• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Calcioscommesse, Grassani: "Solidarieta' ai soggetti coinvolti"

Calcioscommesse, Grassani: "Solidarieta' ai soggetti coinvolti"

L'avvocato del Napoli ha commentato gli ultimi sviluppi dell'inchiesta di Cremona



17/12/2013 14:36

CALCIOSCOMMESSE GRASSANI AVVOCATO / NAPOLI - Nel corso di un'intervista concessa a 'Radio Crc' l'avvocato del Napoli Mattia Grassani ha commentato gli ultimi sviluppi dell'inchiesta sul calcioscommesse: "E' vero che i processi già celebrati in ambito sportivo hanno dato uno spaccato preoccupante tra calciatori, dirigenti, scommettitori e malavitosi. Ma, quello che emerge a seguito del blitz dei magistrati è cosa diversa. Esprimo solidarietà ai soggetti coinvolti e colpiti da perquisizioni e quant'altro. Parliamo di calciatori importanti come Brocchi e Gattuso finiti in prima pagina per contatti telefonici di cui non si conosce nemmeno quale sia il contenuto e pochi biglietti regalati. Anche altri soggetti, come Milanetto, erano stati sbattuti in prima pagina, ma poi sono stati prosciolti. Prendo le distanze da queste iniziative e invito a predicare massima riservatezza. Mi pare che le contestazioni siano abbastanza fumose". 

STRUMENTI - "Una frequentazione e tante zone d’ombra tra atleti, dirigenti e soggetti che hanno interessi illeciti esiste e non si può minimizzare il fenomeno anche perché in ambito sportivo ci sono state condanne e penalizzazioni. Questa situazione desta un certo allarme, a prescindere dall’iniziativa di oggi che ha dato segnale di malessere in una sfera appetita e appetibile e che può garantire guadagni enormi a fronte di informazioni riservate. Gli strumenti per ridurre il fenomeno non è facile individuarli a tavolino, ci sono norme sportive che sanzionano questa piaga, e il collaborazionismo valutato in maniera seria può portare a dei risultati, ma non possiamo non prendere atto che oggi, per come è strutturato il sistema sportivo, non si può abbassare la guardia. Le leggi e le norme ci sono, bisogna applicarle duramente le sanzioni e in maniera esemplare per evitare anche altri cadano in tentazione".

A.C.

 




Commenta con Facebook