• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Roma, Stramaccioni: "Il mio futuro non dipende da questa partita"

Inter-Roma, Stramaccioni: "Il mio futuro non dipende da questa partita"

L'allenatore nerazzurro ha incontrato i giornalisti alla vigilia della sfida di Coppa Italia contro i giallorossi


Andrea Stramaccioni (Getty Images)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

16/04/2013 12:25

INTER ROMA STRAMACCIONI CONFERENZA STAMPA / MILANO - Andrea Stramaccioni, allenatore dell'Inter, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del ritorno di Coppa Italia contro la Roma:

LA PARTITA - "E' da un po' che conviviamo con questa situazione d'emergenza. Per noi non sarà un alibi, ma una motivazione in più: vogliamo ribaltare il pronostico. Ci proveremo con tutte le forze. Il nostro pubblico sta rispondendo con 50000 persone, questo ci dà la carica. Riuscire a fare un risultato positivo darebbe una grande soddisfazione a noi e ai tifosi. Dobbiamo dare il massimo tutti. Abbiamo già archiviato la partita di domenica contro il Cagliari; pensiamo solo alla Roma. Non li abbiamo mai battuti in stagione. Arriverà in buon momento alla sfida, dopo aver fatto riposare 6 o 7 giocatori. A livello di talento è una delle squadre più attrezzate in Italia, con giovani di qualità e mostri sacri. Può crescere ancora e diventare una delle migliori in Serie A. Sarà un match difficile, ma siamo carichi. Le ultime partite sono andate male ma lo spirito è sempre stato positivo".

FUTURO - "Non credo dipenda da questa partita. La sfida di domani è importantissima, ma non decisiva. Da gennaio in poi abbiamo avuto tanti problemi e ci è mancata la continuità. Giudicheremo la stagione il 30 giugno. i giudizi vengono fatti dall'alto, so che le ultime 10 partite sono importanti. Fino a Natale l'Inter ha battuto le prime 4 in classifica. Esiste il bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto, che ora non voglio prendere in considerazione. Non è che l'Inter sta facendo male da sempre, i miei giocatori hanno dimostrato di potersela giocare con tutti. Poi, ci è successo di tutto. Le riconferme lasciamole a chi mette passione e risorse nella società. Le parole di Moratti? Nelle sue parole ho visto fiducia in me e nella squadra. Ci ha chiesto di dare tutto, per giudicare ci sarà tempo".

SINGOLI - "Benassi rappresenta una delle note positive di questa stagione. E l'ennesimo prodotto del vivaio, un classe 1994 come Kovacic; magari domani giocheranno l'uno affianco all'altro in mezzo al campo.  Non ho ancora dato i convocati perché abbiamo qualche problemino. Chivu? Le sue condizioni sono da valutare, non so se lo convocherò ma è impensabile un suo utilizzo domani. I problemi riguardano altri giocatori, se vedete gli allenamenti sapete chi non è sceso in campo. Abbonatevi a Inter Channel se volete sapere chi sono!

CAGLIARI - "Samuel centravanti? Forte veniva dal Pisa, è rientrato dopo 3 mesi di infortuni e ha fatto solo tre allenamenti con noi. Colombi si è fermato nell'allenamento di venerdì e ho preferito non rischiarlo. C'è anche una motivazione tattica: a Trieste l'ingresso di Samuel significava voglia di recuperare e, in caso di pareggio, mantenere l'equilibrio. L'eventuale squalifica per Pinilla? Resterebbe comunque il rammarico per un rigore che non c'era".

 




Commenta con Facebook