app_download

Roma, Garcia: "De Rossi e Osvaldo? La verita' viene dal campo. Per i titoli..."

L'ex allenatore del Lilla viene presentato ufficialmente alla stampa italiana come tecnico giallorosso

Rudi Garcia (Getty Images)
Rudi Garcia (Getty Images)
Conferenza Rudi Garcia (Calciomercato.it)
Conferenza Rudi Garcia (Calciomercato.it)
Conferenza Rudi Garcia (Getty Images)
Conferenza Rudi Garcia (Getty Images)
lascia il tuo
commento
Share
Roma | 19/06/2013 - 15:25
LEGGI ANCHE
19/04/2014 - 23:27
Fiorentina-Roma, Garcia: "Traguardo eccezionale ma sogniamo ancora. Contratto? Sto benissimo qui"
19/04/2014 - 23:00
Serie A, Fiorentina-Roma 0-1: secondo posto 'matematico' per i giallorossi
19/04/2014 - 21:58
Fiorentina-Roma, Nainggolan: "Stiamo facendo il nostro. Bella partita!"
19/04/2014 - 20:39
Roma, Baldissoni: "Caso Destro falsa il campionato. Garcia? A lungo con noi"
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

ROMA RUDI GARCIA CONFERENZA STAMPA / TRIGORIA - E' finalmente arrivato il momento di conoscere Rudi Garcia. Il tecnico francese, primo nella storia della Roma, viene presentato a Trigoria davanti a una folla di inviati.

Esordisce Zanzi: ""Siamo fieri di annunciare il nostro nuovo allenatore Rudi Garcia. La società è convinta che sia la miglior scelta possibile per la Roma: è un vincente, con tutte le qualità per avere successo. Stiamo pianificando la prossima stagione e non vediamo l'ora di darvi informazioni in più, ma oggi è la giornata di Rudi Garcia e lascio la parola a lui".

PARLA RUDI GARCIA - "Conosco la città: è ricca di storia. Sto scoprendo il club, che tutto il mondo già conosce".

TOTTI E DE ROSSI - "Che ruolo avranno? Do molta importanza alla squadra. Servono giocatori di talento e fortunatamente alla Roma ne abbiamo. Loro avranno un ruolo fondamentale dentro e fuori dal campo. De Rossi è un grande calciatore della Nazionale: ho molta voglia di incontrarlo, così come tutta la rosa. Se è incedibile? Abbiamo già parlato di lui, non è il caso di tornarci sopra. Datemi il tempo di incontrare i giocatori: la verità viene dal campo, sempre".

PORTIERE - "Ne serve uno molto forte, perciò lavoriamo col Ds Sabatini per trovarlo".

ENTUSIASMO E LAVORO - "Non ho paura di niente: sono qui per vincere con la squadra, che deve divertirsi e divertire i tifosi. Ho inviato un sms ai giocatori per comunicargli la volontà di parlargli individualmente. Lavoreremo duro, questo è sicuro".

"GRANDE ROMA" - "Sono in contatto da due anni con la Roma, che è tra i più grandi club d'Italia e d'Europa. E' motivo d'orgoglio essere qui. La cosa più importante non è essere la prima scelta della squadra, ma esserne l'allenatore e sapersi imporre".

I MOTIVI DELLA SCELTA - "In cinque stagioni al Lilla ho vinto campionato e coppa. L'unico rimpianto è non aver salutato i tifosi dopo l'ultima partita. Quando però si fa avanti la Roma non puoi esitare".

OSVALDO - "La rosa è di qualità, anche se va sempre migliorata. L'importante sarà tornare in Europa: devo conoscere i giocatori, poi miglioreremo l'organico. Osvaldo? Non parliamo oggi individualmente di giocatori. Con Sabatini stiamo lavorando, vi diremo in seguito di più. Ogni decisione sarà condivisa: nessuno verrà acquistato senza la mia approvazione".

PREPARAZIONE - "Noi cominciamo piano per finire la stagione sull'acceleratore. Finora in carriera abbiamo fatto sempre bene col mio staff, centrando l'Europa 4 volte su 5. La mia filosofia di gioco non cambierà: giocando bene ci sono più possibilità di vincere".

SOLO L'EUROPA - "Dobbiamo ritrovare l'Europa. La Serie A è lunga, la cosa importante sarà il piazzamento alla fine di questa maratona. Gli ultimi due anni? Il passato non mi importa: voglio vincere con la Roma, conta il presente. Un club come la Roma è fatto per vincere. E' importante che ci lasciate lavorare. Tutti hanno voglia di vincere dei titoli qua, voi no?"

SERIE A - "Si parla molto della Ligue 1 perché il PSG ora può spendere molto, così come il Monaco. Il campionato italiano resta davvero grande, con grandi squadre come la Roma".

REGOLE COMPORTAMENTALI - "Ci saranno delle regole e io ne sarò la guida. Come succede in casa, in un gruppo bisogna rispettare le regole".

AMBIZIONE - "Voglio allenare la squadra, so come prepararla. Lasciatemi vivere con i miei giocatori, giudicate soltanto i risultati. Nel calcio non c'è mai tempo: è così in tutti i club. Questa squadra ha una storia, lavora bene da diversi anni, ha persone competenti. La proprietà è molto ambiziosa, così come me".

DALLA FRANCIA - "Helenio Herrera ha già allenato nella Serie A, ma io credo di essere il primo francese qui. E' un buon riconoscimento del lavoro della Federcalcio francese. I nostri allenatori possono essere esportati".

PUGNO DI FERRO - "Ognuno ha la propria maniera di lavorare: il passato non importa. Non preoccupatevi del fatto che dovremo lavorare duro per ottenere dei risultati. L'unica verità, lo ripeto, verrà dal campo: la cosa importante è che la Roma sia un'anima, un vero spirito collettivo".


LASCIA IL TUO COMMENTO 1663 visite

Se un commento pubblico riceve 20 volte “il pollice verso” cioe’ giudizi negativi, verra’ automaticamente cancellato.
I commenti inseriti dagli utenti registrati non possono ricevere giudizi negativi.
Il tuo attuale indirizzo IP (84.33.193.133) è stato memorizzato.
Ti informiamo che un eventuale utilizzo improprio dello spazio "commenti", potrà identificare chi farà abuso dell' apposito spazio.
SONDAGGIO | Tutti i Sondaggi

Zona retrocessione: chi rischia di piu'?

Bologna
Sassuolo
Altri Sondaggi
(Getty Images)

Nella Tela del Ragno: Haris Tabakovic, il futuro della Svizzera?

NELLA TELA DEL RAGNO HARIS TABAKOVIC YOUNG BOYS WIL ATTACCANTE SVIZZERA / ROMA - Torniamo in Svizzera e continuiamo a parlare di attaccanti. Oggi (...)