• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Brexit, UFFICIALE: la Gran Bretagna esce dall'UE. Cameron: "Non posso più guidare il Paese"

Brexit, UFFICIALE: la Gran Bretagna esce dall'UE. Cameron: "Non posso più guidare il Paese"

La reazione di Renzi: "L'Europa è la nostra casa, è il nostro futuro"


Brexit © Getty Images

24/06/2016 09:17

BREXIT GRAN BRETAGNA UNIONE EUROPEA / LONDRA (Inghilterra) - Il 72.2% dei cittadini si è recato alle urne per esprimere il proprio voto sulla permanenza o l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. Un testa a testa costante, che ha visto infine prevalere i favorevoli all'uscita con il 51.8% contro il 48.2%. 

"Non ci sarà alcuna reazione a catena, non credo che altri Paesi saranno incoraggiati a percorrere questa strada pericolosa”, il commento a caldo del presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, alla tv pubblica tedesca 'Zdf'. Il presidente del Consiglio EU, Donald Tusk, invece ha assicurato di voler manette la sua unità a 27 paesi.

Inevitabilmente, tutto ciò si sta riflettendo sulla Borsa dove la sterlina è in caduta libera: -5% sul dollaro arrivando a sfiorare 1,33. Un crollo che ha superato quello del 1985. In perdita anche l'euro che scende sotto la quota 1,10.

Poco dopo l'ufficialità dell'esito del referendum sono arrivate anche le dimissioni del premier David Cameron: "Il Paese ha appena preso parte in un gigantesco 'esercizio' democratico, forse il più grande nella nostra storia. Dovremmo essere orgogliosi di tutto questo. C'è un tempo in cui è necessario dare la parola al popolo ed è quello che abbiamo fatto. Il suo volere va rispettato e persone da tutto il mondo hanno osservato quanto accadeva. Voglio assicurare che non ci saranno immediati cambiamenti e la nostra economia è sostanzialmente forte. Dobbiamo ora prepararci a una negoziazione con l'Unione Europea. Sono felice di quanto fatto come Primo Ministro ma non credo sarebbe giusto per me essere il capitano alla guida della nuova destinazione del nostro Paese".

Questa la reazione, attraverso il proprio account Twitter, del Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi: "Dobbiamo cambiarla per renderla più umana e più giusta. Ma l'Europa è la nostra casa, è il nostro futuro".

D.G.




Commenta con Facebook