• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Brasile 2014 > ITALIANS MUNDIAL - Dzemaili si consola, Behrami confuso

ITALIANS MUNDIAL - Dzemaili si consola, Behrami confuso

I voti dei giocatori del nostro campionato, in campo nella massima manifestazione internazionale


La punizione calciata da Dzemaili (Getty Images)
Hervé Sacchi (Twitter: @hervesacchi)

21/06/2014 14:08

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI SERIE A AI MONDIALI / ROMA - Bentornati con l’appuntamento di Calciomercato.it dedicato agli ‘Italians’, i giocatori stranieri di Serie A in campo al Mondiale 2014. La giornata non è quantitativamente ricca, ma almeno tutti i calciatori impegnati ieri hanno avuto modo di calcare il campo. In elenco, solo elementi di Svizzera e Francia, avversarie ieri a Salvador de Bahia. Abbiamo un’ampia gamma di voti che vanno dal 6,5 attribuito a Blerim Dzemaili fino al 4,5 di Valon Behrami, rispettivamente migliore e peggiore nella nostra lista. Sotto alla sufficienza anche Inler e Lichtsteiner mentre Pogba, entrato nel secondo tempo, ha ottenuto il classico sei politico.

STEPHAN LICHTSTEINER (Svizzera - Juventus): voto 5 – Non riesce a spingere come vorrebbe, specie nel primo tempo. L’organizzazione tattica e la spinta della Francia costringono il bianconero a rimanere schiacciato e quando capita di avere un po’ di spazio per ripartire viene infilato, vedi l’azione del rigore (sbagliato da Benzema) e quella che porta al 3-0 francese. Non bene anche in occasione della prima rete transalpina, visto che sull’angolo si perde Giroud.

VALON BEHRAMI (Svizzera - Napoli): voto 4,5 – Prendere gol non è mai bello, ma devi avere subito la forza di reagire e, soprattutto, ritrovare concentrazione. Primo perché la partita non è finita e poi perché serve più di quanto fatto fino a quel momento per poter riuscire a riscattare il gol di svantaggio. Chiarito questo concetto, Valon Behrami fa tutto l’opposto di ciò che predica la teoria. Il suo retropassaggio è sciagurato a dir poco, specie perché il pallone è stato ‘recapitato’ nei piedi di Benzema, non certo il giocatore più scarso del Mondiale, anzi. Di fatto, il suo errore piazza un duro colpo alle ambizioni di match - non di qualificazione - della formazione elvetica, apparsa, a prescindere, sotto tono e certamente non all’altezza di una Francia che, ora, spaventa un po’ tutti.

BLERIM DZEMAILI (Svizzera - Napoli): voto 6,5 – Sostituisce Behrami che, all’intervallo, resta negli spogliatoi. Un avvicendamento che spesso è stato proposto anche nel Napoli e che, tutto sommato, porta qualche beneficio tangibile alla Svizzera. Dimostra che ha più voglia degli altri, anche se prima di reagire concretamente la Svizzera va sotto di cinque gol. La risposta mostrata nel finale è il punto dal quale la Svizzera dovrà ripartire, in vista della gara contro l’Honduras. Il gol su punizione di Dzemaili, oltre a una soddisfazione personale, permette alla selezione elvetica di limitare almeno i danni nel discorso differenza reti che, nell’ultima giornata, potrebbe giocare un ruolo determinante.

GOKHAN INLER (Svizzera - Napoli): voto 5,5 – Delude. Nonostante la fascia da capitano, non sembra dimostrare tale ruolo in campo. Dovrebbe dare il buon esempio, ma così non è. A livello tattico, non riesce a sbrogliare la matassa a centrocampo e viene sistematicamente sopraffatto dalla spinta dei francesi che, per buona parte della gara, fanno ciò che vogliono in mezzo. Si può giusto consolare con l’assist per Xhaka.

PAUL POGBA (Francia - Juventus): voto 6 – Non è titolare e la cosa lascia abbastanza sorpresi. Ma del resto, nella prima gara contro l’Honduras, non aveva fatto benissimo. Deschamps lo sa e preferisce concedere una chance a Sissoko, che ha anche avuto modo di segnare. Insomma, al lato pratico il ct francese ha avuto ragione, ma il potenziale di Pogba – non ce ne voglia il giocatore del Newcastle – è certamente più ampio. Al Mondiale conta di più la condizione e forse, su questo, Pogba può migliorare. Entrato nel secondo tempo, al minuto 63’, il centrocampista juventino non aveva chissà quali motivazioni ma ha comunque servito un bell’assist a Benzema per il gol numero quattro.

NELLA PROSSIMA EDIZIONE – Nella giornata di oggi spazio al girone F, che ci interessa non poco visto che l’Argentina ha ben sette rappresentanti della Serie A ai quali si aggiungono i due bosniaci Pjanic e Lulic e il nigeriano Onazi. All’ora di cena, grande attesa per il match tra la Germania di Mustafi e Klose, opposta al Ghana di Muntari, Essien, Acquah e Asamoah.




Commenta con Facebook