• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma-Real Madrid, Spalletti: "De Rossi convocato. Possiamo passare il turno"

Roma-Real Madrid, Spalletti: "De Rossi convocato. Possiamo passare il turno"

Calciomercato.it ha seguito le dichiarazioni dell'allenatore alla vigilia del match


Spalletti (Calciomercato.it)
Andrea Della Sala (Twitter: @dellas8427)

16/02/2016 12:29

DIRETTA CHAMPIONS LEAGUE ROMA REAL MADRID CONFERENZA SPALLETTI LIVE / ROMA - Domani sera riprenderà l'avventura dei giallorossi in Champions League e le news Roma vedranno la formazione di Spalletti di fronte al difficile esame col Real Madrid di Zidane per gli ottavi di finale. Il tecnico romanista ha parlato in conferenza stampa e Calciomercato.it ha seguito le sue dichiarazioni in diretta: 

FORMAZIONE - "De Rossi ieri si è allenato bene e mi aspetto che oggi sviluppi tutto l'allenamento agli stessi ritmi e poi sarà convocato. Tutti i calciatori che ho a disposizione sono importanti e serviranno tutti. Io metterò in campo il miglior undici per cercare di sfruttare quelle possibilità che abbiamo di passare il turno. Totti ha avuto dei problemi prima dell'ultima trasferta a Carpi; ha sentito il riacutizzarsi di un dolore vecchio. Se oggi si allenerà ancora con il gruppo sarà a disposizione e se lo porteremo tra i diciotto ovviamente potrebbe essere utilizzato, dipende da tanti fattori, dalla partita, dalla sua condizione. Domani ci vorrà corsa, forza, disponibilità a sacrificarsi per il compagno; chi ha queste qualità, mi sta ovviamente più a cuore. Per me i giocatori non sono tutti uguali, tengo più conto di quelli che si impegnano maggiormente, che tengono al risultato della Roma sempre. Alleno per il risultato della Roma". 

REAL MADRID - "Non ci sono favoriti, noi abbiamo il 50% delle possibilità di passare il turno. Ora stiamo lavorando e abbiamo imboccato una strada per cercare di esaltare questo gruppo. Questa col Real è la partita più adatta per vedere se siamo sulla strada giusta; sono molto fiducioso perché siamo in continua crescita. Il Real Madrid poco tempo fa ha vinto la Champions con Ancelotti e sono cambiati pochi giocatori, per questo servirà la disponibilità totale da parte dei miei ragazzi. Il Real di adesso mi sembra una squadra che riparte meglio di quella di otto anni fa, prima ti avvolgeva col gioco e ti schiacciava nella tua metà campo. Ora ribaltano l'azione con una velocità impressionante". 

RONALDO - "Ronaldo è uno dei più forti calciatori al mondo per quello che fa vedere in campo, può fare sempre la differenza perché è moderno ha forza, fisicità, velocità e fa sempre gol. Non vado, però, a preparare una gabbia per lui; non dico ai miei calciatori che valgono un terzo di Ronaldo. Dirò a chi gioca nella sua zona che ha la possibilità di essere allo stesso livello del portoghese. Florenzi può essere quello che giocherà su di lui, ma anche altri. Molti possono ricoprire quel ruolo; è chiaro che se di fronte hai Ronaldo una base di velocità la devi avere per cercare di contenerlo. Alessandro sa fare tutto e fa tutto bene e si può usare da tutte le parti. Se si ha in testa la voglia di attaccare l'avversario e di cercare di vincere poco importa chi giocherà". 

TIFOSI - "Il merito di riportare i tifosi allo stadio è della squadra. Io penso che da quando sono arrivato il gruppo abbia fatto il proprio dovere e questa voglia è arrivata ai nostri sostenitori. Non abbiamo giocato un calcio spettacolare ma ci abbiamo messo tutto quello che avevamo dentro. Abbiamo bisogno del nostro pubblico, non c'è cosa più brutta che scendere all''Olimpico' senza il nostro tifo. Domani giocheremo meglio di quanto fatto finora perché la Curva Sud ci darà un contributo importantissimo". 

ZIDANE - "Zidane ha lasciato ricordi bellissimi in Italia, era un campione vero. Io ogni volta che l'ho affrontato mi ha sempre fatto vedere la sua forza mentale, la sua qualità e il suo estro; io ho imparato molto dai campioni, lui ha già questo dono e lo riuscirà a trasferire ai suoi giocatori. Ha un vantaggio: come me quando ho iniziato, faceva già parte di questo gruppo ed è importante per questa sua nuova prima fase. Diventerà un grandissimo allenatore".

ROMA WAY - "Questa squadra non ha subito solo importanti sconfitte, ma accanto ci sono anche importanti vittorie. Non vogliamo più sentire dire che qui non si lavora, qui c'è un ambiente ideale per lavorare e per fare calcio. 'The Roma way', dobbiamo percorrere questa strada e mettere in campo tutte le nostre qualità. Credo che questa formazione abbia importanti valori, non sono stato contento della partita di Torino perché non si è provato a vincere la partita. Non sono felice solo quando la mia squadra non ci prova, così diventa più difficile. Bisogna avere il coraggio di osare, ci si pente quando non si è se stessi. A noi piace fare delle sorprese, giochiamo per emozionare. Il pubblico ha bisogno di questo e noi siamo sulla strada giusta. Vedo la possibilità di poter fare un ulteriore balzo in avanti. Non mi meraviglierei se si lottasse fino alla fine della partita di ritorno per il passaggio del turno e non mi stupirei se la Roma passasse il turno". 




Commenta con Facebook