• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Buffon: "La reazione di Osvaldo ci puo' stare". E sulla Champions e il futuro.

Italia, Buffon: "La reazione di Osvaldo ci puo' stare". E sulla Champions e il futuro...

Il capitano degli azzurri ha rilasciato alcune dichiarazioni


Gianluigi Buffon (Getty Images)
Andrea Corti (Twitter: @cortionline)

27/05/2013 15:37

NAZIONALE BUFFON INTERVISTA / COVERCIANO - Nel corso di un'intervista a 'Rai Sport' il capitano della Nazionale Gigi Buffon ha parlato della cerimonia di inaugurazione di una palestra nelle zone colpite dal terremoto lo scorso anno: "Affogare in quel che vive la gente, per noi ragazzi fortunati, è importante, perchè capiamo che c'è gente che vive situazioni difficili e possiamo aiutarla con i nostri atteggiamenti".

AMBIENTE - "Oggi è più sereno di un anno fa, e dovrebbe essere la norma. Vogliamo prepararci bene per la Repubblica Ceca e la Confederations. Abbiamo il dovere di onorare competizione e maglia".

OSVALDO - "Il tweet? Non posso giudicare perchè non ho visto, ne ho solo sentito parlare. Ma c'è una persona sopra le parti in cui abbiamo fiducia come il Mister che saprà prendere la decisione più giusta. Con noi Daniel non ha mai avuto problemi. Le attenuanti sono tante, la posta in palio altissima e in più era un derby. Ci può anche stare che ogni tanto ci si trascini in qualche comportamento o parola di troppo. Qui tutti si sono comportati con il massimo rispetto per tutti. Non ho visto la partita di ieri, ma sapevo il risultato".

CHAMPIONS - "Mi è piaciuta molto la finale, è stata un inno al calcio. Le squadre si sono affrontate a viso aperto con un'altra cultura. Ma non è un problema solo italiano: lo scorso anno il Chelsea si era chiuso in difesa, quest'anno è stato spettacolare. Noi concepiamo il calcio in un'altra maniera: prima vincevamo e nessuno ci faceva caso. Adesso c'è grande distanza a livello economico".

FUTURO - "Mi mancano pochi anni in campo, ma li vorrò vivere intensamente con la Juve e la Nazionale. E' uno degli obiettivi che mi sono posto".

QUALITA' - "Non bastano solo quelle per fare il tipo di carriera che ho fatto io, ci vuole tanta costanza".




Commenta con Facebook