• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Sacchi: "Troppi giocatori di colore nelle squadre Primavera". Poi arriva la precisazione

Serie A, Sacchi: "Troppi giocatori di colore nelle squadre Primavera". Poi arriva la precisazione

L'ex tecnico del Milan: "Non sono certo razzista, ma non è possibile vedere formazioni con 15 stranieri"


Arrigo Sacchi (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

16/02/2015 23:12

SERIE A SACCHI GIOCATORI DI COLORE PRIMAVERA/ ROMA - Sono destinate a far riflettere le parole pronunciate da Arrigo Sacchi a Montecatini, dove è intervenuto alla premiazione del 'Trofeo Maestrelli'. L'ex allenatore di Milan e Nazionale, ha parlato così degli stranieri che giocano nei settori giovanili dei club italiani: "Guardando il Torneo di Viareggio, mi viene da dire che ci sono troppi giocatori di colore nele squadre Primavera - le parole di Sacchi riportate dal 'Corriere dello Sport' - non sono certo razzista e la mia storia da allenatore lo dimostra, a partire da Rijkaard, ma l'Italia non ha più dignità e orgoglio. Non è possibile vedere squadre con quindici giocatori stranieri".

Parole forti che hanno scatenato le più disparate reazioni sui social, quelle rilasciate da Sacchi. Per non lasciar spazio a cattive interpretazioni, il tecnico di Fusignano ha voluto precisare le sue dichiarazioni a 'Gazzetta.it': "Sono stato travisato, figuratevi se io sono razzista. Ho solo detto che ho visto una partita con una squadra che schierava quattro ragazzi di colore. La mia storia parla chiaro, ho sempre allenato squadre con diversi campioni di colore e ne ho fatti acquistare molti, sia a Milano che a Madrid. Volevo solo sottolineare che stiamo perdendo l’orgoglio e l'identità nazionale".




Commenta con Facebook