• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Mercato Lazio, polemica Lotito-Sky: "Cavanda? Decido io le regole"

Mercato Lazio, polemica Lotito-Sky: "Cavanda? Decido io le regole"

Le parole rilasciate nel pre-match dal vulcanico presidente biancoceleste


Claudio Lotito (Getty Images)

02/03/2013 21:21

MERCATO LAZIO LOTITO CAVANDA / MILANO - A pochi minuti dal big match di 'San Siro' tra Milan e Lazio ha preso parola ai microfoni di Sky il presidente Claudio Lotito. A tenere banco la delicata situazione di Cavanda, messo fuori per questioni legate al suo mancato rinnovo contrattuale: "Se reintegriamo Cavanda vista l'assenza di Konko? L'esclusione di Cavanda è tecnica, i giocatori devono essere utilizzati per quello che servono. Se è diventato anche Cavanda indispensabile, siamo finiti".

POLEMICA SKY - In un secondo momento Stefano De Grandis presente in studio incalza il numero uno biancoceleste facendogli notare come altri giocatori in scadenza di contratto continuino comunque a giocare nei loro club di appartenenza. Lotito risponde stizzito: "Ma lei mi vuole insegnare a parlare di calcio? Nella mia azienda decido delle regole che valgono per tutti. Noi abbiamo una nostra coerenza che nessuno può disconoscere. Non siamo ostaggio di nessuno, i giocatori sono dei dipendenti che devono seguire i dettami società".

CALCIOTTO E FRECCIATA - "Zarate e Foggia nella serie A di Calcio8? Se ce li pagano, volentieri!". Poi arriva la frecciata all'indirizzo di Cattaneo, conduttore in studio: "In ogni caso la domanda è provocatoria. Per il ruolo che rappresento non deve permettersi di dire quello che sta dicendo quindi impari prima l'educazione". La replica del giornalista: "Ho letto solo un lancio di una notizia, non voleva essere una provocazione"

 




Commenta con Facebook