• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Bonucci: "Quando la prima distacca di venti punti la seconda..."

Juventus, Bonucci: "Quando la prima distacca di venti punti la seconda..."

Il difensore bianconero ha parlato anche di Marchisio e di Pogba


Leonardo Bonucci ©Getty Images

18/04/2016 09:51

JUVENTUS BONUCCI INFORTUNIO MARCHISIO SCUDETTO POGBA / TORINO - Leonardo Bonucci concede una lunga intervista a 'La Stampa' dove ha avuto modo di parlare del processo di crescita della sua Juventus, oltre che mandare un messaggio di auguri a Marchisio. Questi i passaggi più significativi dell'intervista: 

CRESCITA - "Entro 2-3 anni di nuovo in finale di Champions? Quella di quest'anno ce la siamo giocata e persa da soli. Prima a Siviglia e poi a Monaco, abbiamo buttato via un percorso di gloria in Champions. Però abbiamo fatto un salto in avanti: c'è un progetto importante che prevede la possibilità di vincerla in pochi anni. Quest'anno abbiamo acquistato qualità e perso un po' di esperienza, ma abbiamo la possibilità di continui ricambi che non intaccano la qualità. Se la manteniamo e miglioriamo noi stessi, il sogno di vincere una finale non è utopia".

POLEMICHE - "La testata a Rizzoli e le polemiche sugli orari sfalzati? Quando una squadra prende 20 punti a quella che è seconda, c'è poco da attaccarsi ad alibi futili. Anzi, ci sarebbe solo da battere le mani a questa Juve che sta facendo la storia, ma in Italia è molto difficile. Noi andiamo avanti per la nostra strada: non c’è ancora scritto nulla alla voce successi e vogliamo vincere per dimostrare che siamo ancora una volta i più forti".

MARCHISIO - "L'infortunio di Marchisio è una ferita per tutti noi: è una grossa perdita dentro e fuori il campo, perché Claudio è uno dei leader della Juve e della Nazionale. Ora sta a noi vincere scudetto e Coppa Italia per dedicargli i successi: se lo merita, ha dato tanto per questa maglia".

POGBA - "Ogni scelta è soggettiva e non so quali sono i suoi parametri. C'è l’interesse della Juve di mantenere in casa uno dei migliori giocatori al mondo e farlo crescere: Paul è uno degli elementi fondamentali di questa squadra".




Commenta con Facebook