• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, 'giallo' infortuni: da Strootman a Barzagli, a volte... non ritornano

Serie A, 'giallo' infortuni: da Strootman a Barzagli, a volte... non ritornano

L'otite di Castan, l'aritmia di Biabiany, la pubalgia di Balzaretti: tanti casi da chiarire


Andrea Barzagli (Getty Images)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

03/10/2014 18:30

SERIE A INFORTUNI MISTERIOSI BARZAGLI STROOTMAN / ROMA - Il primo dato utile e interessante una volta appurato che un calciatore si è infortunato è scoprirne i tempi di recupero. Queste date spesso incidono sui piani della società e persino sulle ambizioni della squadra. Nella stagione corrente, però, sono già diversi i casi di importanti calciatori infortunati di cui non è del tutto chiaro il giorno del rientro in campo. Galeotto fu Kevin Strootman, in ordine cronologico: si fece male a marzo e si parlò di sei mesi per il recupero, ma a inizio ottobre l'olandese non ha ancora reindossato la casacca della Roma. In casa giallorossa si attendono novità anche dal fronte Leandro Castan: si è fermato per un infortunio di lieve identità ad agosto e, il 17 settembre, un comunicato ufficiale del club ha reso noto che il giocatore soffriva di una forma di otite acuta e che avrebbe osservato due giorni di riposo domiciliare. Non ha ancora debuttato quest'anno. Quando tornerà a comandare la difesa?

Ma, in tema di grandi incontri imminenti, non è solo la Roma a storcere il naso. Anche la Juventus, che si avvicina alla partitissima di domenica, soffre una lacuna importante in difesa: Andrea Barzagli sarebbe dovuto rientrare nell'ordine di qualche giorno a settembre, ma non è ancora disponibile. Ci sono poi autentici misteri che solo il tempo potrà dirimere: è il caso di Jonathan Biabiany, che a detta dell'Ad del Parma Leonardi ha l'idoneità sportiva ma è comunque lontano dai giochi a tempo indeterminato per un'aritmia cardiaca; o di Federico Balzaretti, con la pubalgia che lo flagella e una carriera a rischio di essere interrotta. La Serie A attende di riabbracciare i suoi campioni. Attende, e non può far altro che questo. Perché oggi tra gli infortuni, gravi e leggeri, esistono anche questi grandi punti interrogativi. 




Commenta con Facebook