• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, Seedorf: "Non voglio il posto di Galliani. Balotelli cresciuto, stampa ing

Calciomercato Milan, Seedorf: "Non voglio il posto di Galliani. Balotelli cresciuto, stampa ingiusta"

L'allenatore rossonero ha parlato anche del dualismo in campo con Giampaolo Pazzini


Balotelli e Seedorf (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

27/04/2014 18:26

CALCIOMERCATO MILAN SEEDORF GALLIANI BALOTELLI / ROMA - Importante intervista sui temi societari e non solo per Clarence Seedorf ai microfoni di 'Sky Sport'. Ecco le dichiarazioni dell'allenatore del Milan"False le voci su Galliani infastidito dalla possibilità che io prenda il suo posto? Ci mancherebbe. Credo di avere un rapporto con lui che va un po' oltre: dieci anni insieme, tante volte ci siamo visti anche in Brasile con le famiglie. Non voglio il suo posto, non voglio essere Presidente né dirigente, voglio fare l'allenatore del Milan come mi è stato chiesto. Non so niente di queste voci, ho grandissimo rispetto per il signor Galliani, che mi ha dato grandissima fiducia. La vicinanza della società è fondamentale. I consigli di Galliani sono sempre benvenuti, anzi: ho chiesto la sua vicinanza, importantissima per me come per tutti gli allenatori che sono stati al Milan".

BALOTELLI - "La crescita si è vista chiaramente, solo chi non vuole vedere non vede. E' uscito composto nell'ultima partita, si è comportato esattamente come Honda quando lo tolsi contro la Lazio, ma con il giapponese non ne scaturì un caso. Abbiamo un ottimo rapporto, da adulto a adulto; lui sta crescendo. Di Balotelli deve sempre uscire qualcosa... dal comportamento uscito dal campo non mi è sembrato scomposto. Il gesto che ha fatto verso i compagni l'ho visto migliaia di volte in carriera, finisce lì. Non aiutate la sua crescita, con tanta pressione alla sua età. Gli faccio critiche costruttive, ma non attraverso la stampa, che a volte potrebbe lasciarlo stare. Non è giusto non riconoscere la sua crescita: parla con arbitro e avversari, è conciliante, ma queste cose non vengono esaltate. Si esaltano solo gli aspetti negativi".

PAZZINI - "Lo apprezzo moltissimo e non lo impiego solo quando manca Balotelli. Dà sempre tutto, poi da allenatore decido io nei vari momenti come sfruttare la rosa con intelligenza. Credo che l'equilibrio sia stato trovato".

SOCIETA' - "Io solo? Tante cose dette e scritte, tante critiche gratuite in questo periodo ovviamente hanno causato tanti titoli. La verità è che ho un rapporto frequente con Galliani sin dal mio arrivo e che mi sono sentito col Presidente Berlusconi più volte, l'ultima a Pasqua. Non ho bisogno di conferma ogni settimana: ho un contratto di due anni e mezzo e mi è stato detto chiaramente che non avrei avuto questo accordo così importante se non avessero pensato che avrei fatto bene. Rispetto tantissimo Galliani: prima viene la persona, la famiglia, dopo il lavoro. La società era convinta di portare un uomo che sarebbe stato capace con la sua personalità di gestire questo 'silenzio', forse dovuto a tante altre cose, ma non certo alla fiducia in me, perché sennò non avrei avuto questo contratto".

NON CONCORDATA - 'Sky Sport' fa inoltre sapere che l'intervista non è stata concordata con il Milan, bensì voluta da Clarence Seedorf in persona. Questo sarebbe un ulteriore segnale della distanza tra il tecnico olandese e la società rossonera.

 




Commenta con Facebook