• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Leandro Cantamessa su Champions e arbitri

Leandro Cantamessa su Champions e arbitri

Il legale e membro del consiglio d'amministrazione rossonero intervistato, in esclusiva, da Calciomercato.it


Milan festante dopo la vittoria di Siena (Getty Images)
Alessio Lento (Twitter: @lentuzzo)

20/05/2013 16:31

MILAN ESCLUSIVO CANTAMESSA CHAMPIONS RIGORE ARBITRI / MILANO - A soli sei minuti dal termine del match contro il Siena, il Milan era quarto, fuori dalla zona Champions League. Ma ci hanno pensato Balotelli, su rigore, e Mexes a ribaltare il risultato e a far esultare tutta la dirigenza e i tifosi rossoneri. "Sono scherzi che non si fanno - esordisce sorridendo l'Avvocato Leandro Cantamessa, legale e membro d'amministrazione del Milan, intervistato in esclusiva da Calciomercato.it -, sono riuscito a stare fermo solo un quarto d'ora. La mia impressione è stata che alla notizia del vantaggio della Fiorentina, la 'tremarella' si sia impossessata della squadra. Ho rivisto i fantasmi di Verona (stagione '72/73', sconfitta all'ultima giornata e scudetto alla Juve, ndr). Alla fine, pero', credo che l'approdo ai preliminari di Champions League sia meritato. Certo, non è che il Milan abbia giocato bene negli ultimi tempi, pero', lo dico da tifoso, a volte è importante soprattutto raggiungere l'obiettivo . Il Milan ha il vantaggio di avere in squadra dei fuoriclasse in grado di risolvere le partite e questo ha fatto la differenza"

POLEMICHE ARBITRALI - Ha fatto molto discutere il rigore concesso a Balotelli dall'arbitro Bergonzi: "Intanto, secondo me c'era ma è anche vero che a volte questo tipo di falli non vengono sanzionati - spiega Cantamessa a Calciomercato.it - Ma l'errore è questo, non il fatto di averlo fischiato. Poi tutti sembrano aver dimenticato che El Shaarawy è stato fermato per un fuorigioco inesistente e nel match chiave con la Fiorentina non sono stati dati due rigori al Milan. Non bisogna mai dimenticare che gli arbitri sono esseri umani e, per dirla alla Montella, come un calciatore puo' sbagliare un rigore anche il direttore di gara puo' commettere degli errori".

ALLEGRI - Chiaramente, il discorso non puo' che spostarsi sul futuro del tecnico rossonero. "Ho apprezzato molto le sue dichiarazioni al termine della gara, ha avuto la capacità di non rispondere alle domande pur parlando a lungo. E non è una cosa semplice, vista la grande pressione mediatica. Ed è stato bravo a tenere i nervi saldi per raggiungere l'obiettivo prefissato".




Commenta con Facebook