Breaking News
  • Emergenza Coronavirus, Inter-Ludogorets a porte chiuse | Niente Udinese-Fiorentina
    © Getty Images

Emergenza Coronavirus, Inter-Ludogorets a porte chiuse | Niente Udinese-Fiorentina

Il ministro dello Sport Spadafora ha disposto il rinvio di tutte le manifestazioni sportive in Lombardia e Veneto

EMERGENZA CORONAVIRUS SERIE A RINVIO / L'emergenza coronavirus è sbarcata definitivamente e prepotentemente nel calcio. Nel weekend si è cominciato con il rinvio di più di 40 partite dei dilettanti in Lombardia, poi si è proseguito con Serie C (Piacenza), Serie B (Ascoli-Cremonese) e infine la Serie A con ben tre match annullati. Si tratta di Inter-Sampdoria, Verona-Cagliari e Atalanta-Sassuolo. A deciderlo un decreto legge approvato ieri dal Consiglio dei ministri, che ha annullato le manifestazioni sportive in programma oggi in Lombardia e Veneto. Calciomercato.it vi offre in tempo reale gli aggiornamenti sul coronavirus legati al mondo del calcio, ma non solo.

23.15 - Non si giocherà Udinese-Fiorentina, match in programma il prossimo 29 febbraio. Lo si evince dall'ordinanza firmata dalla regione Friuli-Venezia Giulia

23.00 - Da 'Non è l'Arena' arrivano le parole del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in merito al rinvio delle partite che potrebbe proseguire anche il prossimo turno: "Non credo che la situazione possa allentarsi nel giro di qualche giorno". CLICCA QUI per tutte le sue dichiarazioni.

22.44 - Inter-Ludogorets si giocherà regolarmente giovedì sera a San Siro. Il match valevole per il ritorno dei sedicesimi di Europa League si disputerà a porte chiuse. Manca solo l'ufficialità.

22.30 - L'allarme coronavirus in Italia sta avendo delle ripercussioni anche con i rapporti con altri Paesi europei. Come riporta 'Repubblica' l'Austria ha imposto lo stop alla circolazione ferroviaria dall'Italia dopo che un Eurocity proveniente da Venezia era stato fermato al Brennero per la presenza a bordo di due casi sospetti di coronavirus. Anche in Romania stanno adottando dei provvedimenti nei confronti dell'Italia per contrastare il coronavirus:  è stata disposta la quarantena obbligatoria per tutte le persone in arrivo dalla Lombardia e dal Veneto.

18.30 - A porte aperte, chiuse o in campo neutro, la gara di Europa League tra Inter e Ludogorets dovrebbe comuncue giocarsi: ad annunciarlo sarebbe stata una fonte qualificata del calcio internazionale.

17.56 - Anche l'Emilia Romagna annuncia le sue misure contro il Coronavirus: a rischio rinvio potrebbe esserci anche Parma-Spal di domenica 1 marzo.

17.50 - Malagò parla dell'ipotesi gare a porte chiuse: "Era una delle ipotesi sul tavolo, ma sarebbe stato profondamente sbagliato se si fossero anticipate delle mosse. Qui non c'è solo il calcio ma anche altre manifestazioni coinvolte".

17.45 - Parla l'assessore lombardo al welfare, Giulio Gallera: "C'è un altro decesso in Lombardia, a Cremona, una donna che era ricoverata in oncologia con una situazione molto compromessa e aveva anche il coronavirus".

17.35 - Proprio in questi minuti è arrivata la terribile notizia della morte di un'altra persona a Cremona. Il numero delle vittime in Italia sale quindi a 3: due in Lombardia e una in Veneto.

16.30 - L'ultimo bollettino parla di 132 contagiati in Italia, compresi i due deceduti e una persona guarita. 26 di questi sono ricoverati in terapia intensiva.

A livello mondiale il numero dei morti è oltre quota 2400.

15.29 - Arrivano misure restrittive anche in Regioni lontano dal focolaio: in Campania, i sindaci dei Comuni dell'isola di Ischia hanno firmato un'ordinanza che vieta la sbarca "per i residenti in Lombardia e in Veneto, per i cittadini cinesi provenienti dalle aree dell'epidemia e per chi vi abbia soggiornato negli ultimi 14 giorni."

ORE 14.09 - Scuole chiuse per una settimana anche in Piemonte: è stato deciso nel corso della riunione nella sede della Protezione civile di Torino a cui partecipano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, la sindaca Chiara Appendino, il prefetto Claudio Palomba e i rappresentanti delle forze dell'ordine.

ORE 13.42 - Sospeso anche il Carnevale di Venezia e tutte le manifestazioni, anche quelle sportive, fino al 1 marzo. 

ORE 13.35 - Scuole chiuse per una settimana in Veneto e Lombardia dove la Regione ha anche deciso "la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico"

ORE 12.20 - In conferenza stampa il commissario straordinario all'emergenza Coronavirus, Angelo Borrelli, ha fatto il bilancio aggiornato dell'emergenza coronavirus: 88 casi in Lombardia, 24 in Veneto, 9 in Piemonte, 6 in Emilia Romagna e 2 nel Lazio. In totale sono 129 le persone risultate positive di cui 54 ricoverati in ospedale con sintomi: di queste 26 sono in terapia intensiva. Infine, 22 le persone in isolamento domiciliare. 

Ore 12.08 - Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha preannunciato la chiusura delle scuole in città per una settimana, chiedendo al governatore Fontana di allargare il provvedimento alla Città Metropolitana. 

Ore 12 - E' ufficiale il rinvio di Torino-Parma.

Ore 11.30 - Intanto arriva un'ultima ora lanciata da 'Sky Tg24': anche Torino-Parma è stata rinviata per l'emergenza coronavirus.

Ore 11.20 - Intanto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana - riporta TGCOM -  aggiorna i dati: "I numeri della notte porta a 89 infettati in Lombardia". Calcolando il dato nazionale, dunque, la cifra sfonda "sicuramente il muro dei 100". La conseguenza è che il periodo di quarantena si allungherà in maniera "molto rilevante". Intanto si stanno cercando anche altre strutture oltre all'ospedale militare di Baggio a Milano e gli alloggi dell'aeronautica a Piacenza. Contanto anche i 25 contagiati in Veneto annunciato dal presidente della regione Zaia, 2 in Emilia Romagna, 1 nel Lazio e 3 in Piemonte si sfonda effettivamente in maniera abbondante quota 100. E sono due le persone decedute.

Ore 11.15 - Le incognite nel mondo del calcio aumentano: giovedì è in programma a 'San Siro' Inter-Ludogorets, domenica c'è la supersfida Juve-Inter. A questo punto rischiano il rinvio anche queste due sfide.

Ore 11 -La Lega Pro ha ufficialmente comunicato il rinvio di quattro match in programma mercoledì sera e validi per la 9a giornata di ritorno. Non si disputeranno le partiteAlbinoleffe-Monza, Como-Alessandria, Pergolettese-Carrarese e Pro Patria-Olbia 

Ore 10 - "Gli italiani abbiano fiducia in politica e istituzioni scientifiche", prova a tranquillizzare il premier Giuseppe Conte. Intanto i 10 comuni del lodigiano individuati come zone 'focolaio' e l'area di Vo' Euganeo in provincia di Padova sono diventati zone 'bunker', dove non è permesso uscire né entrare. In queste aree - si legge nel decreto - "l'accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l'acquisto di beni di prima necessità è condizionato all'utilizzo di dispositivi di protezione individuale".

Ore 9.30 - Proseguono le misure di sicurezza per provare ad arginare l'emergenza coronavirus. Le zone 'focolaio' del virus - riporta l'Ansa - saranno presidiate da forze di polizia e in caso di necessità dai militari, con sanzioni penali per chi viola le prescrizioni (multa o arresto fino a tre mesi). È stato confermato il divieto e l'annullamento di gite scolastiche in Italia e all'estero, lo stop di tutte le manifestazioni pubbliche in Lombardia e Veneto. Ci sarà la quarantenacon "sorveglianza attiva" per tutti coloro che sono stati in contatto con casi confermati del virus. Chiuse anche scuole, negozi e musei: ad ora il totale dei casi è salito a 76.

Ore 9 - Nel frattempo non arrivano particolari novità per quanto riguarda le altre partite in programma quest'oggi in Serie A: Genoa-Lazio, Torino-Parma e Roma-Lecce.

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)