• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Germania-Italia, Löw: "Sono artisti della difesa. Quattro anni fa sconfitta dolorosa"

Germania-Italia, Löw: "Sono artisti della difesa. Quattro anni fa sconfitta dolorosa"

Il commissario tecnico tedesco anticipa i temi della sfida con gli azzurri


Joachim Löw ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

01/07/2016 14:35

GERMANIA ITALIA LÖW DIFESA / PARIGI (Francia) - "Sono artisti della difesa": Joachim Löw, commissario tecnico della Germania, punta l'indice sul reparto arretrato azzurro, uno dei temi più caldi delle news Italia, a un giorno dai quarti di finale di Euro 2016. Il tecnico spiega in un'intervista alla 'Bild': "Contro la Spagna gli azzurri hanno giocato molto bene, ma sento che tutti noi siamo felici di poter giocare questa partita. L'abbiamo preparata bene, sappiamo cosa ci troveremo di fronte e sono fiducioso. La loro difesa è un baluardo, sarà difficile metterli in difficoltà: l'Italia è l'ostacolo più grande di questo torneo".

Löw però è fiducioso: "So che contro questi artisti della difesa avremo poche palle gol e siamo obbligati a sfruttare quelle che capiteranno". Un ottimismo che nasce dalla consapevolezza della forza del proprio reparto offensivo: "In attacco abbiamo grandi qualità, so che anche loro ci rispettano".

L'Italia però non è solo difesa e per questo il commissario tecnico della Germania chiede ai suoi massia attenzione: "Un piccolo errore e sei costretto a tornare a casa. Non c'è garanzia di vittoria, sfide come questa danno pepe alla competizione". 

Ma Germania-Italia è sfida anche storica ed è impossibile per Löw non fare accenno all'ultima sfida europea persa contro gli azzurri nel 2012, sempre con lui in panchina: "Se quattro anni fa avessimo vinto la semifinale, avremmo poi battuto anche la Spagna in finale, ne sono certo. E' stata una sconfitta dolorosa, la ferita ha sanguinato per qualche mese. Da quella sconfitta però abbiamo imparato molto, insegnamenti importanti anche per la vittoria del mondiale nel 2014". 

Ultima battuta sul calciomercato e sul suo futuro: "La partita con l'Italia non deciderà il mio futuro, dopo i tornei è bene tirare le somme". Ora però è tempo soltanto di pensare al campo. 




Commenta con Facebook