• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI SASSUOLO-LUCERNA

PAGELLE E TABELLINO DI SASSUOLO-LUCERNA

E' ancora Berardi show! Duncan fa rimpiangere l'Inter, Cannavaro-Acerbi insuperabili


Esultanza Berardi © Getty Images
Valerio Pantone

04/08/2016 22:19

ECCO LE PAGELLE DI SASSUOLO-LUCERNA

 

SASSUOLO

Consigli 6 – La sua difesa gli permette di trascorrere una serata in totale tranquillità. Un paio di uscite alte e poche altro, gli impediscono di terminare la gara senza neanche un intervento.

Gazzola 6,5 – L’eredità lasciata da Vrsaljko non sembra pesargli più di tanto, e così come all’andata garantisce affidabilità per tutto l’incontro.

Cannavaro 7 – Padrone assoluto sulle palle alte, chiude bene tutti gli spazi agli avanti del Lucerna, concedendo loro praticamente nulla.

Acerbi 7 – Più reattivo rispetto al match di una settimana fa, appare in condizione fisica decisamente migliore e così per gli elvetici è quasi impossibile impensierire Consigli.

Peluso 6,5 – Resta bloccato per lunghi tratti della gara nella linea difensiva, evitando di lasciare campo alle ripartenze degli avversari. Molto concentrato, sbriglia bene un paio di situazioni complicate.

Biondini 6,5 – Si limita alla fase di interdizione, specie nel primo tempo quando il Lucerna ha il predominio del centrocampo. Dal 72’ Sensi 6 – Ha l’occasione per fare il suo esordio in Europa e per mettere alla sua prova la sua convivenza in campo con Magnanelli. Di Francesco lo vuole far crescere con molta calma.

Magnanelli 7 – Onnipresente su tutti i palloni vaganti in area di rigore, si batte come un leone, da vero capitano. Da apprezzare anche diversi lanci interessanti, più da regista alla Pirlo che da semplice intenditore.

Duncan 7,5 – La sua crescita anche a livello tecnico è ormai sotto gli occhi di tutti. Alla facilità di corsa, unisce una tecnica cristallina, finora sconosciuta a molti addetti ai lavori: giocatore imprescindibile ormai nello scacchiere tattico di Di Francesco. Forse l’Inter se ne è liberato troppo facilmente.

Berardi 8 – Anche oggi si conferma l’uomo copertina di questo Sassuolo. Prima manda in porta Defrel con una sponda di testa, poi poco dopo, raccoglie una corta respinta della difesa elvetica firmando la rete dell’1-0. Prima dell’intervallo, si conquista il penalty che vale il rosso diretto a Costa e soprattutto la sua prima doppietta personale in Europa. Niente male, considerando che si tratta della seconda apparizione a livello continentale. Trascinatore. Dal 73’ Politano 6,5 – Difficile sostituire un Berardi così. I pochi minuti, tuttavia, li sfrutta bene costruendo quasi da solo almeno due potenziali palle gol.

Defrel 6,5 – Al nono Berardi gli offre un gran palla per il possibile vantaggio, ma il suo tiro lambisce il palo. A vantaggio acquisito, diventa più semplice per lui duettare con Berardi e Sansone. Ad inizio ripresa fallisce da due passi un’altra chance ghiottissima davanti a Zibung, poi però si riscatta appoggiando in rete il cross al bacio di Duncan. Dall’82’ Falcinelli s.v.

Sansone 6 – Subito molto determinato sui contrasti (tanto che rimedia dopo pochi minuti il giallo), dimostra tanta voglia di fare anche se pecca di lucidità al momento di calciare in porta.

All. Di Francesco 7,5 – Lo aveva detto in conferenza stampa. L’inizio di gara non sarebbe stato facile, e così è stato. La sua squadra ha però il merito di saper soffrire (per la verità neanche troppo) e poi di punire gli avversari con le sue arme migliori, il gioco e Domenico Berardi. L’ascesa del giovane italiano forse più talentuoso è gran parte merito suo, così come lo storico passaggio del turno allo spareggio di Europa League. Chapeau.

 

LUCERNA

Zibung 5,5 – Può fare ben poco sul primo gol di Berardi. Decisamente da rivedere l’intervento sul tiro non irresistibile dello stesso attaccante neroverde, che propizia l’espulsione di Costa e il conseguente rigore del 2-0. Prova a rimediare ad inizio secondo tempo, chiudendo lo specchio della porta a Defrel, presentatosi solo in area di rigore. Incolpevole sulla terza rete dei padroni di casa.

C. Schneuwly 5,5 – Molto intraprendente ad inizio partita, dove costringe spesso Sansone al ripiegamento difensivo, si dimentica o quasi di contenere le continue imbucate di Duncan che dal suo lato fa il bello e il cattivo tempo. Suo nella ripresa l'unico tiro degno di questo nome del Lucerna.

Ricardo Costa 4,5 – L’uscita di Puljic gli complica ulteriormente una serata già sulla carta non semplice. Si salva in qualche modo sul taglio centrale di Defrel, dal quale nasce poi il vantaggio del Sassuolo; poco dopo frana in area sempre sul 25 degli emiliani, palesando tutta la sua frustrazione e rimediando così il cartellino rosso.   

Puljic s.v. - Un problema muscolare lo costringe subito al forfait dopo pochi minuti. Dall’11’ Sarr 5 – Adattato centrale per mancanza di alternative, mette in evidenza tutti i suoi limiti soprattutto in marcatura. Non la partita giusta, probabilmente, per capire certi meccanismi difensivi.

Lustenberg 5 – Si propone poco e dietro paga anche lui la serata di grazia di Berardi. La conferma, nell’azione dal quale scaturisce il rigore del 2-0, dove si lascia superare con troppa facilità dal talento italiano.

Kryeziu 5 – Promosso titolare come rinforzo in mezzo al campo, la sua utilità dura meno di mezz’ora, anche perché dopo il raddoppio del Sassuolo, il Lucerna avrebbe bisogno di ben altro.

Haas 5 – Metronomo della squadra, fatica a tessere la manovra dei suoi, anche perché la difesa neroverde, questa sera, appare davvero impenetrabile.   

Jantscher 5 - Uno degli ultimi a mollare, prova ad impensierire Peluso come all’andata, ma questa volta l’ex Juve non si fa mai sorprendere.

Neumayr 4,5 – Croce e delizia nella gara d’andata, si fa apprezzare ad inizio gara con qualche conclusione dalla distanza che però non sporcano neanche i guantoni di Consigli. Da quel momento in poi il nulla. Dal 72’ Arnold 6 – Giusto il tempo di creare un'incursione sulla sinistra non sfruttata da M. Schneuwly. 

Hyka 5 – Entra nel vivo del gioco nelle prime sortite offensive del match. Poi però si spegne con il passare dei minuti, diventando un corpo estraneo al resto della squadra. Dal 72’ Oliveira 5,5 - Il suo ingresso in campo passa presto nel dimenticaio. Non lascia nessuna traccia sul match.

M. Schneuwly 4,5 – Migliore dei suoi in Svizzera, oggi viene praticamente annullato dai due centrali di Di Francesco, complice anche l’inferiorità numerica della sua squadra nei secondi quarantacinque minuti.

All. Babbel 5 – Passa al 4-2-3-1 rispetto alla gara d’andata, inserendo un centrocampista di quantità come Kryeziu al posto di Itten. L’incoraggiante avvio di gara, tuttavia, illude i suoi che si dimostrano troppo fragili in difesa, e soprattutto poco insidiosi davanti. L’espulsione di Costa, poi, agevola il compito del Sassuolo che da quel momento prende il sopravvento.

                                 

Arbitro: Ali Palabıyık 6 – Lascia molto correre ad inizio gara, a volte anche in maniera eccessiva, dimenticandosi di sanzionare almeno un paio di falli. Vede bene sull’atterramento in area di Berardi, dove concede giustamente il penalty ed espelle il difensore del Lucerna. Qualche dubbio, sul finale del primo tempo, per un contatto in area elvetica nel quale ha alla peggio Biondini. Ripresa in assoluta scioltezza.


TABELLINO

SASSUOLO-LUCERNA 3-0

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Biondini (dal 72’ Sensi), Magnanelli, Duncan; Berardi (dal 73’ Politano), Defrel (dall’82’ Falcinelli), Sansone. A disp:. Pegolo, Dell’Orco, Antei, Mazzitelli. All. Di Francesco.

Lucerna (4-2-3-1): Zibung; C.Schneuwly, Ricardo Costa, Puljic (dall’11’ Sarr), Lustenberger; Haas, Kryeziu; Hyka (dal 72’ Oliveira), Neumayr (dal 72’ Arnold), Jantscher; M.Schneuwly. A disp: Omlin, Juric, Grether, Itten. All. Babbel.

Arbitro: Ali Palabıyık (Tur).

Marcatori: 19', 39’ Berardi (S), 64’ Defrel (S)

Ammoniti: 8' Sansone (S),

Espulsi: 38’ Ricardo Costa (L)




Commenta con Facebook