• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, monte ingaggi al rialzo: così i rossoneri possono tornare grandi

Calciomercato Milan, monte ingaggi al rialzo: così i rossoneri possono tornare grandi

Il 'Diavolo' spera di portare a segno diversi colpi che incrementeranno i costi di stipendio


Jackson Martinez (Getty Images)

11/06/2015 13:20

CALCIOMERCATO MILAN MONTE INGAGGI IBRA MARTINEZ / ROMA - Il calciomercato Milan sta per decollare e, per tornare grande, il 'Diavolo' ha in testa un importante sacrificio da compiere: tornare al rialzo col monte ingaggi. Negli ultimi anni i rossoneri hanno abbattuto i costi relativi agli stipendi, che nel 2011-12 sfioravano i 160 milioni lordi (Ibrahimovic ne guadagnava 9, altri sei giocatori erano sopra i 4 milioni). Questa stagione è cominciata con una spesa di 105 milioni, scesa a circa 94 dopo il calciomercato invernale. I nomi in cima al libro paga sono Mexes (4), Montolivo e de Jong (3.5), quindi Destro, Diego Lopez, Alex, Honda, Muntari, Essien e Pazzini (2.5).

Adesso, però, la tendenza va invertita. Dopo l'ingresso in società di Mr. Bee e la promessa di Berlusconi di investire in maniera importante, infatti, i rossoneri si apprestano a sfondare nuovamente il muro dei 100 milioni di euro lordi d'ingaggio. Al netto delle cessioni, sarà necessario prospettare contratti importanti tanto a Jackson Martinez quanto al sogno proibito Zlatan Ibrahimovic. Senza contare gli investimenti a centrocampo, dove bisognerà puntellare con uno o due colpi di grande livello. La crisi si è attenuata, i bilanci possono sorridere, ma gli investimenti sono d'obbligo: questo Milan, oggi, deve tornare grande. E potrà farlo solo rialzando l'asticella degli stipendi. Un'asticella che tornerà ad attirare i top player a San Siro.

M.T.




Commenta con Facebook