• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Calciomercato Roma, Lippi: "Ecco come giocherebbe la mia nuova squadra. De Rossi..."

Calciomercato Roma, Lippi: "Ecco come giocherebbe la mia nuova squadra. De Rossi..."

L'allenatore: "Mi ritrovo a vedere partite e a pensare a cosa farei io"


Marcello Lippi ©Getty Images
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

30/12/2015 08:35

CALCIOMERCATO SERIE A INTERVISTA A MARCELLO LIPPI SU LA GAZZETTA DELLO SPORT / MILANO - L'edizione odierna de 'La Gazzetta dello Sport' propone una lunga intervista a Marcello Lippi, allenatore attualmente senza squadra e accostato di recente anche al calciomercato Roma e Lazio. Calciomercato.it vi riporta i passaggi salienti.

FUTURO - "Non vorrei che qualcuno ora pensasse: 'Si sta mettendo sul mercato'. Non è il mio caso. Ho detto basta alla Cina, ma non ero stanco di calcio. Mi ritrovo a vedere partite e pensare a cosa farei, chi sostituirei. Se capita l'occasione, bene, altrimenti fa lo stesso. Come giocherebbe la mia nuova squadra? Modulo base 4-3-3, ma non con gli attaccanti esterni che si abbassano per contrastare i terzini, tipo 4-5-1. Quando si conquista palla, gli attaccanti esterni si accentrano, gli esterni diventano ali con un corridoio più libero per crossare: se poi hai un centravanti alto, meglio così. E i due centrali difensivi si alzano in linea col play per una difesa a tre. Può farlo la Roma con De Rossi...".

L'IMPORTANZA DI UN ALLENATORE - "È tramontata l’idea che un tecnico conti il 20%. Non è così e non lo è mai stato per Mourinho, Capello, Van Gaal, anche Lippi e altri: sono gli stessi grandi giocatori a pretendere una guida forte e sicura, chi ti fa vincere e migliorare i contratti. Serve un tecnico esperto e competente, che entri nella testa dei giocatori e tiri fuori il meglio".

ALLEGRI - "È concreto, ha buone conoscenze tecnico-tattiche, sa cambiare e ha coraggio. Non era mica da tutti mettere Morata in panchina e individuare in Mandzukic la rabbia e la cattiveria per scatenare una rincorsa fantastica a cui non credeva nessuno. Oppure l’idea di tornare al 3-5-2".

GUARDIOLA - "Guardiola è la prima rivoluzione dopo Sacchi? Certo. Ha creato e allenato la squadra più forte di sempre, il Barcellona. Oggi è uno dei due-tre migliori al mondo. Anche se il numero uno al momento è Ancelotti".

ANCELOTTI - "Nessuno è come lui, grande esperienza da calciatore e poi da allenatore accanto a Sacchi. Ha vinto in ogni campionato e lo farà anche in Germania. Non c’è un calciatore che abbia mai detto una parola negativa nei suoi confronti. Ci vogliono qualità e cultura calcistica".


 




Commenta con Facebook