• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Champions League, SPECIALE CM.IT: Dortmund e United a caccia di qualificazione e morale

Champions League, SPECIALE CM.IT: Dortmund e United a caccia di qualificazione e morale

I tedeschi in campo alle 18 contro lo Zenit di Spalletti, gli inglesi rischiano ad Atene contro l'Olympiakos


(Getty Images)
Hervé Sacchi

25/02/2014 14:14

CHAMPIONS LEAGUE SPECIALE ZENIT SAN PIETROBURGO BORUSSIA DORTMUND OLYMPIAKOS MANCHESTER UNITED / ROMA - Ritorna l'appuntamento con la Champions League e nel programma odierno - spezzettato per  esigenze di fuso orario - vanno in scena due partite che potrebbero riservare sorprese. Qualche ansia contraddistingue la giornata dei tifosi di Borussia Dortmund e Manchester United da quella dei fans delle compagini rivali. Zenit e Olympiakos potrebbero far felici non solo i propri aficionados, ma anche coloro che dalla Champions League si aspettano qualche variazione sul tema qualificazione. Almeno in questo turno d'andata, dove i top team sono impegnati in trasferta, ci si può attendere veramente di tutto. Ma andiamo a scoprire qualcosa di più su queste squadre.

ZENIT SAN PIETROBURGO-BORUSSIA DORTMUND (ore 18): Terminate le Olimpiade di Sochi, la lente sportiva russa si risposta sul calcio. Lo Zenit è l'unica squadra del Paese ancora in corsa in Champions League. Un'incognita per il Borussia di Klopp che affronterà una squadra oltremodo riposata: il campionato non è ancora ripreso e tale fattore potrebbe favorire lo Zenit dal punto di vista delle energie. I gialloneri di Dortmund, invece, sono reduci dalla batosta (3-0) subita dall'Amburgo nell'ultimo turno, che ha un po' stemperato l'entusiasmo maturato nel periodo post-Natalizio.
Non ci saranno grossi dubbi di formazione: Spalletti deve rinunciare a Shirokov, mentre Danny potrebbe essere recuperato per la panchina. In avanti spazio al nuovo acquisto José Salomon Rondon. Klopp farà ancora a meno degli assenti Bender, Blaszczykowski, Gündogan e Subotic, mentre sono recuperati Hummels e Lewandowski.

ZENIT SAN PIETOBURGO (4-2-3-1): Lodygin; Ansaldi, Hubocan, Lombaerts, Criscito; Fayzulin, Witsel; Hulk, Shatov, Danny; Kerzhakov.
BORUSSIA DORTMUND (4-2-3-1): Weidenfeller; Grosskreutz, Hummels, Papastathopoulos, Schmelzer; Sahin, Kehl; Aubameyang, Mkhitaryan, Reus; Lewandowski. 

OLYMPIAKOS-MANCHESTER UNITED (ore 20.45): Il pareggio contro l'Arsenal e la vittoria contro il modesto Crystal Palace hanno riportato un timido sole sulla sponda 'United' di Manchester. L'esame Champions League può consentire a Moyes di riportare definitivamente il sereno nella sua truppoa o, diversamente, affossare il morale e stroncare  il tentativo di rimonta in Premier League: lo United attualmente ha cinque punti di ritardo nei confronti del quinto posto, che vale la qualificazione all'Europa League. Sorride l'Olympiakos, che invece sta letteralmente dominando il suo campionato con ben 20 punti di vantaggio sul PAOK Salonicco. Ha vinto le ultime sette gare di campionato, mentre nelle ultime tre ha messo a segno ben 13 reti. A ben vedere la cessione di Mitroglu nel mercato di gennaio non si è fatta sentire. Anzi, l'Olympiakos ha saputo puntellare la rosa con rinforzi adatti al contesto: tra i nomi noti, anche l'ex Valencia Nelson Valdez e Hernan Perez, precedentemente al Villarreal.
A livello di formazioni, Moyes non potrà affidarsi a Mata, che ha già disputato la Champions con il Chelsea, mentre degli altri infortunati, solo Nani è sicuro di non esserci. Chicharito Hernandez, Welbeck, Evans, Jones e Rafael sono recuperabili, ma non saranno titolari. Dentro la formazione tipo con Januzaj a sinistra e Valencia sulla corsia opposta, mentre Rooney agirà alle spalle di van Persie. Nell'Olympiakos, Valdez ha recuperato e sarà titolare in avanti. Attenzione a Scepovic, reduce da una tripletta nell'ultimo turno. Non dovrebbero farcela, invece, Saviola e Siovas, ai box.

OLYMPIAKOS (4-2-3-1): Roberto; Salino, Medjani, Manolas, Bong; Maniatis, Samaris; Campbell, Domìnguez, Fuster; Valdez.
MANCHESTER UNITED (4-2-3-1):
de Gea; Smalling, Vidic, Ferdinand, Evra; Fellaini, Carrick; Valencia, Rooney, Januzaj; van Persie.




Commenta con Facebook