• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Sabatini: "C'è un movimento d'opinione contro Iturbe. Gossip? Avevano permesso"

Roma, Sabatini: "C'è un movimento d'opinione contro Iturbe. Gossip? Avevano permesso"

Il direttore sportivo giallorosso si sofferma anche sul cammino in Champions League


Walter Sabatini ©Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

27/11/2014 12:58

ROMA SABATINI ITURBE CHAMPIONS LEAGUE STROOTMAN / ROMA - A due giorni dal pari beffa contro il Cska Mosca, il direttore sportivo della Roma, Walter Sabatini, è intervenuto ai microfoni di 'Roma Radio': "Abbiamo giocato molto bene per larghi tratti, resta solo il rammarico per il pareggio finale. La scelta dell'allenatore di schierare Strootman era consapevole. Ha sbagliato il passaggio, ma dopo c'è stato lo sviluppo dell'azione con almeno 5-6 tocchi. Deve recuperare e vogliamo recuperarlo. Devono riflettere tutti sulle parole usate nei suoi confronti, è un grande giocatore. Il 7-1 subito con il Bayern Monaco ci ha condizionato, ma fa parte di un percorso. Siamo ancora in corsa per tutti gli obiettivi. La squadra ha grandi valori, questo è fuori da ogni discussione".

Sabatini, poi, prosegue: "Iturbe? Rifaremmo la stessa operazione con gli stessi costi. Contro questo ragazzo si è costruito movimento d'opinione. Non vengono presi in considerazione gli infortuni e i falli che subisce durante la partita. E questo vale anche per Ljajic e tutti gli altri nostri attaccanti. Gossip? Preferisco parlare di calcio. Lo spogliatoio è particolarmente coeso, altrimenti i ragazzi non avrebbero fatto quella passeggiata nella Piazza Rossa. La squadra aveva il permesso, siamo una dirigenza liberale. Non sono andato al locale con i giocatori solo perché non avevo la tuta. Su De Sanctis posso anche accettare il suo commento a caldo, ma è tornato sui suoi passi con un grande gesto di responsabilità, cosa non comune nel mondo del calcio. Ora pensiamo all'Inter. Possiamo vincere le prossime tre partite, ma prima pensiamo ai nerazzurri. Calciomercato? Non dico che cederemo o acquisteremo, ma dobbiamo capire cosa farà la squadra e quale sarà lo scenario oggettivo anche per quanto riguarda gli infortuni".
 




Commenta con Facebook