• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Bologna-Inter, Mancini: "Icardi e Jovetic devono cercarsi di più"

Bologna-Inter, Mancini: "Icardi e Jovetic devono cercarsi di più"

Calciomercato.it vi offre le parole del tecnico nerazzurro prima della sfida coi rossoblù


Roberto Mancini (Calciomercato.it)
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

26/10/2015 14:00

SERIE MANCINI BOLOGNA INTER CONFERENZA STAMPA LIVE / APPIANO GENTILE - Dopo il pareggio di sabato sera con il Palermo, l'Inter sarà di nuovo in campo contro il Bologna domani sera. Il tecnico dei nerazzurri Roberto Mancini ha parlato alle ore 14 in conferenza stampa soffermandosi su tutte le news Inter del momento. Calciomercato.it ha riportato in diretta le parole dell'allenatore interista: 

Intervenuto a 'Inter Channel' il tecnico nerazzurro ha parlato del campionato:  "Sapevamo che Roma, Napoli, Lazio sarebbero tornare nelle prime posizioni. Credo sia una cosa positiva per lo spettacolo avere tante squadre in alto"

In conferenza stampa Mancini ha aggiunto:

TURNOVER E DIFFIDATI: "Per i diffidati prima o poi saranno squalificati. Prima della Roma dobbiamo pensare al Bologna che non sarà una partita semplice: se giochiamo come nel secondo tempo contro il Palermo la vittoria arriverà". 

ICARDI - "Avrei preferito che facesse gol dall'inizio, però puoi capitare un periodo no all'attaccante. Questo è negativo perché con qualche gol suo avremo qualche punto in più. Prima o poi inizierà: ricordo un anno alla Lazio dovre Crespo fece 4 gol fino a gennaio e poi 21 nei restanti mesi. Le palle gli sono arrivate, ma è un periodo così e non si può far nulla. Turno di riposo? Io preferivo giocare sempre, altrimenti esoneravamo l'allenatore (ride, ndr). Deve pensare che può essere utile per altre cose: quando un attaccante lavora, il gol prima o poi arriverà. Serve restare tranquillo".

DIFESA - "Non abbiamo smarrito la solidità difensiva, abbiamo avuto qualche problema con le assenze. A Palermo abbiamo lasciato spazio ai rosanero con la squadra troppo lunga: se giochiamo con due centrocampisti serve l'aiuto degli esterni". 

BOLOGNA - "Sono tifoso del Bologna e per me è una partita speciale essendo nato lì calcisticamente. Spero che facciano una stagione buona, salvandosi in anticipo: domani sarà difficile però dipenderà sempre da noi. Avevo 13 anni quando sono andato a Bologna, ci torno spesso, sono cresciuto lì e ho molti amici. Per me è qualcosa di particolare". 

VALENTINO ROSSI - "Non l'ho visto, però faccio sempre il tifo per lui. Spero che riesca a vincere il mondiale". 

SALAH - "Non ho visto l'espulsione, mi hanno solo raccontato che ha mandato a quel paese l'arbitro". 

PERISIC - "Come Kondogbia sta trovando difficoltà, lo stesso si può dire per Perisic: dove giocava le squadre erano molto aperte e non chiuse come in Italia, quindi può trovare delle difficoltà. Al di là dei gol fatti, credo che può fare molto di più". 

CAMPIONATO - "L'importante è essere lì, anche se non stiamo facendo proprio bene. Dobbiamo cercare di restare in alto fin quando non sistemeremo le cose".

LJAJIC - "Sta bene, ha fatto bene quando è entrato. Ha avuto una contrattura al flessole in Nazionale e ha faticato a recuperare. Io credo molto in Ljajic, dipenderà molto da lui: può darci una grande mano, vediamo se sarà da domani sera o dalla prossima. Se quando giocherà, lo farà bene avrà grandi possibilità di giocare. E' un calciatore che ha tutto, deve dimostrare continuità". 

JOVETIC - "E' un calciatore diverso da Icardi, è più portato a uscire dall'area e a farsi dare la palla. Devo lavorare l'uno per l'altro: se gli attaccanti si cercano poco, c'è meno possibilità di far gol. La squadra può giocare male, ma se gli attaccanti si cercano, prima o poi qualcosa combinano. Non hanno giocato molto insieme, ma devono cercarsi di più. Un attaccante non può restare vicino alla porta quando la difesa è a 60 metri: deve tornare indietro, dare una mano. Noi diamo troppi riferimenti. Devono cercarsi come io e Vialli? Noi lo facevamo troppo, anche fuori la sera". 

NAGATOMO E PALACIO - "Nagatomo non ha problemi fisici e anche Palacio potrebbe giocare".

KONDOGBIA - "Non ho grandi pensieri su di lui. Penso che possa giocare con tutti i calciatori, sia a due che a tre. Deve solo ambientarsi. Sabato l'ho tolto per paura dell'espulsione: se si ammonisce così tanto, si finisce sempre in dieci. Ieri ho visto il derby di Manchester, non si tiravano indietro e ci sono stati solo due-tre ammoniti".

BONAZZOLI - "Gli abbiamo dato una possibilità e speriamo possa giocare, ma lui deve metterci qualcosa per giocare visto i calciatori bravi che ha in attacco la Sampdoria. Non è sempre colpa dell'allenatore quando un giocatore non va in campo. Manaj? E' un calciatore forte, fisico e giocherà ancora". 

 




Commenta con Facebook