• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > PAGELLE E TABELLINO DI ROMA-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI ROMA-INTER

Destro e Palacio opachi, brillano Nainggolan e Icardi


Nainggolan-Cambiasso (Getty Images)
Antonio Russo

02/03/2014 00:09

PAGELLE E TABELLINO ROMA-INTER / ROMA – Nel big match della ventiseiesima giornata solo un pareggio a reti bianche tra Roma e Inter. I capitolini hanno messo in luce i muscoli e la qualità di Nainggolan, che hanno fatto da contraltare all’opacità di Destro. Per i nerazzurri invece, stranamente, male Palacio, a differenza del neo titolare Icardi che si è disimpegnato bene. Pessima, infine, la prestazione del direttore di gara.

 

ROMA

 

De Sanctis 6 – Prova tanta paura e nulla più. Vede i nerazzurri arrivare palla al piede a pochi metri dalla sua porta. Per sua fortuna, però, a fine gara i suoi guanti restano immacolati.

 

Torosidis 6 – Nagatomo non gli dà molti grattacapi. A differenza di Romagnoli, per lui non ci sono scuse sull’assenza in fase offensiva. Buono, comunque, il lavoro in difesa. Negli ultimi minuti avanza il proprio raggio d’azione, e la Roma ne trova giovamento.

 

Benatia 6,5 – Implacabile di testa, dirige la retroguardia giallorossa con la solita padronanza. Quando può si prende licenze offensive e smista palla dalle retrovie.

 

Castan 6 – Commette qualche peccatuccio di eccessiva sufficienza. Sul crepuscolo della prima frazione di gioco si riscatta con una chiusura fondamentale su Jonathan. Nella ripresa non commette errori.

 

Romagnoli 6,5 – Sul suo lato l’Inter affonda tanto, ma lui tiene bene. È assente giustificato in fase offensiva. Il ragazzo merita applausi.

 

Nainggolan 7 – Vivo e cattivo come sempre, morde le caviglie interiste. Resta per tutta la partita tatuato addosso a Guarin e lo limita molto. Col passare dei minuti prende confidenza col pallone, a cui da del tu con grande facilità.

 

De Rossi 5,5 – Gioca, come sempre, da libero davanti alla difesa. Il suo lavoro, anche se oscuro, è fondamentale. Macchia la sua prestazione rifilando un pugno a palla lontana ad Icardi. Un gesto brutto che potrebbe essere punito dalla prova tv e che potrebbe costargli anche la chiamata della Nazionale.

 

Strootman 6 – Recupera tanti palloni e fa ripartire i suoi. Prova ad inventare qualcosa, ma la difesa nerazzurra si chiude sempre ottimamente.

 

Gervinho 6 – La pantera nera di Garcia, galleggia sul filo del fuorigioco e mette in grande difficoltà la difesa nerazzurra. Pressa tutta la retroguardia interista, purtroppo, spesso, sembra poco lucido. Dal 89’ Florenzi s.v. -

 

Destro 5 – Non riesce ad entrare mai in partita, si pesta i piedi con Gervinho. Trova in maniera rocambolesca anche il goal, ma Bergonzi giustamente annulla. La sua partita è costituita maggiormente da ombre piuttosto che da luci. Dal 81’ Bastos s.v. -

 

Ljajic 6 – Il suo destro affilato mette subito i brividi ad Handanovic. Le sue serpentine, nei primi minuti, fanno ballare la Šetnja alla difesa interista. Con lo scorrere del tempo si eclissa. Dal 55’ Pjanic 6 – Prova a dare verve alla manovra capitolina ma non gli riesce. Nel finale, ha sui piedi il match ball, ma lo spreca.

 

All. Garcia 6 – La sua Roma sembra meno pimpante del solito. Nonostante ciò soffre poco l’Inter e in qualche ripartenza, per poco, non fa il colpaccio. Poco incisivi, soprattutto, gli attaccanti, orfani forse della qualità di Totti e Pjanic (ancora convalescente).

 

INTER

 

Handanovic 6,5 – Inoperoso per quasi tutto il match, nel secondo tempo chiude la propria porta in faccia a Pjanic.

 

Rolando 6,5 – Imposta la manovra dalle retrovie e va in appoggio a Jonathan. Nella ripresa salva un goal fatto con una perfetta diagonale su Gervinho.

 

Samuel 6,5 – Non si lascia impressionare dal pedigree di Destro (prima di questa sera un goal ogni ottantotto minuti) e lo narcotizza. Gioca come libero e sbroglia diverse situazioni intricate.

 

Juan Jesus 5,5 – All'andata era stato messo in croce da Gervinho, questa volta invece si disimpegna bene dinanzi agli avversari. Rischia tantissimo quando ferma con le ‘cattive’ il giovane Romagnoli in area di rigore: la sestina arbitrale non lo ravvisa, il Giudice Sportivo invece potrebbe anche decidere di sanzionarlo con la prova-tv.

 

Jonathan 5,5 – Gli viene contrapposto il giovincello Romagnoli. Sembra la preda ideale da sbranare, ma incredibilmente è lui a soccombere. In attacco si vede raramente, in difesa è saltato costantemente. Dal 87’ Zanetti s.v.

 

Guarin 6 – A tratti centrocampista, a tratti trequartista. Il colombiano corre tanto, forse troppo, pecca a volte di presunzione e resta intruppato nella gabbia giallorossa. Quando ha il tempo di pensare impensierisce la Roma, ma non la ferisce mai.

 

Alvarez R. 6,5 – Illumina il gioco dell’Inter con la sua qualità. L’Alvarez apprezzato all’alba di questo campionato è ancora lontano, ma sta pian piano ritornando. Dal 64’ Hernanes 5,5 – Entra per dare una svolta al match ma non ci riesce. Non si mette mai in luce.

 

Cambiasso 6,5 – Sceglie le inquadrature per il film nerazzurro. Verticalizza spesso l’azione e recupera qualche pallone sanguinoso a centrocampo.

 

Nagatomo 6 – Preoccupato dallo spauracchio Gervinho, resta bloccato a protezione della propria area. L’ivoriano a tratti lo mette in difficoltà, ma lui quasi sempre è bravo a riprendersi e corregge le mancanze iniziali.

 

Icardi 6,5 – Molto pimpante e quasi sempre nel vivo del gioco. Ha letto sicuramente il manuale della brava prima punta, protegge palla, fa salire la squadra e allarga la manovra. Pochi palloni giocabili ricevuti ma è sulla strada giusta. Merita maggiore spazio. Dal 74’ Botta 5,5 – Tocca pochissimi palloni, sarebbe interessante vedere cosa può fare dal primo minuto.

 

Palacio 5 – Tende ad allargarsi per trovare un po’ d’aria. Eccezion fatta per un’occasione nel primo tempo non riesce mai ad essere pericoloso dalle parti di De Sanctis. Perde tanti palloni, sembra stanco e svogliato.

 

All. Mazzarri 6 – La sua Inter si difende bene e con ordine di fronte alla seconda forza del nostro campionato. I nerazzurri, però, si sono resi protagonisti di uno sterile possesso palla e non hanno mai fatto sporcare i guanti di De Sanctis. Sicuramente una prestazione confortante (in relazione all’ultimo periodo) ma c’è ancora molto da lavorare.   

Arbitro Bergonzi 4 – Direzione pessima che non ha accontentato nessuna delle due compagini. Nella prima frazione di gioco sorvola sulla trattenuta in area di Benatia ai danni di Icardi: rigore netto a favore dei nerazzurri, con conseguente cartellino (giallo o rosso) da comminare al marocchino. Corretta la decisione, invece, di annullare la rete di Destro, sulla quale però non ravvisa un fallo di mano di Nainngolan. Nella ripresa, poi, mancano due penalty a favore dei giallorossi: il primo più netto, per una spinta di Samuel su Destro; il secondo per un colpo proibito a palla lontana di Juan Jesus ai danni di Romagnoli in area di rigore. Episodio questo che potrebbe costare all’interista la prova-tv e quindi la squalifica del Giudice Sportivo. La stessa pena rischia anche De Rossi, che nel primo tempo rifila un pugno ad Icardi: anche in questa circostanza l’arbitro ed i suoi assistenti lasciano proseguire. Insomma, peggio di così il fischietto di Genova non poteva fare.


 

TABELLINO

 

ROMA-INTER 0-0

 

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Benatia, Castan, Romagnoli; Nainggolan, De Rossi, Strootman; Gervinho(89’ Florenzi), Destro(81’ Bastos), Ljajic(55’ Pjanic). Skorupski, Lobont, Bastos, Toloi, Taddei, Pjanic, Ricci, Mazzitelli, Florenzi, Di Mariano. All. Garcia.

 

INTER (3-5-2): Handanovic; Rolando, Samuel, Juan Jesus; Jonathan(87’ Zanetti), Guarin, Alvarez R.(64’ Hernanes), Cambiasso, Nagatomo; Icardi(74’ Botta), Palacio. Carrizo, Andreolli, Ranocchia, Campagnaro, D’Ambrosio, Zanetti, Hernanes, Taider, Kuzmanovic, Botta, Milito, Kovacic. All. Mazzarri.

 

Arbitro: Mauro Bergonzi di Genova

 

Marcatori:

 

Ammoniti: 47’ Samuel (I)

 

 

Espulsi:




Commenta con Facebook