• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Mimmo Criscito su futuro e Nazionale

Mimmo Criscito su futuro e Nazionale

L'esterno campano classe 1986, intervistato in esclusiva da Calciomercato.it


Domenico Criscito (Getty Images)
Federico Scarponi

27/09/2013 17:24

CALCIOMERCATO INTER ESCLUSIVO CRISCITO / SAN PIETROBURGO (Russia) - Infortunatosi al ginocchio lo scorso 28 febbraio 2013 durante un'amichevole tra il suo Zenit e il Siena, Domenico Criscito è tornato in campo lo scorso mercoledì dopo ben sette mesi di stop forzato. Le voci di mercato sul suo conto però, non si sono mai fermate. Le ultime lo vorrebbero nel mirino dell'Inter

Calciomercato.it lo ha intervistato in esclusiva per capire quale possa essere il suo futuro. 

RITORNO - "E' sempre bello tornare e ritrovare compagni e mister Spalletti, specie dopo un lungo periodo fuori. Ho già giocato 15 minuti mercoledì scorso, sto bene il peggio è passato. Ora il ginocchio risponde bene, per fortuna, e posso lavorare per ritrovare la forma al più presto".

NAZIONALE: OBIETTIVO MONDIALE - "In questi mesi mi è mancato tutto, in particolar modo la Nazionale. Poter rappresentare il proprio Paese, credo sia la cosa più emozionante e importante per un calciatore. Dopo aver saltato Europei e Confederations Cup per motivi diversi, spero di poter disputare i prossimi Mondiali in Brasile. Questo è il mio obiettivo: fare bene con lo Zenit per meritare una convocazione da parte di Prandelli. Se ho sentito il ct? No, ho parlato soltanto con qualche compagno".   

FUTURO - "Si dice che Mazzarri mi voglia portare all'Inter? Non so se sia vero, in passato però, ci sentimmo perché mi voleva con lui al Napoli...Ora però non è il momento di pensare al mercato. Devo soltanto recuperare la condizione al più presto, ritrovare il ritmo partita e dare il massimo per lo Zenit. Più avanti penseremo alle questioni legate al mio futuro. Certo è, che se dovessi lasciare la Russia, lo farei esclusivamente per tornare in Italia. Mi manca il mio Paese, mi manca la Serie A. Prima o poi tornerò...".




Commenta con Facebook