• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > esclusivo > Argentina, ESCLUSIVO Curti: "Messi non si discute. C'è delusione"

Argentina, ESCLUSIVO Curti: "Messi non si discute. C'è delusione"

L'agente sudamericano, procuratore tra gli altri di Roncaglia, commenta a Calciomercato.it l'addio alla Nazionale della 'Pulce'


Leo Messi ©Getty Images
ESCLUSIVO
Alessio Lento (@lentuzzo)

27/06/2016 14:32

ARGENTINA ESCLUSIVO CURTI MESSI RONCAGLIA / ROMA - E' la notizia del giorno: Lionel Messi che annuncia la decisione di lasciare la Nazionale argentina dopo la sconfitta nella finale di coppa America contro il Cile ai calci di rigore. 

Una decisione a sorpresa, frutto della delusione per il mancano successo. Per commentare la scelta di Messi, Calciomercato.it ha contattato Claudio Curti, agente argentino tra gli altri di Roncaglia, presente nella rosa albiceleste negli Stati Uniti

COPPA AMERICA - "C'è delusione - le parole del procuratore - perché penso che l'Argentina fosse la squadra migliore, però il calcio è così ed è anche per questo che è bello, non vince sempre il più forte". 

MESSI - Sull'annuncio di Messi, Curti spiega: "La 'Pulce' non si discute, credo abbia bisogno di un po' di relax, troppe cose negative per lui. Ha fatto una grande Coppa America, sarà molto deluso: resta comunque il migliore al mondo. I rigori sono poi qualcosa che non rientrano nella normalità di un campionato, sono una lotteria". 

ALTRI ADDII - Ma quello di Messi potrebbe anche non essere l'unico addio all'Argentina. Aguero, Mascherano, Higuain, sono tanti i calciatori che pensano a lasciare la Nazionale: "Messi ora ha questa idea, però non è un momento facile per lui, né per gli altri: bisogna aspettare un po' di tempo, i giornalisti argentini sono troppo duri". 




Commenta con Facebook