• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Pogba devastante, Torres impalpabile

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Pogba devastante, Torres impalpabile

Top e Flop della 12a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Paul Pogba (Getty Images)

24/11/2014 07:40

PAGELLONE POGBA TORRES DODICESIMA GIORNATA / MILANO - Continua il testa a testa in campionato tra Juventus e Roma con i bianconeri di Allegri che rispondono alla vittoria dei giallorossi a Bergamo superando la Lazio all'Olimpico con un netto 3-0. Dominano la scena uno strepitoso Pogba e il 'solito' Carlitos Tevez tornato solitario in vetta alla classifica cannonieri. Tra le fila di una Lazio poco incisiva in avanti, manca all'appello il talento del giovane Keita praticamente mai pericoloso e ben controllato dai difensori bianconeri. Il derby di Milano si chiude con un pareggio non proprio esaltante in cui due possibili protagonisti come Torres e Kovacic hanno ampiamente deluso le attese. Che colpo per il Cagliari di Zeman, che raccoglie un punto nella sfida del 'San Paolo' contro il Napoli al termine di un rocambolesco 3-3. A guidare la rimonta un ispirato Vìctor Ibarbo capace di mettere in difficoltà qualsiasi avversario con la sua velocità. Il Torino perde in casa contro il Sassuolo con Sánchez Miño protagonista in negativo: l'argentino ha avuto l'occasione per sbloccare il risultato su calcio di rigore ma sulla sua strada ha trovato un Consigli insuperabile.

 

TOP

 

5.Ibarbo (Cagliari) - Il Napoli parte forte e il colombiano spesso e volentieri è costretto ad agire sulla linea dei centrocampisti ma appena la pressione degli azzurri cala è lui a suonare la carica accorciando le distanze e proponendosi con più insistenza in avanti sfruttando le sue celebri progressioni. Nella seconda parte di gara sarà determinante per il pareggio strappato dal Cagliari al San Paolo. E' suo, infatti, l'assist che permette all'ottimo Farias di firmare il pari definitivo e la sua doppietta personale. Imprendibile. VOTO 7,5

 

4.Consigli (Sassuolo) - Gara perfetta quella dell'ex atalantino, che sventa qualsiasi minaccia granata compreso il tiro dal dischetto calciato da Sánchez Miño nel corso del primo tempo. Se al Sassuolo riesce il colpaccio sul campo del Torino gran parte del merito va al suo portiere. Fortezza. VOTO 7,5

 

3.Vecino (Empoli) - Uomo fondamentale per il gioco dell'Empoli. Con lui in campo la formazione di Sarri riesce a cambiare marcia al momento giusto per poi andare a colpire l'avversario. L'uruguagio classe 91 oltre alla rapidità ha doti tecniche per decidere le partite: lo dimostrano il bel diagonale con il quale firma l'1-0 e l'assist perfetto con il quale manda in gol Tavano. Illuminante.  VOTO 7,5

 

2.Tevez (Juventus) - L'Apache è una furia. Corre, rincorre, scatta, tira: non molla un pallone che sia uno. Nell'azione del raddoppio bianconero raccoglie l'invito di Marchisio e trafigge Marchetti con un destro preciso e potente al temine di una ripartenza devastante. Rete numero 32 con la Juventus e tanta voglia di continuare a stupire. Insaziabile. VOTO 8

 

1.Pogba (Juventus) - Nella Juventus arrembante dell'Olimpico è lui a dominare la scena. Per 90 minuti è un gigante capace di travolgere gli avversari con l'esuberanza fisica e con il talento dei più grandi. Esegue alla perfezione lo spartito consegnatogli da Max Allegri abbinando al suo indiscutibile genio calcistico una concretezza in zona gol che in altre apparizioni era mancata. Firma una doppietta superando con freddezza Marchetti una volta col destro e una col sinistro, in più nel primo tempo si cimenta anche in una conclusione 'alla Del Piero' che lascia di sasso Marchetti e va a colpire l'incrocio dei pali. Straripante. VOTO 8,5

 

 

FLOP

 

5.Belfodil (Parma) - L'attaccante algerino prova a ripagare la fiducia di Donadoni battagliando con i difensori dell'Empoli ma i risultati sono decisamente modesti. Troppo confusionario e mai capace di smarcarsi per colpire a rete, si eclissa ben presto come tutto il Parma ormai precipitato in una crisi nera. Inconsistente. VOTO 4,5

 

4.Sánchez Miño (Torino) - In campo dal primo minuto fatica molto, (troppo), in fase di possesso, finendo spesso col rallentare il gioco granata. Impacciato e con poche idee nel primo tempo avrebbe l'occasione per riscattarsi dal dischetto ma si fa parare la conclusione da Consigli. Nella ripresa Ventura per nulla soddisfatto lo sostituisce con Farnerud. Indifendibile.  VOTO 4,5

 

3.Keita (Lazio) - Pioli lo inserisce tra i titolari con l'intento di sfruttare la sua rapidità e la sua imprevedibilità e mettere in difficoltà i centrali juventini. Ma al giovane attaccante biancoceleste manca la giusta brillantezza per tentare la giocata e puntare la porta di Buffon. Evanescente e poco concreto lascia il campo ad Anderson ad inizio ripresa. Rimandato. VOTO 4,5

 

2.Kovacic (Inter) - Tra i più attesi alla vigilia è il grande assente sul rettangolo verde. Timoroso e fuori dal gioco rimane spettatore della contesa senza mai entrare in partita. Il giovane croato fallisce l'occasione per incidere anche in un appuntamento importante come il derby di Milano. Eppure i numeri li avrebbe. Rimpianto. VOTO 4,5

 

1.Torres (Milan) - Nelle vesti di punto di riferimento avanzato viene disinnescato senza grosse difficoltà dal duo Ranocchia-Juan Jesus. 'El Niño' non punge, risulta macchinoso ed impreciso anche quando ha modo di servire i compagni lanciati verso l'area interista. Delusione. VOTO 4,5




Commenta con Facebook