• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-GENOA

PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-GENOA

Perotti e Coda volano. Souza è impalpabile, Roncaglia si fa espellere


Diego Perotti (Getty Images)
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

05/10/2014 17:14

ECCO LE PAGELLE DI PARMA-GENOA

PARMA

Mirante 6 – Imperfetto sulla rete di Perotti, si riscatta poco dopo su una conclusione aerea dello stesso esterno argentino.

Mendes 5,5 – Da quel lato Lestienne e Antonelli sono due clienti difficili da gestire. Souza non gli dà il raddoppio di marcatura e lui si ritrova sempre in inferiorità numerica su quella fascia. Il Genoa lo fa a fette e lui lascia fare.

Felipe 6 – Imposta la manovra dalle retrovie. Coadiuvato da Lucarelli tiene bene Matri e risolve qualche situazione complicata.

Lucarelli 5,5 – Esce spesso, con sicurezza, palla al piede dalla propria tre quarti campo, facendo ripartire i suoi.  Annulla Matri con forza e mestiere. Macchia la sua prestazione con uno sciagurato finale.

Gobbi 6 – Soffre la velocità di Perotti che lo incanta con le sue finte. In occasione del gol dell’ex Siviglia si lascia saltare con troppa facilità. Molto meglio invece in fase offensiva dove confeziona un meraviglioso assist per il gol del pareggio di Coda.

Souza 5 – In fase passiva non dà il giusto contributo. Lascia, infatti, sempre molto solo Mendes, che si ritrova di frequente in inferiorità numerica contro Antonelli e Lestienne. In attacco, invece, è spesso frettoloso e arruffone e perde diversi palloni.

Lodi 5,5 – Non riesce a scandire i tempi di gioco del Parma. Soffre l’ottimo Bertolacci di quest’oggi che gli strappa dai piedi diversi palloni. Dal 54’ Jorquera 6 – Entra col piglio giusto e si rende protagonista di un buon finale di match.

J. Mauri 6 – L’unica occasione da rete dei ducali del primo tempo parte dal suo piede destro. S’inserisce spesso in avanti e tocca tanti palloni. Ottimo prospetto. Dal 73’ Galloppa s.v.

Coda 6,5 – S’inserisce sempre con i tempi giusti e nella ripresa trova il gol del pareggio con un colpo di petto a zero metri dalla porta.

Cassano 6Gioca da falso nueve, si stacca spesso dalla linea d’attacco per trovare respiro dall’asfissiante marcatura dei centrali rossoblù. Non gioca una grandissima partita, ma strappa la sufficienza con un discreto secondo tempo.

De Ceglie 5 – Resta completamente fuori dal gioco ducale, non tocca molti palloni e alla fine Donadoni decide di farne a meno. Dal 60’ Belfodil 5 – Non dà il giusto contributo alla fase offensiva del Parma. Non riesce a ritagliarsi occasioni da rete, il suo ingresso è inutile.

All. Donadoni 5,5 – Il suo Parma gioca una discreta partita, ma resta per l’ennesima volta a secco di punti. I ducali riescono a pervenire al pareggio grazie ad una crescita nella ripresa, ma nel disperato tentativo di trovare la vittoria si sono fatti beffare nel finale da Matri. Squadra priva di qualità che si attacca troppo all’estro di Cassano.

 

GENOA

Perin 5,5 – Non dà molta sicurezza alla sua retroguardia. Nel primo tempo si rende protagonista di un’uscita poco ortodossa su De Ceglie. Nella ripresa invece rinvia addosso a Coda rischiando una frittata.

Edenilson 5,5 – Resta molto basso su quella fascia per tenere a bada Mauri e De Ceglie. Quelle poche volte che prova la sortita offensiva, mostra di avere un piede poco educato e nel primo tempo cestina un’ottima occasione da gol. Nell’azione della rete del pareggio del Parma si lascia beffare da uno straripante Gobbi.

De Maio 5,5 – Spesso si concede la licenza offensiva. Tiene bene Cassano, ma si perde l’uomo in occasione della rete di Coda.

Roncaglia 5 – Esce sempre con i tempi giusti su Cassano e non gli fa toccare palla. Nella ripresa si fa espellere, per doppia ammonizione, per un presunto tocco di braccio.

Antonelli 6,5 – Spinge tanto su quella fascia e si sovrappone di frequente a Lestienne da quel lato. Arriva sul fondo e mette interessanti palloni al centro.

Sturaro s.v. – Pronti via, in un contrasto di gioco, gli si gira il ginocchio, ed è costretto a lasciare il campo anzitempo. Peccato, poteva essere un grande protagonista nel match del Tardini. Dal 4’ Antonini 5,5 – Meno propositivo di Sturaro, cerca di tenere a bada Mauri, ma con scarso successo. Non una gran prestazione la sua.

Bertolacci 6,5 – Reinventato per l’occasione playmaker, si disimpegna abbastanza bene. Certo la sensibilità del piede non è quella di Pirlo, ma le sue geometrie sono comunque efficaci per il gioco del grifone.

Rincon 5,5 – Combatte a centrocampo e recupera tanti palloni. Cala, purtroppo per il grifone, alla distanza e soffre maledettamente Coda.

Perotti 6,5 – Sulla fascia di competenza mette in grande apprensione Gobbi. Nella ripresa trova la prima rete stagionale con un’azione tutta personale sull’out di destra. Solo un ottimo Mirante gli nega la gioia poco dopo della doppietta. Dall’83’ Kucka s.v.

Matri 5,5 – È in attesa del centesimo gol in A. Nei primi minuti manca l’appuntamento con la rete, su delizioso invito di Perotti, infatti, a tu per tu con Mirante manda la palla clamorosamente fuori. Sempre nella prima frazione di gioco, cicca una bella palla offertagli dallo stesso esterno argentino. Nella ripresa si eclissa completamente ed esce fuori dalla partita, ma nel finale con una zampata riesce a regalare al Genoa la vittoria.

Lestienne 6 – Dialoga tanto e bene con Perotti. Svaria molto sul fronte d’attacco e regala qualche interessante cross al centro. Nella ripresa cala un po’ e Gasperini lo sostituisce. Dal 59’ Izzo 5,5 – Si rende protagonista di qualche sbavatura. Prestazione non esaltante la sua.

All. Gasperini 6,5 – Ottima vittoria per il Genoa che ha dimostrato di avere grande carattere riuscendo a battere i ducali nonostante l’inferiorità numerica. Il grifone ha mostrato di avere due ottimi esterni come Lestienne e Perotti che, se in forma, possono portare numerosi punti ai rossoblù.

Arbitro Doveri 5 – Il fischietto capitolino ha mostrato di avere poco polso sulla partita durante il match. Tante le decisioni discutibili soprattutto nella gestione dei cartellini. Dubbi sull’espulsione di Roncaglia, il centrale genoano tocca di braccio, ma il tocco sembra involontario, eccessiva e fiscale l’espulsione. Nel finale dubbi anche su un presunto calcio di rigore per fallo su Bertolacci.

 

TABELLINO

PARMA-GENOA 1-2

PARMA (4-3-3): Mirante; Mendes, Felipe, Lucarelli, Gobbi; Souza, Lod(dal 54’ Jorquera), J. Mauri(dal 73’ Galloppa); Coda, Cassano, De Ceglie(dal 60’ Belfodil). Santacroce, Mariga, Rispoli, Galloppa, Ghezzal, Jorquera, Pozzi, Ristovski, Belfodil, Palladino, Iacobucci, Cordaz. All. Donadoni

GENOA (4-3-3): Perin; Edenilson, De Maio, Roncaglia, Antonelli; Sturaro(dal 4’ Antonini), Bertolacci, Rincon; Perotti(dall’83’ Kucka), Matri, Lestienne(dal 59’ Izzo). Lamanna, Pinilla, Rosi, Falque, Burdisso, Sommariva, Greco, Antonini, Mussis, Izzo, Kucka. All. Gasperini

Arbitro: Daniele Doveri di Roma

Marcatori: 53’ Perotti (G), 67’ Coda (P), 93’ Matri (G)

Ammoniti: 34’ Roncaglia (G), 55’ Roncaglia (G), 75’ Lucarelli (P), 76’ Matri (G), 82’ Gobbi (P), 89’ Antonelli (G)

Espulsi: 55’ Roncaglia (G)




Commenta con Facebook