• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Torino-Napoli, Sarri: "Il secondo posto non vale la natura del nostro campionato"

Torino-Napoli, Sarri: "Il secondo posto non vale la natura del nostro campionato"

Il tecnico dei partenopei presenterà la delicata sfida contro i granata


Maurizio Sarri ©Getty Images

07/05/2016 13:25

TORINO NAPOLI CONFERENZA STAMPA SARRI / NAPOLI - Dopo aver rotto il silenzio stampa, Maurizio Sarri è tornato a parlare anche nelle conferenze stampa alla vigilia dei match. Domani il suo Napoli farà visita al Torino con l'obiettivo di centrare una vittoria utile a blindare il secondo posto e, quindi, l'accesso diretto in Champions League. Calciomercato.it ha seguito la conferenza stampa del tecnico toscano dove ha fatto il punto sulle ultime news Napoli

"Le ultime due partite sono determinanti per noi per il secondo posto, che non vale la natura del nostro campionato. Lo abbiamo fatto ottimo, ci piacerebbe farlo straordinario. La squadra sta bene dal punto di vista fisico. Veniamo da tanti impegni e quindi i giocatori sono stanchi mentalmente, ma abbiamo avuto ottimi riscontri a livello fisico".

STATISTICHE - "Siamo in prima posizione per possesso palla, conclusioni in porta e baricentro: questo significa che dal punto di vista del gioco questa squadra si sta esprimendo bene, dobbiamo diventare più incisivi però".

TORINO - "Il Torino vale molto di più dei punti ottenuti. E' guidata da Ventura, uno dei migliori del panorama nazionale. Sicuramente potranno avere un approccio più libero mentalmente alla partita, dovremo essere bravi a far pesare le maggiori motivazioni".

CALO NEL RITORNO - "Ci sono degli eventi nel corso di un campionato che influiscono anche mentalmente, come il gol di Zaza. Se avessimo segnato noi all’89esimo avreste visto una squadra con maggior entusiasmo successivamente. Ma penso che sia normale: la testa dell’uomo funziona così. Quello con la Roma è stato un episodio sfortunato in una partita che non meritavamo di perdere. La squadra ha interpretato queste sconfitte come un’ingiustizia e quindi ha perso un po’ di entusiasmo in un frangente del campionato, ma sono cose che succedono nel corso della stagione".

OBIETTIVI - "Non dobbiamo vincere: vogliamo vincere. Il Torino già all’andata ci ha dato fastidio, ma - ripeto - spero che i nostri obiettivi tangibili alla fine contino di più. Ma giocare contro una squadra di Ventura non è mai facile".

IMPRESA LEICESTER - "In Italia si sono verificati episodi analoghi, penso al Verona e alla Sampdoria. Ma quest’oggi il calcio inglese è un mondo a parte perché i più poveri sono ricchi. Certo l’impresa del Leicester, al primo scudetto in 132 anni di storia, è qualcosa di incredibile. Per fortuna queste cose succedono nel calcio. Ed è bello che a vincere sia stato un tecnico italiano: questo certifica che il nostro è di alto livello".

CALCIO "ALL'ITALIANA" - "Ognuno fa il calcio che crede. Io se facessi una partita di contenimento, dopo 30 minuti mi alzerei e me ne andrei dallo stadio. Se non volevo proporre il mio calcio sarei rimasto in banca".

FASE DIFENSIVA - "La squadra ha fatto dei miglioramenti nel corso della stagione, ma abbiamo avuto sempre qualche momento di blackout che nei big match abbiamo pagato a caro prezzo".

FORMAZIONE - "Le riflessioni le faccio tutte le settimane. Poi se decido di far giocare sempre gli stessi è perché durante la settimana sono quelli che mi hanno dato più garanzie. Poi è chiaro che in qualche ruolo rimangono dei dubbi che verranno sciolti entro domani".

RECORD HIGUAIN - "Se lui centra degli obiettivi individuali sono felice per lui, ma in questo momento tutte le mie energie sono sull'obiettivo collettivo, quello della squadra. La Champions? Vediamo di entrarci prima...".

D.G.




Commenta con Facebook