• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma-Fiorentina, De Sanctis: "Batosta incredibile. Ecco cosa ci hanno detto i tifosi"

Roma-Fiorentina, De Sanctis: "Batosta incredibile. Ecco cosa ci hanno detto i tifosi"

Il portiere dei giallorossi ha parlato al termine della sfida contro i 'viola'


De Sanctis (Twitter)
dall'inviato Eleonora Trotta

19/03/2015 22:09

EUROPA LEAGUE ROMA FIORENTINA DE SANCTIS POST GARA/ ROMA - De Sanctis ha parlato dopo il pesante 3-0 subito contro la Fiorentina. Il numero uno della Roma ha commentato il momento difficile che sta vivendo la squadra: "Ora conta la partecipazione di tutti perché, per esempio, un giocatore esperto come me può avere una reazione diversa rispetto ad uno come Iturbe - afferma l'ex Udinese in zona mista, dove erano presenti gli inviati di Calciomercato.it -. L'appoggio dei Tifosi a Garcia e totale. E con espressione 11 Garcia loro non intendevano che noi non seguiamo Garcia ma che vorrebbero sempre la sua personalità in campo. i tifosi ci hanno detto che non ne possono più e che vogliono vedere i risultati".

Il portiere della Roma ha parlato anche ai microfoni di 'Mediaset Premium': "Mia presenza qui è determinata da obbligatorietà della presenza. Voglia di parlare non aveva nessuno - afferma a 'Mediaset Premium' -. Stasera batosta incredibile, ci tenevamo molto, c'è tanta amarezza e delusione. Noi siamo sicuramente in una situazione di difficoltà, però è anche vero che il calcio Offre possibilità di invertire la rotta".

ERRORE SKORUPSKI - "È evidente che ultimamente a livello di squadra non riusciamo a rimediare agli errori singoli. Quando non si ottengono i risultati sono tutti colpevoli, giocatori, allenatori e società. Il confronto con i tifosi in campo? Era doveroso andare ma quel sentimento non ce l'hanno solo i tifosi. Questo sentimento appartiene anche ai giocatori e noi più di loro abbiamo la possibilità attraverso i risultati di cambiare le cose. Io non ho giocato ma sono qui perché c'è l'obbligatorietà di stare qui. Bisognerebbe in realtà sostituire le parole con i fatti".

M.S.




Commenta con Facebook