• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Marchetti > L'Editoriale di Marchetti - Inter, ecco perché due colpi. Frenata Juve, weekend movimentato...

L'Editoriale di Marchetti - Inter, ecco perché due colpi. Frenata Juve, weekend movimentato...

Consueto appuntamento con il nostro editorialista


Luca Marchetti
Luca Marchetti (@LucaMarchetti)

27/08/2016 13:07

EDITORIALE MARCHETTI INTER JUVENTUS/ MILANO - Da una parte l'entusiasmo nerazzurro per lo sbarco a Milano di Gabigol e Joao Mario. Dall'altra la doccia fredda per le risposte provenienti da Parigi per Matuidi...
Un inizio di weekend particolare per Juve e Inter. Ma cosa è successo?
In nerazzurro la prima lettura è molto semplice. Dopo settimane passate a studiare soluzioni per rispettare i paletti del fair play finanziario, la proprietà ha deciso di investire prima e di "aggiustare" poi. Il rischio è di non inserire Joao Mario e Gabigol nella lista europea? Non importa, intanto sono qui. Bisogna trovare un modo per aumentare ricavi e sponsorizzazioni? Non c'è problema, lo troveremo. Male che va (come ultima istanza) c'è sempre la via dolorosa delle cessioni eccellenti, che però ora l'Inter non prende in considerazione. Insomma nei prossimi 8 mesi la società e la proprietà lavoreranno per fare in modo che non ci siano ulteriori sanzioni dalla Uefa per il FFP ma intanto hanno voluto dimostrare una grande forza, hanno voluto dimostrare le potenzialità e le ambizioni. Tutto ora si deve tradurre non solo in campo (e dovrà pensarci De Boer) ma anche di fronte alla Uefa, ma obiettivamente le premesse sono incoraggianti. Sono riusciti il PSG e il City degli sceicchi a convincere la Uefa della loro solidità, una strada legittima verrà trovata anche da Suning.
Il problema di lista non si pone. Su quello, al momento, non si può far nulla. Magari a gennaio qualcosa potrà essere modificato, ma non è un problema per i nuovi proprietari nerazzurri.
Un problema invece per la Juve è la posizione del PSG per Matuidi. A una prima apertura alla trattativa (da una valutazione di 45 a una richiesta di 30 milioni per il cartellino del centrocampista francese) è seguito un irrigidimento. 30 sono e 30 devono rimanere, ha detto Al Khelaifi ai suoi dirigenti. Quando compriamo nessuno ci fa lo sconto, quindi anche noi non facciamo sconti a nessuno. Anzi, se la Juventus non volesse arrivare a 30 sai che facciamo? Togliamo Matuidi dal mercato e gli proponiamo il rinnovo del contratto. Detto fatto. E così la Juve si trova spiazzata. Matuidi strada senza uscita? Al momento sì, per forza. Manca troppo poco per pensare soltanto a strategie. Ora Marotta e Paratici devono pensare alle alternative che non hanno mai abbandonato ma chi per un verso o chi per l'altro non convincevano al 100%. Luiz Gustavo, Witsel, Sissoko, perché no Herrera. Un centrocampista alla Juve serve, ma state certi che comprare tanto per comprare la Juve non lo farà. O trova quello per cui vale la pena spendere oppure si sente già forte così. E magari si prepara il terreno. Ma in questi ultimi 5 giorni tutto può succedere... E tutti sono ancora in ballo...




Commenta con Facebook