Breaking News
© Getty Images

Napoli-Borussia Dortmund, Benitez: "Qui grazie a chi c'era l'anno scorso"

L'allenatore partenopeo prepara l'attesissima gara di esordio in Champions League

NAPOLI BORUSSIA DORTMUND BENITEZ CONFERENZA STAMPA / CASTEL VOLTURNO - Si avvicina Napoli-BorussiaDortmund, tra le gare più attese in questa Champions League.
Rafa Benitez sa bene che il 'San Paolo' sarà una bolgia domani sera, quando si affronteranno due squadre con le tifoserie tra le più calde al mondo.
Calciomercato.it ha seguito in diretta per voi la conferenza stampa della vigilia del tecnico spagnolo.

GRAZIE, MAZZARRI - "Grazie a tutti coloro che hanno lavorato così bene l'anno scorso – ha esordito Benitez – il Napoli è qua.
Oggi con giocatori di esperienza e qualità possiamo affrontare questa partita con fiducia.
Affrontiamo una squadra fortissima, ma abbiamo fiducia di poter dire la nostra.
Il Presidente crede molto in me e questo mi fa piacere, ma sono i giocatori a fare la differenza.
Proveremo a fare bene come nelle gare passate, anche se questo avversario è diverso.
Non è una gara decisiva sul nostro stile di gioco: se dovremo aggiustare qualcosa, però, la aggiusteremo".

BORUSSIA DORTMUND - "Loro hanno da sei anni lo stesso tecnico, Klopp, che mi piace molto per la sua passione e professionalità; noi dovremo mantenere i ritmi alti, e molto dipenderà dalla spinta del 'San Paolo' e dalla nostra mentalità.
I tifosi devono aiutarci, nel rispetto delle regole.
Ci aspetta una squadra al vertice in Europa: vogliamo attaccare, ma se in alcune fasi saranno più forti dovremo cambiare qualcosa".

TROFEI E PROGETTO - "Il progetto è nuovo, ed essendo all'inizio non possiamo parlare di titoli.
Ma migliorare il nostro stile sarà la chiave per arrivare a vincere.
Se a maggio vorrei essere in finale di Champions o a giocarmi lo Scudetto? E' troppo lontano, ne parleremo successivamente".

TITOLARI - "Cambierò qualcosa rispetto all'Atalanta, ma oggi non posso dirvi cosa farò, dato che Klopp è qui vicino (ride, ndr)".

'SAN PAOLO' PIENO - "Dobbiamo vedere i tifosi al massimo, ovviamente nel rispetto delle regole.
Sono emozionato: nelle gare casalinghe i nostri sostenitori faranno la differenza.
Domani affronteremo la squadra più in forma in assoluto, e fisicamente sono più forti.
Giocare contro di loro può essere l'occasione per dire al mondo che siamo forti anche noi".

HIGUAIN E LEWANDOWSKI - "Se c'era anche Lewandowski nei cinque nomi per il mercato estivo? Nei cinque nomi c'era Higuain e sono contento di questo.
Timore per i tedeschi? No.
Io non temo nessuno".

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)

    Notizie   Napoli  
    Napoli, Milik: c'è la rottura del crociato. Ora è a Villa Stuart
    Napoli, Milik: c'è la rottura del crociato. Ora è a Villa Stuart
    L'attaccante costretto ad una nuova operazione
    Notizie   Napoli  
    Napoli, da Ounas a Leandrinho: le soluzioni al ko di Milik
    Napoli, da Ounas a Leandrinho: le soluzioni al ko di Milik
    Da non scartare neanche un Callejon versione centravanti
    Notizie   Napoli  
    Napoli, infortunio Milik: il comunicato UFFICIALE
    Napoli, infortunio Milik: il comunicato UFFICIALE
    L'attaccante polacco sarà valutato nuovamente domani alla clinica Villa Stuart
    Mercato   Napoli  
    Calciomercato Napoli, Milik ko? C'è già il sostituto
    Calciomercato Napoli, Milik ko? C'è già il sostituto
    Gli azzurri possono anticipare l'arrivo di Inglese dal Chievo
    Serie A   Spal   Napoli
    Serie A, Spal-Napoli 2-3: decide Ghoulam, paura per Milik
    Serie A, Spal-Napoli 2-3: decide Ghoulam, paura per Milik
    Decide una rete dell'algerino a pochi minuti dal termine
    Mercato   Napoli  
    Mercato Napoli, Arsenal e non solo: i possibili acquirenti di Milik
    Mercato Napoli, Arsenal e non solo: i possibili acquirenti di Milik
    L'attaccante ha giocato poco in questa prima fase di stagione, con Sarri che gli preferisce Mertens
    Notizie   Napoli  
    Napoli, De Laurentiis: "Una Serie A con 16 squadre. Su Mertens..."
    Napoli, De Laurentiis: "Una Serie A con 16 squadre. Su Mertens..."
    Ecco l'analisi del presidente azzurro sullo stato del calcio italiano