• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Spagna-Italia, Prandelli: "Non cerchiamo la vendetta. Cambiare modulo significa..."

Spagna-Italia, Prandelli: "Non cerchiamo la vendetta. Cambiare modulo significa..."

Il ct azzurro in conferenza stampa alla vigilia della semifinale di Confederations Cup


Cesare Prandelli (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

26/06/2013 22:49

SPAGNA ITALIA PRANDELLI CONFEDERATIONS CUP/ ROMA - Ad un anno di distanza, le strade di Spagna e Italia tornano ad incrociarsi: quasi dodici mesi fa, le 'Furie Rosse' impartirono una severa lezione di gioco agli azzurri, sconfitti 4-0 nella finale dell'Europeo. Domani, la semifinale di Confederations Cup regala a Prandelli l'occasione per prendersi la sua personale rivincita. 

VENDETTA - "Domani non cercheremo nessuna vendetta - ha dichiarato Prandelli in conferenza stampa - l nostro obiettivo è quello di mettere in difficoltà gli avversari, cercando di restare in partita il più possibile. Siamo la squadra che ha messo più di tutti in difficoltà la Spagna: l'ho detto ai miei ragazzi".

MODULO - "Non abbiamo ancora deciso quale modulo adottare, non ne esiste uno che può garantire la vittoria sulla Spagna. Cambiare non significa essere in difficoltà ma avere qualche idea in più. La gara di domani sarà difficilissima, il possesso palla sarà quasi sempre in mano degli avversari ma dobbiamo essere bravi a sfruttare ogni occasione".

DEL BOSQUE - "Spagna più pericolosa senza attaccante puro? Loro giocano con punte che non danno riferimento ai difensori e mettono in difficoltà chiunque. Con Del Bosque ho parlato tempo fa del fatto che viene criticato di non giocare in maniera offensiva: questo è un paradosso".




Commenta con Facebook