• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, Ranocchia: "Rinnovo ad ore. Fui a un passo dal Galatasaray"

Calciomercato Inter, Ranocchia: "Rinnovo ad ore. Fui a un passo dal Galatasaray"

Il difensore è il nuovo capitano della squadra nerazzurra dopo l'addio di Zanetti


Andrea Ranocchia (Getty Images)

16/07/2014 09:26

CALCIOMERCATO INTER RANOCCHIA INTERVISTA RINNOVO JUVENTUS GALATASARAY / MILANO - Andrea Ranocchia, nuovo capitano dell'Inter, ha concesso un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport' nel quale affronta diversi temi legati al calciomercato Inter. Ecco alcuni passaggi:

RINNOVO DEL CONTRATTO - "La firma è davvero una questione di ore. Orgoglio immenso. Ha influito infinitamente la promessa della fascia da capitano, assieme al progetto che mi hanno prospettato".

JUVENTUS E GALATASARAY - "Conte mi ha allenato, c’è stima. Ma l’Inter mi ha dato pulsazioni forti, che non potevo e non volevo abbandonare. A gennaio sono stato a un minuto dal Galatasaray. La mia vita sarebbe cambiata totalmente ma fortunatamente sono rimasto".

CAPITANO DI RIFERIMENTO - "Dico Paolo Maldini. Milanista, certo, ma qui intendo il carisma, l’uomo, la qualità del rispetto e i valori. Tutte cose da avere e per le quali battersi. Il capitano dice 'Diamo tutto'. E se ci sarà qualcuno che non dà, il gruppo deve farglielo capire. Perché è vero che c’è un capitano, ma il gruppo è totalità e forza".

LA NUOVA INTER - "Thohir ha cambiato molto, dentro e fuori: il suo disegno mi ha esaltato perché c’è la voglia di emergere per durare. Prendete il Bayern Monaco: negli anni ha ritoccato, modellato, inserito e praticamente è da tempo che resta la più forte in assoluto. Oltre a questo, espansione del marchio, coinvolgimento sempre maggiore delle componenti esterne e interne".

MONDIALE - "Ci sono rimasto malissimo. L’unica consolazione è che a gennaio ero sotto zero e che a maggio sono finito nei 30: ho messo Prandelli in difficoltà, ed è quel che volevo".

S.D.




Commenta con Facebook