• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Calciomercato Roma, Pjanic alla Juventus: ecco come è andata

Calciomercato Roma, Pjanic alla Juventus: ecco come è andata

Dettagli e retroscena dell'affare bianconero in casa giallorossa


Miralem Pjanic ©Getty Images
Eleonora Trotta (@eleonora_trotta)

12/06/2016 15:22

CALCIOMERCATO ROMA PJANIC ALLA JUVENTUS ECCO COME E' ANDATA / ROMA - La prima 'telenovela' del calciomercato estivo  2016 ha un nome ed un cognome ben preciso: Miralem Pjanic. Per l'ufficialità del trasferimento del centrocampista bosniaco della Roma alla Juventus si dovrà attendere ancora pochi giorni (ore?), ma sono i dettagli ed i retroscena di questo affare in uscita del calciomercato Roma a 'riscaldare' la piazza capitolina.

Un primo capitolo della storia viene scritto nella giornata di venerdì da Adis Junuzovic, che annuncia la firma imminente del giocatore con la Juventus. Qualche ora più tardi, però, a prendere la parola in prima persona è proprio il bosniaco: "Sono dichiarazioni di una persona che conosco - si legge in una nota affidata all''Ansa' - ma che non ha alcun titolo per parlare a mio nome".

A riaccendere la questione Pjanic ci pensa l'edizione del 'Corriere dello Sport' di ieri, sabato 11 giugno, che riporta il testo di alcuni messaggi che il centrocampista giallorosso avrebbe inviato ad un amico: "Mi hanno venduto in 15 minuti, hanno chiamato loro la Juve. Sono molto amareggiato, ma purtroppo nella vita non si può avere di tutto".

Da 'Roma Radio' arriva la controrisposta del Dg Mauro Baldissoni: "Riteniamo opportuno intervenire quando vengono travalicati i confini della professionalità. Abbiamo letto ulteriori sciocchezze sulla vicenda Pjanic. Oggi si è scritto di confidenze, smentite dal ragazzo che abbiamo sentito stamattina. Siamo costretti a tirar fuori documenti ufficiali per smentire sciocchezze. Non dobbiamo difendere noi ma i tifosi della Roma che vengono avvelenati. Con Pjanic ci ho parlato e mi ha detto che non pensa di aver mai scritto quelle cose". 

Ecco il documento che Baldissoni legge ai radioascoltatori: "Roma, 9/06/2016. Spettabile AS Roma SpA, alla cortese attenzione del direttore generale. Con la presente comunico di volermi avvalere del diritto di essere trasferito ad altra società, come da accordi tra noi intercorrenti. Vi comunico inoltre la mia disponibilità a regolare il 20% di mia spettanza dell’ammontare del prezzo di trasferimento direttamente con la società che acquisisce il diritto alle mie prestazioni sportive, che, nell’occasione, vi comunico essere la Juventus".

A stretto giro di posta, arriva la conferma di Marotta, Ad e direttore generale della Juventus: "Pjanic ha spinto per venire da noi".

Proviamo ora a fare ulteriore chiarezza sui dettagli e le tempistiche dell'affare Miralem Pjanic. L'edizione odierna de 'Il Messaggero' mette in evidenza: nella lettera inviata alla Roma, Miralem Pjanic annuncia di rinunciare al 20% sui 38 milioni previsti dalla clausola rescissoria (quindi 7,6) ma la Roma ne incasserà 32 e non 30,4 e tutto ciò lascia pensare a una trattativa tra le parti.

Come raccolto dalla redazione di Calciomercato.it, a margine del Consiglio Federale tenutosi lo scorso 7 giugno, è andato in scena un incontro tra Walter Sabatini, Beppe Marotta e Giampaolo Pozzo (patron dell'Udinese) in cui - tra le altre cose - si è affrontato il discorso Miralem Pjanic. Proprio alla luce di ciò, il centrocampista bosniaco è stato richiamato a Roma per definire gli ultimi dettagli dell'accordo personale con la Juventus.

L'infortunio di Antonio Rüdiger - datato proprio 7 giugno - ha accelerato i tempi della cessione di Miralem Pjanic, già messa in preventivo dalla Roma ma che sarebbe potuta essere gestita con più calma (attendendo segnali dalle big internazionali interessate al giocatore) senza il crac del tedesco. Il resto è storia.




Commenta con Facebook