• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-PARMA

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-PARMA

Llorente impeccabile, Tevez implacabile, 'Ducali' impresentabili


Fernando Llorente (Getty images)
Omar Parretti

09/11/2014 16:50

ECCO LE PAGELLE DI JUVENTUS-PARMA

JUVENTUS

Buffon 6 - Nel primo tempo subisce una sola conclusione in porta e si fa trovare reattivo respingendo a lato; nel secondo tempo si stappa una birra e siede comodo.

Lichtsteiner 7 - Padrone assoluto della fascia destra dello 'Juventus Stadium': spazza via De Ceglie, anestetizza ogni tentativo che passa da quelle parti, dribbla, crea e segna. La sua rete è un notevole pezzo di bravura: stop e tiro al volo da fuori area che si insacca a fil di palo. Pochi minuti dopo regala anche l'assist per il raddoppio di Llorente e a fine partita bissa servendone un altro per Morata.

Bonucci 6 - Pochissimi motivi per scomporsi o per spaventarsi, amministra con autorità e precisione la difesa juventina. Giornata quasi di vacanza.

Chiellini 6 - Si unisce a Bonucci nella gita di piacere odierna, il Parma è davvero nullo in avanti e la sua partita diventa poco più che un allenamento.

Padoin 6,5 - Tanta voglia e tanta determinazione ben applicate sulla corsia sinistra della Juventus: gestisce bene le sparute scorribande gialloblù da quella parte e trova una discreta ispirazione nel salire sulla fascia attacando la profondità.

Romulo 6 - Anche lui ha voglia di dimostrare di non essere arrivato solamente per caso a Torino. Ben inserito nel gioco corale dei bianconeri: propositivo, deciso, caparbio; scade in qualche numero di troppo e viene ripreso da Allegri, ma sono nella sua natura e non combina guai.

Marchisio 6,5 - Non fa il Pirlo, fa il Marchisio ed è quanto basta per prendere il sopravvento sul centrocampo parmense. Smista palloni, aggredisce i portatori di palla, si lancia negli spazi quando è il momento: un factotum prezioso. Dall'81' Mattiello s.v.

Pogba 6,5 - Parte da mezzala sinistra, poi viene dirottato sul settore destro con risultati discreti in entrambe le zone. Vizia il primo gol di Llorente e il secondo di Tevez: sono sue le conclusioni respinte corte da Mirante sulle quali i bomber bianconeri si avventano per le reti che asfaltano il Parma. Positivo senza esagerare.

Tevez 7,5 - Agisce dietro l'unica punta Llorente svariando spesso con il compagno di reparto Pereyra, meno disinvolto rispetto al suo solito ruolo tuttavia efficace. Nel primo tempo ha un solo difetto: si intestardisce troppo in dribbling lunghi e complicati, però basta aspettare la seconda frazione per il suo gol-perla in cui salta tutta la difesa del Parma e deposita in rete il pallone. Poi arriva anche la doppietta da rapinatore d'area. Travolgente. Dal 60' Coman 6,5 - Sfrutta con impegno e dedizione la mezzora affidatagli da Allegri, consegna un assist al bacio per il gol del 6-0 di Morata.

Pereyra 6 - Gioca tra le linee con Tevez in una posizione che gli si addice molto: bei tocchi, molto positivo nel dialogo nello stretto con le mezzali e con il riferimento avanzato Llorente, apre bene gli spazi per i compagni di squadra. Positivo.

Llorente 7,5 - Monumento all'essenzialità e alla semplicità, bomber decisamente di altri tempi nato nell'epoca della ricerca ossessiva dell'estetismo. Segna due reti facili solamente all'apparenza, ma che riesce a rendere un gesto naturale: bravissimo nello sfruttare la respinta corta di Mirante per l'1-0, preciso nel mettere all'angolino basso il suggerimento di Lichtsteiner per il 3-0. Dal 71' Morata 7 - Gli bastano cinque minuti per festeggiare la convocazione in Nazionale con il sesto gol, poi arriva il settimo sigillo bianconero di oggi. Nemmeno venti minuti, due reti, cosa si vuole di più?

All. Allegri 7,5 - Juventus esplosiva con grande temperamento e un gioco fluido molto piacevole, il Parma è praticamente insesistente ma il merito è anche dei bianconeri che amministrano il match con la giusta personalità. Bilanciato e giusto nella scelta dei cambi e della formazione iniziale.

PARMA

Mirante 5 - Colpevole di due respinte corte che portano la Juventus sull'1-0 e sul 5-0, in mezzo ha decisamente poche colpe sulle reti. Gli avversari arrivano da tutte le parti.

Costa 4,5 - In difficoltà su Tevez che riesce a bruciarlo con una certa costanza per tutto l'arco del match. Troppo morbido in marcatura sull' 'Apache' e sempre in ritardo.

Lucarelli 4,5 - Non tiene in piedi un reparto in totale crisi che viene tempestato di reti da una Juventus esagerata. Non regge gli affondi di Tevez e il fisico di Llorente. Giornata nera.

Felipe 4,5 - Si perde Llorente sull'1-0 venendo staccato in velocità dal centravanti juventino, che ha molti pregi ma non è certo un fulmine di guerra. Travolto dallo strapotere bianconero di oggi. 

Rispoli 5 - Non sfonda sulla corsia destra dove duella con un volitivo Padoin. Fa poco, molto poco. Più positivo in fase di interdizione.

Acquah 5 - E' lui il più indicato per coprire e per seguire gli inserimenti delle mezzali bianconere, però riesce solamente a tratti in questo compito: soffre di cali di concentrazione e li paga. Svagato.

Lodi 5 - Poco attivo e poco ispirato: prova a pennellare i suoi lanci lunghi ma non trova mai fortuna; tanto lavoro in fase di contenimento sui due trequartisti juventini, tuttavia da lui ci si aspettano le invenzioni.

Mauri 5,5 - Non c'è lo spazio per andare in inserimento poiché la difesa juventina scherma sempre bene l'area di rigore. Trotterella in mediana ma non trova il bandolo della matassa. Dal 54' Mariga 5,5 - Entra a gara compromessa e non gli si chiede di svoltarla.

De Ceglie 4,5 - Lichtsteiner gli fa girare la testa in più di un'occasione, non lo contiene a dovere e non spinge sull'out mancino con la dovuta continuità. La doppietta all'Inter è già dimenticata. Dal 46' Gobbi 5,5 - Meglio rispetto a De Ceglie, sfrutta anche il secondo tempo più pigro di Lichtsteiner.

Ghezzal 5 - Arrivano pochissimi palloni giocabili e lui non riesce a pungere, addomesticato senza troppi grattacapi dall'attento Chiellini. Partita difficile.

Cassano 5,5 - Predica nel deserto: è l'unico che prova a combinare qualcosa là davanti ma non viene supportato a dovere dai compagni di squadra. Con il passare dei minuti cala fisiologicamente. Dal 64' Belfodil 5 - In poche parole? Non la vede mai.

All. Donadoni 4,5 - In difesa non ci sono voragini, ma veri e propri crateri; in attacco pochissime idee e tutte arrivano dallo stesso uomo, Cassano. Incredibile l'involuzione di questo Parma, che certamente paga le assenze, ma è quasi troppo brutto per essere vero.

Arbitro: Russo 6 - Direzione di gara sostanzialmente semplice non caratterizzata da episodi degni di nota. Tutte regolari le sette reti bianconere, saggio nel redarguire Acquah per un brutto fallo (ammonendolo!) senza buttarlo fuori.

TABELLINO

JUVENTUS-PARMA 7-0 

Juventus (4-3-2-1): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Padoin; Romulo, Marchisio (Dal 81' Mattiello), Pogba; Tevez (Dal 60' Coman), Pereyra; Llorente (Dal 71' Morata). All. Allegri

Parma (3-5-2): Mirante; Costa, Lucarelli, Felipe; Rispoli, Acquah, Lodi, Mauri (Dal 54' Mariga), De Ceglie (Dal 46' Gobbi); Ghezzal, Cassano (Dal 64' Belfodil). All. Donadoni

Arbitro: Carmine Russo

Marcatori: 24' Llorente (J), 29' Lichtsteiner (J), 36' Llorente (J), 50' Tevez (J), 58' Tevez (J), 76' Morata (J), 88' Morata (J)

Ammoniti: 73' Acquah (P)

Espulsi: -




Commenta con Facebook