• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Sampdoria, Mazzarri: "Ecco cosa dobbiamo correggere. La societa' e' unita"

Inter-Sampdoria, Mazzarri: "Ecco cosa dobbiamo correggere. La societa' e' unita"

Il tecnico nerazzurro analizza il match contro i blucerchiati in conferenza stampa


Walter Mazzarri (Getty Images)

30/11/2013 13:26

INTER SAMPDORIA CONFERENZA MAZZARRI / MILANO - Alla vigilia dell'importante match contro la Sampdoria il tecnico dell'Inter Walter Mazzarri ha incontrato i giornalisti in conferenza stampa. Calciomercato.it ha seguito l'evento in tempo reale.

ZANETTI - "E' possibile che giochi, ma anche che non abbia i 90 minuti. E' tanto che non gioca. Devo ancora decidere. Tra Ranocchia e Rolando posso dire che anche qui ho il dubbio. Ho 4-5 titolari, che devono sapere che quando la squadra la domenica precedente ha fatto bene do continuità alle scelte".

SAMPDORIA - "Voglio fare una precisazione: avevo un ottimo rapporto con Riccardo Garrone e ora con il figlio e lo staff dirigenziale, compresi i dottori. Sono stati due anni bellissimi per crescita personale e per quello che abbiamo fatto sul campo. Voglio bene alla Sampdoria, ma ora sono all'Inter e voglio vincere con l'Inter. Non ho mai detto 'Ti batterò' come è apparso sul titolo di un giornale".

MODULO - "E' l'atteggiamento quello che conta. La Samp è insidiosa e pericolosa, rivitalizzata da Mihajlovic che è un ottimo allenatore".

CAMMINO - "Le prossime 4 partite, prima che cominci il mercato, diranno molto su quello che è e che sarà il nostro cammino. Abbiamo perso dei punti per strada e dobbiamo tenerne conto. Rispetto a  Bologna bisogna togliere quanto fatto di negativo. Abbiamo davanti una signora squadra, che domenica meritava di vincere".

SOCIETA' - "La società è unita, si percepisce che c'è voglia di far bene tutti insieme, è positivo per la causa"

PALACIO - "Penso che domani avrò in campo il miglior Palacio, non è stanco, si è allenato bene".

ATTACCO - "Siamo il primo attacco in Italia, vuol dire che le cose in avanti funzionano".

ENTUSIASMO - "Ho cercato di tenere la squadra isolata cercando di fare calcio. L'ho fatto con grande entusiasmo. Se la nuova proprietà farà cose che potranno stimolare la parte tecnica ben venga".

CENTROCAMPO - "Guardo lo stato di forma dei giocatori. Se faccio delle scelte è sempre per l'interesse della squadra. Il singolo si esalta solo se fa bene la squadra".

RIPARTENZE - "Quando sento dire che sono un allenatore che fa solo ripartenze ci sto male. In pochi sono attenti alla fase d'attacco come me. A Bologna abbiamo buttato 2 punti ma come gioco di squadra non ho nulla da rimproverare ai ragazzi. L'importante è arrivare in zona gol".

CHAMPIONS - "Il bilancio si può fare alla fine del girone d'andata. Poi ci sarà il mercato e valuteremo tante cose".

PEREYRA - "Se gioca uno non gioca l'altro. A Bologna è entrato al posto di Nagatomo. Non ci sono mai bocciature".

ICARDI - "Non fa parte del gruppo perchè ha avuto un'operazione. Riguardo alla vita privata gli diamo dei consigli, deve prendere spnto dai giocatori come Milito per capire come diventare un campione".

CAMPAGNARO - "Non è al 100%, ma è un giocatore che devo recuperare facendolo giocare".

NAGATOMO - "Se non ce la fa per il Parma per il Napoli dovrebbe recuperare. Spero che non ci siano contrattempi".

FATTORE CAMPO - "Di solito è importante. Da un punto di vista della personalità, della cattiveria sportiva e della furbizia dobbiamo migliorare. Ma tutte le squadre fanno più punti in casa".

VACANZE - "Saranno più lunghe per i sudamericani, bisogna essere equi. Faccio così dai tempi del Napoli. Perdono due giorni per arrivare a casa e nessuno ha mai fatto un problema".




Commenta con Facebook