• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI ISRAELE-ITALIA

PAGELLE E TABELLINO DI ISRAELE-ITALIA

Segna sempre Pellè, Chiellini da incubo. Verratti e Immobile decisivi


Candreva © Getty Images

05/09/2016 22:46

ECCO LE PAGELLE DI ISRAELE-ITALIA

                    

ISRAELE

Goresh 6 – Si ritrova sotto di due gol senza compiere particolari interventi. L’unico forse decisivo si registra prima del 45esimo sul colpo di testa a botta sicura di Pellè.

Ben Bitton 5,5 – Timoroso in fase di spinta, si fa sorprendere da Bonaventura in occasione del fallo da rigore che Candreva trasforma in 2-0. Meglio nella seconda frazione quando più campo per avanzare in avanti.

Tzedek 4,5 – In ritardo sul gol di Pellè, la velocità di Eder mette in luce tutti i suoi limiti, nonostante l’interista non sia nella sua serata di grazia. All’83esimo però Immobile lo ridicolizza facendo precipitare la sua pagella.

Tibi 5 – Abile in paio di chiusure iniziali, poi fa fatica a contenere lo strapotere fisico di Pellè, galvanizzato dopo il gol del vantaggio. Esce ad inizio ripresa per infortunio. Dal 50’ Gershon 5,5 – Ha la fortuna di entrare qualche minuto prima l’espulsione di Chiellini. Da quel momento in poi, infatti, l’Italia punge poco dalle parti di Goresh almeno fino al gol di Immobile.

Davidzada 6 – Poche sortite offensive, anche perchè Candreva lo mette spesso in difficoltà. Cresce nella ripresa, complice l’inferiorità numerica della squadra di Ventura.

Nir Biton 5,5 – Non brilla per personalità e qualità tecnica, cerca allora di rimediare con l’agonismo ma a stento riesce ad avere alla meglio. Al 52esimo ha un sussulto impegnando Buffon con una conclusione angolata dalla distanza. Dal 57’ Arzily 5 – Cerca di inserirsi alle spalle dei difensori italiani, ma non trova mai la giocata utile per i compagni di squadra.

Yeini 5 – Poco intraprendente nel palleggio, si segnala solo per un pressing costante sui portatori di palla italiani e poco altro.

Ben Chaim 7 - Lotta, corre e mette costantemente in apprensione un Chiellini in serata no. Meraviglioso il cucchiaio che lascia di sasso Buffon, dopo l’ennesimo svarione del difensore della Juventus. Dal 62’ Kehat 6 – Spaventa Buffon con una bordata che il capitano azzurro non tramuta per poco in assist involontario per Zahavi. Meno preciso all’82esimo con un destro che finisce alle stelle.

Kayal 5,5 – Galleggia inizialmente tra la difesa ed il centrocampo dell’Italia, risultando un fastidio continuo soprattutto per l’impostazione di Verratti. Dopo l’1-2 degli Azzurri sparisce, cercando di riemergere nel finale ma senza effetti.

Zahavi 6 – Il primo israeliano ad aver segnato in Serie A, prova a prendere subito per mano la sua Nazionale con fraseggi brevi che accendono il pubblico di casa. Sale in cattedra nel secondo tempo, sfiorando anche il pari sulla corta respinta di Buffon sul tiro di Kehat.

Hemed 5 – Resta imbrigliato nella morsa dei centrali azzurri, soprattutto di Bonucci e Barzagli che gli concedono soltanto l’appoggio. L’espulsione di Chiellini potrebbe allargare le maglie della difesa italiana, ma tranne una rovesciata da fuori area non dà segnali di vita.

Ct. Levy 5,5 – Il 4-2-3-1 iniziale mette un pò in soggezione nei primi minuti l’Italia che ha però il merito di andare in doppio vantaggio, ma anche il demerito di rimettere in carreggiata Israele. La sua squadra a quel punto crede nella rimonta…Forse affrettata la sostituzione di Ben Chaim, il migliore dei suoi.

 

ITALIA

Buffon 6 – Il pressing costante dei padroni di casa costringono anche lui alla massima concentrazione quando i difensori lo chiamano al gioco con i piedi. Non impeccabile nel tentativo di Kehat che diventa quasi un passaggio involontario per Zahavi: la deviazione sul tiro dell'ex Palermo è tanto impercettibile quanto determinante.

Barzagli 6 – Controlla senza strafare l’estro di Zahavi, il giocatore più celebre della Nazionale israeliana. Qualche sbavatura di troppo, ma comunque sufficiente. Attento nella ripresa.

Bonucci 6,5 – Tornato a disposizione di Ventura, si ritrova a sorpresa a dover spesso rimediare alle incertezze di Chiellini. Geniale il lancio ad inizio secondo tempo per Eder che manca il terzo gol. Regge bene all’urto israeliano nel finale. 

Chiellini 4 – Conferma la prova deludente di giovedì scorso, combinando in fase di impostazione una serie di errori incomprensibili da uno come lui. Al terzo pasticcio, Ben Chaim ne approfitta, aprendo di fatto il match. Non contento, completa la sua serata da incubo rimediando in maniera ingenua la seconda ammonizione.

Candreva 6,5 – L’asse con Parolo, in virtù della loro esperienza nella Lazio, funziona bene. Freddo nello spiazzare il portiere israeliano per la rete del 2-0, 100esimo rigore nella storia dell’Italia. Perfetto il cross per la testa di Pellè che allo scadere del primo tempo sfiora la doppietta personale. Dal 67’ Florenzi 6 – Poco servito dai compagni, avrebbe tanta benzina per spingere ma alla fine si limita a stazione sull’out di destra. Splendido il lancio nel finale per Immobile che manca il poker.

Parolo 6 – Fa molto lavoro oscuro, come gli capita spesso in Nazionale. Il suo contributo risulta fondamentale ogni volta che la squadra si ritrova sbilanciata. Meno puntuale in fase di interdizione con il passare dei minuti, fatica poi a contrastare il forcing israeliano.

Verratti 7 – Ci mette qualche minuto a prendere il comando del centrocampo. Quando gli riesce, ecco che da il là all’azione del vantaggio di Pellè. Cresciuto rispetto al passato in fase di contenimento, recupera un’infinità di palloni davanti alla difesa anche se spesso non ha la giusta brillantezza per lanciare le punte azzurre.

Bonaventura 6 – La sua posizione nel centrocampo a cinque non esalta al massimo le sue caratteristiche. Appena Israele gli concede un po’ di spazio, lui lo sfrutta conquistandosi in qualche modo il rigore del 2-0. Dal 62’ Ogbonna 6 – Si piazza al posto di Chiellini nel trio difensivo italiano, controllando bene le situazioni più intricate.

Antonelli 6 – Preferito a De Sciglio, premia la scelta di Ventura regalando a Pellè il pallone dell’1-0. La sua prestazione, tuttavia, non decolla anche perché paradossalmente le cose migliori le combina nella metà campo avversaria, ma con scarso successo.

Pellè 7 – Dopo il gol alla Francia, si ripete anche oggi concretizzando a dovere la prima vera chance della sera che gli vale il nono centro con la maglia della Nazionale. Sempre più bomber di questa Italia, sfiora la doppietta prima del 45esimo con un colpo di testa sul quale è strepitosa la risposta di Goresh. Stremato, confeziona con una spizzata intelligente l’assist per la terza rete di Immobile.

Eder 6 – Tanto movimento sul fronte offensivo, ma a volte gli manca la giocata decisiva per chiudere l’incontro. E dire che dopo il 2-0, Israele concede molto campo alle ripartenze azzurre. Sfortunato ad inizio ripresa nel tentare un pallonetto, terminato fuori di poco dalla porta israeliana. Dal 70’ Immobile 7 – Il suo ingresso in campo serve a dare manforte al sofferente centrocampo azzurro. Decisivo nel finale nel gettarsi sulla spizzata di Pellè che trasforma in oro colato. Fondamentale. Poco dopo fallisce il possibile 4-1 da posizione ancora più vantaggiosa della precedente, ma può essere giustificato.

Ct. Ventura 7 – Risponde alle critiche dopo il ko con la Francia con una vittoria convincente, la prima della sua gestione. Da rivedere alcuni errori difensivi, inusuali per la nostra Nazionale, decisamente da applausi la prova di forza della squadra nel momento più difficile della gara. Indovinate le sostituzioni, soprattutto quella di Immobile, determinante per il risultato finale. Promosso.

                                 

Arbitro: Karasev 6 – Lascia giocare sin dalle prime battute, ammonendo nel primo tempo soltanto Chiellini per un fallo tattico su Ben Chaim. Al 30esimo proteste dei padroni di casa per il contatto in area israeliana tra Bonaventura e Ben Bitton: il ginocchio del difensore sembra sbilanciare il centrocampista del Milan. Al 53esimo vede bene il tocco non con il braccio di Chiellini al limite dell’area azzurra. Qualche dubbio, invece, sul secondo giallo comminato a Chiellini, per un fallo veniale a metà campo.


TABELLINO

ISRAELE-ITALIA 1-3

Israele (4-2-3-1): Goresh; Ben Bitton, Tzedek, Tibi (dal 50’ Gershon), Davidzada; Nir Bitton (dal 57’ Atzily), Yeini; Ben Chaim (dal 62’ Kehat), Kayal, Zahavi; Hemed. A disp.: Harush, Dasa, Natcho, Dabbur, Einbinder, Magharbeh, Saief, Golasa, Kleyman. Ct. Levy.

Italia (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva (dal 67’ Florenzi), Parolo, Verratti, Bonaventura (dal 62’ Ogbonna), Antonelli; Pellè, Eder (dal 70’ Immobile). A disp. Donnarumma, Marchetti, Astori, De Sciglio, Rugani, Montolivo, Bernardeschi, Gabbiadini, Pavoletti. Ct Ventura.

Arbitro: Sergei Karasev (Rus).

Marcatori: 14' Pellè (I), 31’ Candreva (I), 35’ Ben Chaim (I), 83’ Immobile (I)

Ammoniti: 27' Chiellini (I),

Espulsi: 55’ Chiellini (I)




Commenta con Facebook