• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, presentazione Icardi e Belfodil: "Ecco perche' abbiamo scelto il club nerazzurro&quo

Inter, presentazione Icardi e Belfodil: "Ecco perche' abbiamo scelto il club nerazzurro"

La societa' nerazzurra svela i due nuovi acquisti in attacco davanti a giornalisti e tifosi


Belfodil in conferenza stampa (Twitter ufficiale Inter)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

16/07/2013 12:03

INTER PRESENTAZIONE ICARDI E BELFODIL / MILANO - E' oggi il giorno della presentazione di Mauro Icardi e Ishak Belfodil come nuovi acquisti dell'Inter. Queste le loro parole in conferenza stampa:

ICARDI - "Mi ispiro a Batistuta. Tante magliette vendute col mio nome? Sono contento dell'entusiasmo dei tifosi e voglio ripagarlo con tanti gol. Alla Sampdoria ho iniziato giocando poco ma un attaccante ha sempre alti e bassi . Non ho mai smesso di allenarmi e di cercare di migliorare. L'Inter è una delle squadre più forti al mondo. Ho ricevuto tante offerte ma è qui dove posso continuare a crescere. Il Napoli? E' vero, si era avvicinato anche il club partenopeo. Con i compagni faremo il massimo per conoscerci e per fare un grande campionato. Io erede di Milito? E' una grande responsabilità, lui è un campione. Io darò il massimo, ho molto da migliorare ma spero di vincere tutto con questa maglia. Zanetti? L'ho sentito alla fine del campionato e mi ha detto che mi aspettava. La Juventus? Non è imbattibile. Spero un giorno di riuscire a vincere quello che ha vinto la coppia Tevez-Llorente. Amicizia con Belfodil? Spero di sì, siamo qui anche per questo".

BELFODIL - "Mi ispiro a Ronaldo, è il mio eroe. Mazzarri è uno che non molla mai, lavora tanto. Preferisco giocare da prima punta ma posso giocare in altri ruoli, sono a disposizione del mister. A Parma ho iniziato bene, poi ho avuto qualche problema fisico e i difensori hanno iniziato a conoscermi meglio. Amauri, poi, era in gran condizione e tutto ciò mi ha portato a stare di più in panchina. Quello che mi ha colpito di più dal mio arrivo all'Inter è l'organizzazione della società. Non ci manca niente e poi mi piace molto la nuova maglia. Il numero 7? Avevo scelto la numero 18 ma quando ho sentito che Schelotto sarebbe andato via ho chiesto il permesso di prenderla. Il Ramadan? E' faticoso dal punto di vista fisico ma non è la prima volta che osservo il digiuno. Lo staff mi sta aiutando. Non ho parlato con Donadoni dell'Inter, approfitto per ringraziare tutto il Parma per quello che ha fatto per me. Amicizia con Icardi? Amicizia no, siamo qui per il bene della squadra".




Commenta con Facebook