• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > IL PAGELLONE DI CM.IT: Insigne da Nazionale, Camporese fa da vittima sacrificale

IL PAGELLONE DI CM.IT: Insigne da Nazionale, Camporese fa da vittima sacrificale

Top e Flop della 22a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Lorenzo Insigne ©Getty Images
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

01/02/2016 07:45

PAGELLONE SERIE A 22A GIORNATA INSIGNE CAMPORESE / NAPOLI – La 22a giornata racconta di un campionato che ha ormai solo due padroni, Napoli e Juventus. I partenopei trascinati da Callejon e Insigne asfaltano l’Empoli di un pessimo Camporese. I bianconeri, invece, colgono la loro 12a vittoria consecutiva grazie ai gol di Morata e Pogba contro un remissivo Chievo in cui ha brillato in negativo Cacciatore. Male, invece, l’Inter che perde il derby, con un Mancini molto nervoso e un Santon lanciato nella mischia troppo prematuramente. Continua a stupire il Bologna di Donadoni, che con un Donsah in forma smagliante ha avuto la meglio di una buona Sampdoria appesantita da un Barreto in una fase non felice della sua stagione. La capitale, invece, sorride a metà. La Roma, infatti, ha trovato la prima vittoria dello Spalletti-bis, mentre la Lazio ha raccolto solo un pareggio contro l’Udinese, nonostante abbia giocato per grande parte del match in superiorità numerica vista l’espulsione di Danilo.

 

TOP

 

5. Pogba (Juventus) – Allegri lo lascia più libero di svariare e lui lo ripaga con una prestazione maiuscola. Elegante a metà campo, confeziona un assist al bacio e un gol nel 4-0 griffato Juventus. La sua crescita è vertiginosa ed ora si può dire che quel 10 sulle spalle non gli sta poi così male. VOTO 7,5

 

4. Callejon (Napoli) – I napoletani attendevano con ansia i suoi gol ed ora finalmente stanno arrivando. Firma una doppietta nel match contro l’Empoli ed è lui a propiziare l’autorete di Camporese del momentaneo 3-1. Per il resto soliti polmoni d’acciaio, quella fascia la brucia a suon di sgroppate. Ha il dono dell’ubiquità, incredibile. VOTO 7,5

 

3. Donsah (Bologna) – Si erge ad assoluto protagonista nella partita dei felsinei contro la Sampdoria. In pochi minuti mette a referto un gol e un assist. La sua intelligenza tattica lo porta ad insistere sul lato di Dodò dove i blucerchiati sono palesemente più vulnerabili. Tecnica e sostanza, la ricetta di un giovane che a giugno avrà tanto mercato. VOTO 7,5

 

2. Morata (Juventus) – Non segnava da un po’ e tutti già erano pronti a costruire un vero e proprio caso intorno a lui. Invece, lo spagnolo ha risposto alle critiche con una magnifica doppietta proprio nel momento giusto, proprio quando Mandzukic si è infortunato. La sua stagione riparte da Verona con tante aspettative. VOTO 7,5

 

1. Insigne (Napoli) – Si prende la copertina di questa giornata a suon di giocate spettacolari. Nel momento di maggiore difficoltà degli azzurri prende per mano la squadra. Prima disegna per la testa di Higuain un assist in stile Cassano, poi da palla inattiva porta i partenopei in vantaggio sull’Empoli con uno splendido arcobaleno che si spegne alle spalle di Skorupski. Conte non può più ignorarlo, Lorenzo è diventato grande ed ora vuole anche l’azzurro della Nazionale. Leader.  VOTO 8

 

FLOP

 

5. Danilo (Udinese) – Da capitano dovrebbe dare l’esempio, invece, con grave ingenuità si prende due gialli in 15 minuti. Appare nervoso e fuori fase per tutto il match. Le sue recenti prestazioni potrebbero presto farlo scivolare da inamovibile titolare a riserva. VOTO 4,5

 

4. Santon (Inter) – Non vedeva il terreno di gioco dal 27 ottobre. Inspiegabilmente Mancini lo butta d’improvviso nella mischia in una gara così importante e lui non può che sfigurare. Bonaventura da quel lato gli fa capire poco o nulla. Prestazione deludente per lui, probabilmente doveva essere gestito meglio il suo reintegro. Prematuro. VOTO 4,5

 

3. Barreto (Sampdoria) – Dimostra che lo sciagurato assist ad Higuain della settimana scorsa per il gol dell’1-0 del Napoli non è stato affatto un caso. Palesemente in fase calante, anche contro il Bologna ne combina di tutti i colori, non riuscendo mai ad imbeccare i compagni. Ennesima gara da dimenticare, probabilmente ha bisogno di un po’ di riposo. VOTO 4,5

 

2. Cacciatore (Chievo) – Vede sfrecciare giocatori bianconeri alle sue spalle ogni 2 minuti. Dal suo lato Lichtsteiner fa quello che vuole e non riesce mai ad arginarlo. Mette la firma su quasi tutti i gol della Juventus rendendosi protagonista di marcature decisamente blande.  VOTO 4,5

 

1. Camporese (Empoli) – Non riesce mai a trovare le misure agli attaccanti del Napoli. Nell’occasione del pareggio si fa sorprendere alle spalle da Higuain lasciato troppo libero. Nella ripresa con un intervento scoordinato realizza l’autogol che taglia definitivamente le gambe all’Empoli. Disastroso. VOTO 4,5




Commenta con Facebook