• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI INTER-STJARNAN

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-STJARNAN

Kovacic diventa grande. Rauschenberg non la prende mai


Icardi esulta (Getty Images)
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

28/08/2014 20:13

PAGELLE E TABELLINO INTER-STJARNAN / MILANO – L’Inter di Mazzarri mostra di essere già in forma per l’imminente esordio in campionato. Tra le fila nerazzurre a mettersi in luce c’hanno pensato Kovacic, Osvaldo e Icardi. Male invece gli islandesi dello Stjarnan che hanno incassato sei reti senza riuscire a segnarne neanche una. Tra i peggiori in campo sicuramente il centrale Rauscenberg, capace di tante sbavature.

 

INTER

 

Carrizo 6 – Spettatore non pagante del match. Lo Stjarnan non arriva praticamente mai dalle sue parti. Si sporca i guanti solo per qualche uscita aerea sui calci d’angolo.

 

Andreolli 6,5 – Chiude ogni varco e si fa trovare sempre pronto in marcatura sul diretto avversario. Prestazione confortante.

 

Ranocchia 6,5 – Dirige il pacchetto arretrato con eleganza e maestria. Non si fa trovare mai fuori posizione e narcotizza gli avversari.

 

Juan Jesus 6,5 – Gioca sempre d’anticipo e non sbaglia un colpo. Come tutto il pacchetto difensivo nerazzurro non commette sbavature.

 

D’Ambrosio 6,5 – Una freccia sempre pronta a ferire lo Stjarnan sull’out di destra. Attento in fase di contenimento. Sembra essere già in formissima per il campionato.

 

M’Vila 6 – Non è ancora al top fisicamente e si vede. Mostra comunque una discreta visione di gioco e una buona abilità in fase d’interdizione.

 

Hernanes 6,5 – Si sgancia spesso dalla linea dei centrocampisti per andare a sostegno degli attaccanti. Cerca con insistenza la rete, ma quella non arriva. Dal 69’ Jonathan 6 – Gioca in un ruolo certamente non suo. Quando entra per l’Inter è già passerella e quindi lui non fa altro che partecipare alla festa.

 

Obi 6 – Svolge il compitino con diligenza. Non compie giocate trascendentali, ma si mostra utile alla causa interista. Potrebbe rivelarsi un buon rincalzo nella lunga stagione nerazzurra.  Dal 58’ Kuzmanovic 6 – Entra col piglio giusto e come il resto della squadra non demerita in fatto d’impegno.

 

Nagatomo 6,5 – Velocissimo su quella fascia, si fa sempre trovare pronto. Ad inizio match la squadra si appoggia poco sul suo lato, nonostante ciò riesce alla distanza a mettersi in luce con buone azioni. Nel secondo tempo offre un delizioso assist ad Osvaldo per il suo primo gol milanese.

 

Kovacic 8,5 – Il ragazzino sta diventando un uomo. Tocchi di classe e giochi di prestigio, questa la ricetta scelta dal croato per stregare San Siro. Il diamante grezzo sembra essersi affinato sotto la mano di Mazzarri e per lui alla mezzora arriva anche la rete. Non contento, concede poco dopo il bis con una cavalcata spettacolare conclusa con un delizioso cucchiaio. Nella seconda frazione di gioco con un colpo da biliardo dal limite dell’area trova anche la tripletta personale. Dal 53’ Icardi 7 – Entra e segna una gran rete. La sua stagione comincia lì dove era terminata, dal gol. Nel finale non contento trova anche la doppietta personale.

 

Osvaldo 7,5 – Si mostra voglioso e propositivo. Sa di avere una chance importante e la sfrutta benissimo. Tanti gli scambi interessanti con i compagni. Sui primi due gol nerazzurri c’è il suo zampino. Nella ripresa trova la meritata gloria personale.

 

All. Mazzarri 8 – La sua Inter passeggia su quel che resta dello Stjarnan, lanciando tanti segnali positivi. Kovacic sembra avviarsi alla definitiva esplosione, mentre Osvaldo si è già ben integrato con i compagni. In generale comunque tutta la squadra sembra in ottima condizione atletica e dà l’impressione di avere assimilato bene il gioco del tecnico livornese.

 

STJARNAN

 

Jonsson 5,5 – Incolpevole su tutte e sei le reti dell’Inter. Osserva da una posizione privilegiata gli errori dei compagni e le splendide giocate degli avversari.  

 

Vemmelund 5 – Si perde in marcatura Kovacic in occasione del primo gol. Un po’ come tutta la squadra si arrende allo strapotere nerazzurro.

 

Rauscenberg 3,5 – Sul primo gol di Kovacic s’impappina tra il colpire la palla e il trattenere Osvaldo. L’attaccante italo-argentino gli fa girare la testa per tutto il match. Con l’ingresso di Icardi le cose per lui di certo non migliorano.

 

Laxald 4 – Sul raddoppio di Kovacic prova l’intervento disperato invece di temporeggiare e si fa saltare facilmente. Non riesce in nessuna occasione a contenere i ragazzi di Mazzarri.

 

Arnason 5 – Passa l’intera partita a rincorrere il treno D’Ambrosio e arriva su di lui sempre con un attimo di ritardo. La sua fase offensiva è invece totalmente assente.  

 

Bjorgvinsson 5 – Si perde continuamente Nagatomo e in fase offensiva è praticamente impalpabile. Prova qualche scambio con gli attaccanti, ma con scarsi risultati.

 

Punyed 5 – Non riesce a dare le giuste geometrie alla manovra dello Stjarnan. Si rintana troppo nella propria metà campo concedendo tanto spazio all’Inter.

 

Johansson 5 – Così come il compagno di reparto si abbassa tanto, troppo. Non riesce a fare filtro a centrocampo e perde costantemente il duello con i giocolieri nerazzurri. Dal 64’ Runarsson 5 – Cambiano gli uomini, ma non cambia la sostanza. Tanta voglia e nulla più.

 

Finsen 5,5 – In fase di possesso si alza tanto e cerca di creare qualche grattacapo alla difesa nerazzurra, ma i risultati sono scadenti. Dal 64’ Aegisson 5 – Il suo innesto non modifica il corso del match. Prestazione non certo esaltante.

 

Toft 4,5 – Va in appoggio a Gunnarsson, ma non riesce mai a dialogare con quest’ultimo. Sbaglia qualche tocco di troppo e alla fine si eclissa completamente.

 

Gunnarsson 4 – Non tocca quasi mai palla, è impalpabile per tutto il match. Resta schiacciato dall’asfissiante marcatura dei difensori interisti. Dal 59’ G. Johannesson 4 – Le cose con il suo ingresso non migliorano e lo Stjarnan continua a restare a secco di gol.

 

All. Sigmundsson 5 – Il materiale tecnico a sua disposizione è quello che è. Lo Stjarnan non è stato mai in partita ed ha semplicemente subito per tutto il match l’Inter. Il tecnico islandese di certo non poteva fare di più, troppa la differenza tecnica tra le due squadre.

 

Arbitro Lechner 6,5 – Buon arbitraggio. Non vi sono particolari episodi da moviola da segnalare. Giusta anche la distribuzione dei cartellini. Partita di certo non impegnativa, ma ben diretta.

 

TABELLINO

 

INTER-STJARNAN 6-0

 

INTER (3-5-2): Carrizo; Andreolli, Ranocchia, Juan Jesus; D’Ambrosio, M’Vila, Hernanes(dal 69’ Jonathan), Obi(dal 58’ Kuzmanovic), Nagatomo; Kovacic(dal 53’ Icardi), Osvaldo. Vidic, Icardi, Handanovic, Bonazzoli, Kuzmanovic, Guarin, Jonathan. All. Mazzarri.

 

STJARNAN (4-4-2): Jonsson; Vemmelund, Rauschenberg, Laxald, Arnason; Bjorgvinsson, Punyed, Johansson(dal 64’ Runarsson), Finsen(dal 64’ Aegisson); Toft, Gunnarsson(dal 59’ G. Johannesson ). Runarsson, S. Johannesson, G. Johannesson, Barddal, Aegisson, Palsson, Blondal. All. Sigmundsson.

 

Arbitro: Harald Lechner

 

Marcatori: 28’ Kovacic (I), 33’ Kovacic (I), 46’ Osvaldo (I), 51’ Kovacic (I), 69’ Icardi (I), 80’ Icardi (I)

 

Ammoniti: 90’ Nagatomo (I),

 

Espulsi:




Commenta con Facebook