• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI PORTOGALLO-ISLANDA

PAGELLE E TABELLINO DI PORTOGALLO-ISLANDA

Ronaldo impreciso sotto porta. Bjarnason perfetto, sigla il primo gol in un Europeo per l'Islanda


Birkir Bjarnason © Getty Images
Rocco Crea (Twitter @Rocco_Crea)

14/06/2016 23:04

ECCO LE PAGELLE DI PORTOGALLO-ISLANDA:

 

PORTOGALLO

Rui Patricio 6 – Blocca in due tempi il tiro di G.Sigurdsson nei primissimi minuti di gara; non può nulla sulla conclusione ravvicinata di Bjarnason che vale il pari.  

Vieirinha 5 – Pessima diagonale difensiva in occasione della rete di Bjarnason, è in ritardo e appare impacciato nell’intervento, che fra l’altro non gli riesce. Ha sulla coscienza la mancata vittoria.

Pepe 6,5 – Fa il Bonucci della situazione al 25’ quando lancia Ronaldo col contagiri, ma CR7 non riesce ad impattare il pallone. Pochi affanni, per uno della sua esperienza, affrontare l’attacco islandese.

R. Carvalho 6 – Non corre mai rischi e svolge tutto sommato bene il suo compito, con la collaborazione di Pepe. Qualche problemino nei duelli di testa con Sigthorsson però li ha.

Raphael Guerreiro 6,5 – Interessante per progressione e forza fisica nonostante la statura. Non teme i giganti nordici perché li brucia sul tempo. Si propone in avanti spesso, anche accentrandosi per il tiro.

Danilo 6,5 – Pronti via, va in confusione su G. Sigurdsson, a cui concede di girarsi e concludere in area troppo facilmente. Il suo ruolo però non è quello del difensore, e infatti a centrocampo si impone come filtro fra la difesa e il centrocampo, ma è anche facilitato dall’assenza di gioco lì nel mezzo da parte dell’Islanda.

Joao Mario 6,5 – Partita intelligente la sua, perchè non dà mai punti di riferimento agli avversari, gettanosi spesso negli spazi e lasciando Ronaldo libero da marcature troppo strette. Bene, dunque, soprattutto coi movimenti senza palla. Dal 75’ Quaresma s.v.

Andrè Gomes 6,5 – Nell’azione del gol si lancia da solo appoggiando per Vieirinha, riceve il pallone di ritorno da quast’ultimo e mette in mezzo un rasoterra che Nani deve solo appoggiare in rete. Bravo negli spazi, ma anche palla al piede, nel secondo tempo cala parecchio. E la Juventus osserva con attenzione… Dall’84’ Eder s.v.

Joao Moutinho 5,5 – Non riesce ad offrire la qualità auspicata da Santos, anche perché di rado si inserisce provando a dettare l’ultimo passaggio con i dovuti movimenti. Dal 70’ Sanches 6 – Con la sua dinamicità, forza fisica e freschezza regala più spunti, rendendo quindi più imprevedibile la manovra del Portogallo. Ma non basta.

Nani 6,5 – Colpisce pericolosamente di testa al 22’ ma Halldorsson respinge d’istinto. Si rifà dopo circa dieci minuti portando in vantaggio il Portogallo grazie ad un tap-in su preciso suggerimento di Andrè Gomes. Nel secondo tempo cala fisicamente.

Cristiano Ronaldo 6 – Svaria molto sul fronte d’attacco, risulta un po’ troppo egoista quando conclude dalla distanza anzichè servire i compagni in sovrapposizione. Ad ogni modo quando si accende l’Islanda trema, ma gli manca la precisione sotto porta, come in occasione del colpo di testa a pochi minuti dalla fine bloccato facilmente da Halldorsson.

All. Santos 5,5 – Il difetto più grande del suo Portogallo è mollare la presa una volta andati in vantaggio. Difficile comprendere come il gol di Bjarnasson abbia di fatto tagliato le gambe ai suoi ragazzi. Occorre una mentalità di ferro per proseguire nell’Europeo.

 

ISLANDA

Halldorsson 7 –Miracola d’istinto sul colpo di testa ravvicinato ma centrale di Nani nel primo tempo, ma non può nulla sul vantaggio firmato dallo stesso attaccante portoghese. Sempre sicuro sulle palle alte.

Saevarsson 5,5 – Non spinge mai in avanti, e soprattutto nel primo tempo va in difficoltà quando capita in mezzo all’asse Andrè Gomes-Guerreiro. Nella seconda frazione si riprende limitando i danni, anche perché dopo il pari i lusitani calano.

R. Sigurdsson 5 – Gli sfugge Ronaldo in marcatura al 23’, che dunque diviene libero di colpire di testa ma la palla finisce alta. Posizionato malissimo sul gol di Nani, che infatti ha in gran parte sulla coscienza. A volte riesce a metterci delle pezze, tuttavia non sempre è posizionato bene.  

Arnason 5,5 – Fuori posizione in un’occasione concessa a Nani, col prosieguo del match non va troppo in bambola e questo risultato, con CR7 di fronte, non è certo da buttar via.

Skulason 6 – Anche lui non si propone mai in fase offensive, rimanendo ancorato alla linea a 4 di difesa. Si limita al compitino ed a spazzare quando serve, senza fronzoli.

Berg Gudmundsson 6,5 – Bellissimo il cross che taglia tutta l’area di rigore lusitana, compreso l’ultimo uomo Vieirinha, per la rete dell’1-1 di Bjarnason. Dopo la marcatura ci prova ad impensierire in qualche occasione la retroguardia portoghese sull’out di destra.

Gunnarsson 5,5 – Lotta parecchio, anche se non ci capisce granchè nel primo tempo. Il centrocampo islandese viene spesso saltato dai lanci lunghi dei difensori, per cui spesso è anche tagliato fuori dalla manovra di rimessa.

G. Sigurdsson 6 – Fa venire i brividi al Portogallo dopo soli due minuti con un’azione in velocità che lo porta al tiro bloccato da Rui Patricio. Inizia con scioltezza e appare molto brillante, ma si perde alla distanza.

Bjarnason 7 – L’ex giocatore di Pescara e Sampdoria mette a segno un gol storico: il primo in assoluto dell’Islanda ad una fase finale di un Europeo, calciando al volo in area su un perfetto cross di Berg Gudmundsson. Va su tutti i palloni con dinamismo e qualità. Migliore in campo.

Bodvarsson 5 – Non riesce a garantire copertura alle sponde del compagno di reparto, perché spesso è anticipato dai due centrali portoghesi. Mai pericoloso sotto porta.

Sigthorsson 6 – Vince tutti I duelli di testa e gioca una partita di assoluto sacrificio, facendo a sportellate e provando a lanciare Bodvarsson, oltre che far salire i compagni. Dall’80’ Finnbogason s.v.

All. Lagerback 6 – Sembrava in balia del Portogallo la sua Islanda, e invece la forza d’animo dei suoi ragazzi ha chiarito la qualificazione alla fase finale dell’Europeo. Il suo è un 4-4-2 classico, ma perché funzioni occorre che i terzini spingano.

 

 

Arbitro: Cakir 6,5 – Partita corretta e tranquilla, facilmente tenuta in pugno dall’arbitro turco. Nessun errore o imperfezione da segnalare.

 

TABELLINO

Portogallo-Islanda 1-1

Portogallo (4-1-2-1-2): Rui Patricio; Vieirinha, Pepe, R. Carvalho, Raphael Guerreiro; Danilo; Joao Mario (dal 75’ Quaresma), Andrè Gomes (dall’84’ Eder); Joao Moutinho (dal 70’ Sanches); Nani, Ronaldo. A disp.: Bruno Alves, Rafa, Adrien Silva, Fonte, Soares, Eliseu, Lopes, Eduardo, W. Carvalho. All. Santos.

Islanda (4-4-2): Halldorsson; Saevarsson, R. Sigurdsson, Arnason, Skulason; Berg Gudmundsson (dal 91’ T. Bjarnason), Gunnarsson, G. Sigurdsson, B. Bjarnason; Bodvarsson, Sigthorsson (dall’80’ Finnbogason). A disp.: Gudjohnsen, Traustason, Hauksson, Ingason, Magnusson, Jonsson, Sigurjonsson, Hallfredsson, Hermannsson, Kristinsson. All. Lagerback.

Marcatori: 31’ Nani (P), 50’B. Bjarnason (I)

Arbitro: Cuneyt Cakir (TUR)

Ammoniti: 55’ B. Bjarnason (I), 94’ FinNbogason (I)

Espulsi: 




Commenta con Facebook