• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Real Madrid-Juventus, viaggio nei segreti bianconeri: ecco come si espugna il 'Bernabeu'

Real Madrid-Juventus, viaggio nei segreti bianconeri: ecco come si espugna il 'Bernabeu'

La squadra di Allegri si affiderà ai suoi grandi campioni per battere i blancos di Ancelotti


Juventus (Getty Images)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

13/05/2015 15:00

REAL MADRID JUVENTUS BERNABEU FINALE BERLINO / MADRID (Spagna) - Serve un'impresa storica, è inutile negarlo. Al netto della vittoria all'andata, la Juventus è chiamata a una prova di forza sensazionale se vorrà uscire dal 'Santiago Bernabeu' con il biglietto per la finale. Real Madrid-Juventus è la semifinale di Champions League con vista sulla finale di Berlino col Barcellona più incerta di quest'anno. Il verdetto in Bayern Monaco-Barcellona sembrava francamente già chiaro dall'andata e la gara di ritorno ha certificato il pieno merito dei blaugrana di volare all'appuntamento decisivo. Oggi, nonostante il 2-1 dello 'Juventus Stadium' e il grande rientro di Paul Pogba contro il Real Madrid, è inevitabile considerare gli spagnoli favoriti, ma Calciomercato.it vi spiega i motivi da cui partire per credere che stasera la Juventus possa realmente fare il grande colpo in terra iberica.

 

REAL MADRID-JUVENTUS TRA PUNIZIONI E RIGORI: PIRLO, CRISTIANO RONALDO E... TEVEZ!

Sui calci da fermo parte favorita la Juventus: è questo il dato che emerge prima del fischio d'inizio di questa sera. I bianconeri possono contare su due cecchini sensazionali in caso di punizioni in qualsiasi zona della metà campo avversaria: Andrea Pirlo e Carlos Tevez. Entrambi hanno dimostrato di poter mettere in area palloni letali o di centrare la porta con precisione chirurgica. Inevitabile dall'altra parte pensare a Cristiano Ronaldo – ma è davvero così pericoloso di recente? Le statistiche dicono infatti che CR7 non sta più vedendo la porta su punizione: quest'anno ne ha tirate addirittura 30 segnando soltanto una volta. La mira, insomma, è da rivedere. Anche dagli undici metri: che si tratti di un rigore in partita o della lotteria dopo i supplementari, infatti, le 'merengues' stanno fallendo con preoccupante costanza nelle ultime uscite stagionali. Emblematico è stato il rigore che Diego Alves ha parato a Ronaldo in Real Madrid-Valencia. A palla in movimento sarà una battaglia forsennata e probabilmente il Real avrà quasi sempre la sfera tra i piedi, ma in occasione di calci da fermo comincerà a tremare.

 

MARCELLO LIPPI 'INVESTE' LA JUVE: CONTRO IL REAL CON CHIELLINI-BONUCCI E LA PROMESSA DI VIDAL

E che dire del reparto difensivo, quello che si è rivelato fondamentale nell'altra semifinale di Champions League? Ad oggi non c'è paragone: i Bonucci, i Chiellini e i Barzagli si sono dimostrati più affidabili e solidi dei Pepe, dei Varane e dei Sergio Ramos. Una difesa di ferro, quella juventina, che ha permesso al club di arrivare alle soglie della finale incassando la miseria di un gol nella Fase a eliminazione diretta (quello di Ronaldo all'andata). Al 'Bernabeu' si dovrà proprio giocare una partita perfetta sotto il profilo difensivo e nessuna squadra al mondo potrebbe farlo meglio della Juventus grazie al pacchetto di giocatori che si trova a disposizione. Tutto starà a Massimiliano Allegri, già 'investito' dalle parole di Marcello Lippi: "Tante analogie tra me e lui". E un pronostico che sta catalizzando le attenzioni delle ultime ore tra le ultime news Juve: "Sarà la serata di Arturo Vidal". D'altronde lo stesso Vidal ha già 'promesso' un gol in Real-Juve... In esclusiva a Calciomercato.it anche Arancha Rodriguez di 'Cadena Cope' punta sul rientro di Pogba, Tevez, il duello Casillas-Buffon e la classe di Ronaldo e James. Tante, forse milioni di variabili. Chissà che proprio la promessa di Vidal, insieme a tutti questi altri fattori, non risulti decisiva per far 'piangere' Ancelotti e spedire la Juventus alle porte del Paradiso. Lì, a quell''Olympiastadion' dove il Barcellona di Luis Enrique la attende. Per la finale tra le squadre più meritevoli di tutta Europa.




Commenta con Facebook