• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Calciomercato Serie A, da Iachini a Mihajlovic: arriva la resa dei conti

Calciomercato Serie A, da Iachini a Mihajlovic: arriva la resa dei conti

Giornata decisiva in campionato per il destino di molti allenatori


Iachini e Zamparini ©Getty Images
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

16/10/2015 12:00

CALCIOMERCATO SERIE A DA IACHINI A MIHAJLOVIC ARRIVA LA RESA DEI CONTI / ROMA - L'ottava giornata del campionato di Serie A 2015/2016 potrebbe essere ricordata come quella della 'resa dei conti' per molti allenatori di squadre italiane, le cui panchine sono quanto mai a rischio.

Impossibile non partire da Sinisa Mihajlovic, che alla guida del Milan ha collezionato fino ad oggi 9 punti in 7 partite (9 gol fatti, 13 subiti). Il patron Silvio Berlusconi ha richiesto una svolta tattica in vista della partita contro il Torino, in occasione della quale il tecnico potrebbe affidare le proprie sorti ad un Alessio Cerci apparso in 'palla' durante la sosta per le Nazionali. Difficile, al momento, ipotizzare l'esonero per Mihajlovic, dal momento che il Milan ha già al libro paga due allenatori (Seedorf e Inzaghi). Un pesante passo falso contro il 'Toro', però, potrebbe rimettere tutto in discussione.

Bologna-Palermo, in programma domenica alle 12.30, deciderà con ogni probabilità il destino di Delio Rossi e Beppe Iachini. La formazione rossoblu è ultima in classifica a quota 3 punti, con 4 gol fatti e 12 subiti. I rosanero, invece, di punti ne hanno 7 (9 gol realizzati, 12 incassati). Chi sbaglia... paga!

Diversa la situazione di Andrea Mandorlini, alla guida di un Verona falcidiato dagli infortuni (soprattutto in attacco). La classifica piange (4 punti, 6 gol fatti, 10 subiti) ma l'esonero appare improbabile... a meno di un clamoroso tonfo in casa contro l'Udinese, dove Colantuono 'vive' tra alti e bassi.

 




Commenta con Facebook