Breaking News
  • Lazio-Roma: un derby di tutti i 'colori', tra attese, speranze e tensioni
    © Getty Images

Lazio-Roma: un derby di tutti i 'colori', tra attese, speranze e tensioni

Stasera all'Olimpico la stracittadina: previsti 30.000 spettatori

LAZIO ROMA DERBY COPPA ITALIA / Tre derby in 61 giorni, forse troppi per la “Città Eterna”.
Tra campionato e coppa Italia, Lazio e Roma si affronteranno tre volte in poco più di due mesi.
Il primo round, valido per l’andata della semifinale della Tim Cup, andrà in scena questa sera all’Olimpico, in casa dei biancocelesti (calcio d’inizio alle 20.45, diretta su Rai 1 dalle 20.30).
Calciomercato.it seguirà anche la partita in diretta con i suoi inviati. 

Qui Lazio: Inzaghi con il 3-5-2, De Vrij dal 1'

(di Valerio Cassetta) Rispetto per tutti, paura di nessuno.
L’adagio in casa Lazio è chiaro.
Inzaghi conosce la forza della Roma, non parte sconfitto, ma dovrà fare di necessità virtù.
Le squalifiche di Lulic, Radu e Patric porteranno ad un cambio di modulo.
Addio al solito 4-3-3.
Spazio al 3-5-2 che offre più protezione in fase di non possesso.
In porta - riportano le ultime news Lazio-, se Marchetti non dovesse recuperare dal problema al ginocchio, Strakosha verrà confermato.
In difesa de Vrij guiderà le operazioni con Bastos e Wallace. Quest’ultimo, protagonista in negativo dell’ultimo derby, è in vantaggio nel ballottaggio con Hoedt.
A centrocampo Lukaku si occuperà della fascia sinistra, avendo l’arduo compito di contrastare Salah.
Sull’altra corsia andrà Basta.
Davanti al reparto arretrato agirà Biglia, affiancato dalle mezzali Milinkovic e Parolo.

IMMOBILE A CACCIA DEL PRIMO GOL CON UNA BIG

In avanti giocherà Immobile, ancora a caccia del primo gol contro una big, supportato da Felipe Anderson. Il brasiliano in questa posizione avrà più libertà e potrà muoversi tra le linee giallorosse.
In panchina, quindi, andrà Keita.
Inzaghi crede nel suo gruppo e in conferenza non si è nascosto.
"Ci siamo meritati la semifinale sul campo.
La Roma ha tanti giocatori forti, ma non abbiamo paura di nessuno”, ha ribadito più volte il tecnico che sfida i tabù e si affida alla cabala.
La Lazio ha non vince il derby da quasi tre anni: ha perso 5 volte negli ultimi 8 otto incontri, uscendo sconfitta nelle ultime 4 stracittadine.
Per rintracciare una vittoria biancoceleste bisogna risalire al 26 maggio 2013, giorno della finale di Coppa Italia contro la Roma.
Decise Lulic al ’71.
Alla Lazio andò la coppa e a quella che i titosi biancocelesti definiscono la “gloria eterna”.

Qui Roma, Spalletti: "Derby che vale triplo"

(di Andrea Corti) - Arrivare da favoriti a un derby, si sa, spesso è sinonimo di sciagura.
Nonostante questo assunto, secondo le ultime news Roma Spalletti è senza dubbio felice di affrontare la seconda delle quattro gare-chiave di questa parte di stagione potendo contare su una squadra in forma fisica e mentale decisamente invidiabile.
La Roma ammirata domenica a San Siro ha ben poco da temere, e può permettersi di considerare il derby, almeno per una volta, non 'la partita' ma solo una tappa di una corsa che potrebbe portarla a vette che per troppo tempo sono apparse irraggiungibili.
Sebbene, come fatto notare da Spalletti in conferenza stampa, questo per la Roma è un "derby che vale triplo: la partita, l’accesso a una finale è la cosa più importante: accedere a una finale che si gioca nella Capitale".

 

PARTITE CHIAVE

Quattro partite chiave, dicevamo: dopo aver sconfitto l'Inter il derby di Coppa Italia precederà il match point per il secondo posto contro il Napoli e l'andata degli ottavi di Europa League (competizione che regalerebbe una consacrazione internazionale) contro il Lione.
Logico dunque che Spalletti cambierà qualcosa nella formazione ammirata a Milano: tra i pali, vista anche l'ottima prestazione fornita contro il Villarreal, verrà con ogni probabilità data fiducia al 'portiere di coppa' Alisson.
Davanti a lui il brasiliano potrà contare su un terzetto in cui è sicura la presenza di Federico Fazio, mentre è possibile che uno tra Rudiger e Manolas faccia spazio a Vermaelen, nonostante la non ottimale forma fisica del belga, o al redivivo Juan Jesus.
A centrocampo Bruno Peres presidierà la fascia destra, mentre a sinistra dovrebbe tornare Emerson: tra i due centrali potrebbe esserci Paredes, con De Rossi che appare il favorito a fargli spazio considerate le caratteristiche dell'argentino e di Strootman.
Se Nainggolan ("l'evoluzione della specie calciatore", come lo ha definito Spalletti) al momento è intoccabile almeno quanto Dzeko, in attacco Spalletti potrebbe dare fiducia a Perotti, anche se fare a meno della velocità di Salah non è mai facile.
In ogni caso il tecnico di Certaldo ha l'imbarazzo della scelta: l'obiettivo è confermare ancora una volta la superiorità mostrata nelle ultime sfide contro i rivali cugini biancocelesti, per continuare la scalata decisiva della stagione.

LE PROBABILI FORMAZIONI

Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos, de Vrij, Wallace; Basta, Parolo, Biglia, Milinkovic, Lukaku; Felipe Anderson, Immobile.
All.
Inzaghi

Roma (3-4-2-1): Alisson; Ruediger, Fazio, Jesus; Bruno Peres, Paredes, Strootman, Emerson; Nainggolan, Perotti; Dzeko.

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)