• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Spagna > Atletico Madrid, Simeone: "Mi piacerebbe tornare ad allenare in Italia"

Atletico Madrid, Simeone: "Mi piacerebbe tornare ad allenare in Italia"

Il tecnico dei 'Colchoneros' parla di Liga, Serie A e Nazionale Azzurra


Diego Pablo Simeone (Getty Images)

21/08/2014 09:56

CALCIOMERCATO ATLETICO MADRID SIMEONE ITALIA SERIE A / MADRID (Spagna) - L'allenatore dell'Atletico Madrid Diego Pablo Simeone ha rilasciato una lunga intervista a 'La Gazzetta dello Sport'. Ve ne riportiamo alcuni estratti:
 

LIGA - "A me non piace mentire alla gente: non possiamo competere con Real Madrid e Barcellona. L’obiettivo è il terzo posto. Siamo una squadra nuova".

ATHLETIC-NAPOLI - "A San Mames sarà dura. La forza della gente e lo stadio nuovo sono fattori da considerare. Napoli favorito? Macché! La Liga è di gran livello, superiore alla Serie A. E l’Athletic lo scorso anno ha fatto 70 punti, non è semplice".

ITALIA - "Mi è dispiaciuto che l’ottima intenzione di Prandelli non abbia potuto concretizzarsi al Mondiale. L'idea trasmessa da Prandelli ha significato un passo avanti per il calcio italiano. Ha lanciato il messaggio di un futbol diverso, sempre solido in difesa ma più attrattivo davanti. Conte? Un allenatore giovane, rinforzato dalla positiva esperienza nella Juve. Spero continui sulla stessa linea di Prandelli".

SERIE A - "Germania, Inghilterra e soprattutto la Spagna hanno mantenuto una creatività superiore alla media per uscire dalla contingenza che fa soffrire il mondo. Speriamo che l’Italia recuperi il suo posto, è il calcio ad averne bisogno. Ribadisco il mio affetto per l’Italia, ho grandi ricordi e un giorno mi piacerebbe tornare da voi. Ai tempi del Catania il calcio italiano era già al limite del fallimento. La ricettà è creatività e coraggio".

S.D.




Commenta con Facebook