Breaking News
© Getty Images

Calcioscommesse, Codacons si costituisce parte offesa

I tifosi delle squadre coinvolte possono chiedere risarcimento per i danni subiti

CALCIOSCOMMESSE CODACONS PARTE OFFESA / CATANZARO - In merito al procedimento sul calcioscommesse aperto dalla Procura di Catanzaro, il Codacons presenta una formale richiesta di costituzione di parte offesa.
Lo riporta l’associazione dei consumatori, che nella vicenda rappresenta gli utenti e i tifosi danneggiati dal fenomeno delle partite truccate.
“Ci costituiamo parte offesa in rappresentanza della categoria dei tifosi italiani, soggetti lesi sul piano morale e patrimoniale dalle alterazioni delle partite - dice il Presidente Carlo Rienzi –; chiederemo un risarcimento danni milionario nei confronti dei responsabili di quella che è a tutti gli effetti una truffa a danno della collettività”.
L’associazione annuncia anche un modulo, sul sito www.codacons.it, attraverso il quale i tifosi delle squadre coinvolte potranno chiedere un indennizzo in relazione agli incontri pilotati.

J.T.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Altro   Inter   Napoli
    Forbes, è il Real Madrid il club di maggior valore. Juventus e Milan nella top ten
    Altro   Juventus   Parma
    Calciopoli, Tavecchio: "Richiesta risarcimento della Juventus è una lite temeraria"
    Calciopoli, Tavecchio: "Richiesta risarcimento della Juventus è una lite temeraria"
    Il presidente della FIGC ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni
    Altro   Roma   Chievo Verona
    PRONOSTICI SCOMMESSE: gol e spettacolo in Bundesliga, Premier e Liga. Roma e Juventus vincenti!
    PRONOSTICI SCOMMESSE: gol e spettacolo in Bundesliga, Premier e Liga. Roma e Juventus vincenti!
    Usufruisci subito dell'incredibile Bonus di Eurobet: 100% dell'importo scommesso fino a 100 euro!
    Altro   Lazio  
    Calcioscommesse, Mauri: "Il mio nome fa comodo ai giornali"
    Calcioscommesse, Mauri: "Il mio nome fa comodo ai giornali"
    Il capitano della Lazio torna a parlare delle indagini della Procura di Cremona