• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli-Palermo, Sarri: "Scudetto? Dicevano che non ero all'altezza..."

Napoli-Palermo, Sarri: "Scudetto? Dicevano che non ero all'altezza..."

Calciomercato.it segue le parole dell'allenatore partenopeo


Maurizio Sarri ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

27/10/2015 14:30

DIRETTA NAPOLI PALERMO SARRI / NAPOLI - Maurizio Sarri in conferenza stampa: il tecnico azzurro risponderà alle domande sulle news Napoli alla vigilia della sfida contro il Palermo, valida per la decima giornata del massimo campionato. Calciomercato.it seguirè per voi le parole dell'allenatore dei partenopei. 

"Sarà una partita difficile - le prima parole dell'allenatore azzurro - affrontiamo una squadra in salute guidata da un allenatore di ottimo livello". 

SCUDETTO - Sarri continua a non voler parlare di Scudetto: "Fino a qualche tempo fa si diceva che la squadra si era indebolita e l'allenatore non all'altezza. Ora abbiamo fatto qualche passo avanti. Maradona? Ho detto quello che dovevo dire: per me è un idolo e può dire qualsiasi cosa, non mi arrabbierò mai". 

SQUADRA - "Contro il Chievo ho visto una buona applicazione e il giusto approccio mentale. Ora dobbiamo avere continuità. I ragazzi ora si stanno rendendo conto del potenziale che abbiamo, ma anche di alcuni difetti che abbiamo. Higuain? E' un ragazzo solare, in carriera ha fatto grandi cose ma sono sicuro che può migliorarsi ancora. Strinic? Ha fatto fatica a capire il nostro gioco. Ora va meglio e se continuerà così ci sarà spazio anche per lui".

FORMAZIONE - "Vedrò i ragazzi come stanno: tutti diranno di essere al 100% ma deciderò in base alle mie sensazioni. Un paio di novità sono possibili. Gabbiadini? Da anni lo considero un giocatori importante. Se lo schiero da esterno, la squadra ovviamente avrà scelte diverse. Non peggiori, ma diverse. Ha qualità fisiche, tecniche e disponibilità: a fine anno non sarà insoddisfatto di quanto ha giocato". 

JORGINHO - "Se partite come la sua, l'avesse fatto qualcuno con una maglia a righe ci sarebbero stati grandi titoli. Ho visto articoli dedicati a calciatori che hanno toccato 90 palloni, lui lo ha fatto 115 volte". 

KOULIBALY - "E' giovane, ha grande velocità e prestanza fisica. Può crescere ancora, è comunuque un calciatore importante. Prima o poi dovrò farlo riposare anche se non sarà una cosa fatta volentieri. Ad oggi ho preferito far tirare il fiato ad Albiol".




Commenta con Facebook