• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI GENOA-ROMA

PAGELLE E TABELLINO DI GENOA-ROMA

Giallorossi non trascendentali, ma straordinario Nainggolan. I liguri cedono a metà campo, ma "scoprono" Lamanna


Il rigore parato da Lamanna (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

14/12/2014 16:50

ECCO LE PAGELLE DI GENOA-ROMA:

 

GENOA

Perin 5,5 - Doppio miracolo su Gervinho e Pjanic al quarto d'ora, alla mezz'ora l'episodio che cambia la partita: Nainggolan lanciato solo davanti al portiere, lui entra troppo irruento e lo stende. Rigore ed espulsione inevitabile. Talento ed errori di gioventù. 

Roncaglia 5,5 - Dimostra pregi e difetti abituali, quelli che l'hanno reso un elemento utile ma non indispensabile anche alla Fiorentina. Grande agonismo, ottime capacità in chiusura, ma delle amnesie incredibili che rischiano di costare caro ai suoi. 

De Maio 5,5 - Prodigioso nell'anticipo, un po' meno nell'uno contro uno. Nella ripresa, prima della sostituzione, si ritrova di fronte Ljajic: una sofferenza indescrivibile. (Dal 69' Pinilla 5,5 - Entra quando la situazione era già difficile, dà sicuramente più peso all'attacco ma non riesce a farsi valere come sa).

Burdisso 6 - Sente particolarmente l'impegno, visto e considerato il suo passato giallorosso. Si impegna molto in difesa, va anche a proporsi in avanti con scarsa fortuna. 

Antonelli 5,5 - Dal suo lato Maicon affonda spesso e volentieri, nella ripresa avanza il suo raggio d'azione ma senza risultati apprezzabili. 

Rincon 5,5 - Con Nainggolan se le promettono fin dal primo minuto, scontro rusticano che vista la prestazione dell'avversario lo vede uscire drammaticamente sconfitto. 

Bertolacci 5 - I centrocampisti della Roma lo asfissiano togliendogli ogni spazio vitale, lui scompare dal match quasi subito. Se era un esame per farsi apprezzare dalla "sua" squadra può dirsi fallito. 

Sturaro 5,5 - Anche lui non impressiona tantissimo. Il centrocampo romanista è nettamente superiore, prova a metterci una pezza per quanto può ma non è per niente semplice. 

Iago 6 - Va ad intermittenza, dà una mano al centrocampo, ma quando poi parte palla al piede sa far male. Per informazioni chiedete ad Astori, che becca il cartellino dopo 20'. Sacrificato da Gasperini per far entrare il secondo portiere. (Dal 30' Lamanna 7 - Entra in campo per la prima volta in A e dopo trenta secondi para il rigore della vita. Poi prende un gol inevitabile, in seguito si limita a gestire molto bene. Se avesse fatto risultato sarebbe stata la partita perfetta). 

Matri 6 - L'occasione per pareggiare ce l'ha al termine del primo tempo. Si propone bene ma la conclusione è strozzata. Per il resto buon peso offensivo, ma poche occasioni per incidere. (Dal 46' Edenilson 5,5 -  Ingresso abbastanza a sorpresa nel secondo tempo, non lascia il segno sulla partita).

Perotti 5 - Anche lui a sprazzi, ma spesso quando ha palla riesce a creare qualcosa di interessante, bellissimo il duello con Maicon, che però lo scherza in occasione del gol giallorosso: tunnel e recupero palla che gli fanno fare una figuraccia. Fuori ruolo nella ripresa, tocca pochissimi palloni. 

All. Gasperini 5 - Inizia con i reparti molto sfilacciati e paga con la ripartenza che costa il rosso a Perin. Da lì in poi è confusione, compreso l'incomprensibile esperimento di Edenilson per Matri, che toglie per venti minuti un riferimento offensivo alla squadra, già sotto di un gol. Quando entra Pinilla forse si era già perso troppo tempo prezioso. 


ROMA 

De Sanctis 6 - Il Genoa in porta non tira quasi mai, Morgan gestisce i pochi pericoli senza patemi. 

Maicon 7 - Un po' approssimativo nella fase difensiva, redarguito spesso anche da Garcia e dai suoi. Ma quando parte palla al piede sa essere sempre devastante. L'azione del vantaggio romanista porta per gran parte la sua firma. 

Yanga Mbiwa 6,5 - Perde Matri giusto un paio di volte ma riesce a tornarci su in un batter d'occhio. Per il resto tiene il campo senza affanni. 

Astori 6,5 - Il cartellino preso molto presto ne limita la cattiveria agonistica, ma nelle chiusure è sempre pulito, concede poco agli attaccanti. 

Holebas 6,5 - Tiene discretamente bene Iago Falque, che per sua fortuna esce molto presto. Poi è tutta gestione, con una propositività abbastanza frequente in appoggio all'attaccante. 

Nainggolan 7,5 - La fama di bad boy lo precede e lo segue. Si becca in continuazione con Rincon, tackle sempre ai limiti del consentito. Anche nella fase attiva è fenomenale: guadagna il rigore con espulsione di Perin, poi finalizza con una splendida mezza sforbiciata dal limite. Strootman dovrà faticare parecchio per riprendersi il suo posto. 

Keita 6,5 - L'esperienza e la grande intelligenza tattica di questo signore fanno sì che dopo una quindicina di partite in maglia giallorossa abbia già la fascia di capitano al braccio, complice la contemporanea assenza di Totti e De Rossi. Sul piano tecnico la scelta è ineccepibile: non butta via un pallone, là in mezzo la Roma ha grande equilibrio. 

Pjanic 6 - Gioca pochino ma spesso sul velluto, manda fuori giri i centrocampisti avversari con piccoli tocchi che però fanno la differenza, come la gran palla data a Nainggolan sull'azione del rigore. Nella ripresa il Genoa riprende campo e lui scompare un po' dai radar. 

Florenzi 6 - Giocatore dall'utilità tattica impressionante, lega il centrocampo con l'attacco e contribuisce sempre a creare superiorità numerica, in ogni reparto in cui gioca. Poco incisivo in avanti, ma non si può avere tutto dalla vita. 

Gervinho 5,5 - Prova qualche scatto, ma è sempre tenuto bene a bada dalla difesa genoana. Al 71' scappa a Roncaglia e si ritrova di fronte solo Lamanna. Poco freddo come spesso gli accade, cerca l'angolo lontano ma manca l'occasione col raddoppio, che probabilmente avrebbe chiuso la partita. (Dal' 82' Iturbe sv)

Ljajic 5,5 - Parte male, con un velo incomprensibile solo davanti al portiere. Continua peggio, con quel rigore tirato fra le braccia di Lamanna. Si riprende un po' nella ripresa con qualche sprazzo della sua classe, ma ha fatto vedere prestazioni migliori. (Dal 76' Totti sv)

All. Garcia 6 - Non è la miglior Roma della stagione, anzi. Gli episodi però lo premiano, fra espulsione di Perin e gran gol di Nainggolan. Poi i suoi riescono a gestire al meglio il vantaggio, rischiando molto poco contro un Genoa comunque in inferiorità numerica. 


Arbitro Banti 5,5 - Giusta la chiamata rigore+espulsione di Perin, la macchia di un fuorigioco chiamato a Sturaro lanciato a rete, che era dentro la linea di quasi un metro. Da rivedere l'azione dal quale matura il gol di Nainggolan: il direttore di gara, infatti, non punisce una simulazione di Ljajic qualche istante prima. Qualche dubbio anche sul gol annullato allo scadere, sempre al Genoa: Rincon sembra essere oltre l'ultimo difensore di pochi centimetri, Banti è "salvato" dal dettaglio. 


TABELLINO

GENOA-ROMA 0-1

GENOA (4-3-3): Perin; Roncaglia, De Maio (Dal minuto 69 Pinilla), Burdisso, Antonelli; Bertolacci, Sturaro, Rincon; Perotti, Matri (Dal minuto 46 Edenilson), Iago (Dal minuto 31 Lamanna). A disp.: Prisco, Antonini, Izzo, Marchese, Rosi, Greco, Mussis, Lestienne, Fetfatzidis. All.: Gasperini

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Astori, Yanga Mbiwa, Holebas; Keita, Naingollan, Pjanic; Ljajic (Dal minuto 76 Totti), Gervinho (Dal minuto 82 Iturbe), Florenzi. A disp.: Lobont, Curci, Torosidis, Manolas, Cole, Emanuelson, Paredes, Strootman, Destro, Borriello, Verde. All.: Garcia

ARBITRO: Banti di Livorno

MARCATORI: 40′ Nainggolan (R)

AMMONITI: Astori (R), Yanga Mbiwa (R)
 
ESPULSI: Al 29' Perin per fallo da ultimo uomo.

NOTE: Al 31' Lamanna para un rigore a Ljajic. Nell'intervallo espulso negli spogliatoi l'allenatore del Genoa, GianPiero Gasperini, per proteste. 

 




Commenta con Facebook