• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Roma, Rocchi sente aria di derby: "Li' ho tanti amici. Ma se segno..."

Inter-Roma, Rocchi sente aria di derby: "Li' ho tanti amici. Ma se segno..."

L'attaccante nerazzurro racconta le sue emozioni alla vigilia del match di Coppa Italia


Tommaso Rocchi (Getty Images)
Andrea Branco

16/04/2013 08:01

INTER ROMA INTERVISTA ROCCHI CORRIERE SPORT / ROMA - Da buon laziale Tommaso Rocchi spera di andare a segno nel match di domani contro la Roma per regalare una gioia soprattutto ai tifosi interisti, ma non solo. La squadra di Stramaccioni deve ribaltare il 2-1 dell'andata e per farlo si affida proprio all'unico attaccante di ruolo rimasto disponibile. Di seguito alcuni estratti dell'intervista pubblicata questa mattina sulle pagine del 'Corriere dello Sport'.

IL DERBY PER ROCCHI - "Una partita speciale e diversa dalle altre. Giocarla dà emozioni straordinarie, vincerla è fantastico. I tifosi della Roma? Mi hanno sempre trattato bene perché ho portato loro rispetto. Ho dimostrato molto attaccamento alla maglia della Lazio, ma senza sfottò o offere".

AMICI GIALLOROSSI - "Ho amici anche tra i calciatori della Roma. Con De Rossi e Perrotta sono stato insieme in Nazionale. Alla Lazio ho avuto come compagno Muzzi, il vice di Andreazzoli, ma con tutte le volte che ci siamo sfidati anche Taddei è diventato un mio amico. Totti? I rapporti con lui sono buoni. Fuori dal campo ci siamo trovati due volte. La prima a Miami: eravamo lì in vacanza entrambi e fu un incontro casuale. Poi lui è stato molto carino a invitarmi a un derby del cuore e da allora ci salutiamo sempre volentieri. E' una persona molto corretta".

RESPONSABILITA'
- "E' normale che avvera la responsabilità, ma sono pronto a dare il massimo e a mettermi a disposizione della squadra. Quando sono arrivato a Milano non stavo bene perché venivo da un periodo in cui non ero mai stato utilizzato e da un infortunio a una mano che mi aveva tenuto fuori un mese. Adesso però mi sento bene: ho lavorato molto, mi sono ambientato e ho trovato il giusto feeling con i compagni. Esultanza doppia in caso di gol? Di certo sarei felice il doppio sapendo che sia gli interisti sia i laziali sarebbero contenti".




Commenta con Facebook