simili anche se per motivi differenti. Partiamo dal nerazzurro. Kondogbia è stato pagato tanto nel calciomercato, troppo per alcuni e le aspettative su di lui sono enormi. Il talento è fuori discussione e l'età, la stessa di Pogba, è dalla sua parte. Si è visto però che ha bisogno di ambientarsi al nostro calcio, ai ritmi della Serie A ed entrare in condizione fisica. Le news Inter dicono che al centrocampo dell'Inter comunque ha già dato fisicità e sostanza. Chi lo conosce bene è Claudio Ranieri; l'attuale manager del Leicester lo ha allenato nella sua esperienza al Monaco: "Pogba? E' Kondogbia il vero 'polpo' - riporta il 'Corriere dello Sport' -. Riesce a dare il meglio in fase di recupero palla, sembra che abbia i tentacoli perché arriva dappertutto. Non sono due giocatori uguali anche perché Pogba è più offensivo".

Partenza a rilento anche per Pogba che sembra aver smaltito i problemi fisici. Lo juventino ha ereditato la maglia numero 10 e con l'addio di Pirlo, Vidal e Tevez è stato caricato di pressioni e responsabilità. Questo, almeno all'inizio, lo ha patito. Pogba non è ancora l'uomo in grado di prendere per mano una squadra. E' un fenomeno, certo, ma va inserito in un contesto di alto livello per lasciarlo libero di piedi e soprattutto di testa. Per questo il 'polpo' ci sta lavorando. Il salto definitivo per diventare leader e campione passa inevitabilmente da questo step. Domenica per entrambi c'è l'occasione giusta per dimostrare chi davvero ha i tentacoli.




Commenta con Facebook